Venerdì 19 Aprile 2019 | 12:16

NEWS DALLA SEZIONE

VERDURE E LEGUMI DIMOSTRATI ANTICANCRO
Alimentazione e tumore della vescica

Alimentazione e tumore della vescica

 
MIGLIORA L’ADERENZA DEI MALATI ALLA TERAPIA
Telemedicina, sì al progetto pilota Asl Bat

Telemedicina, sì al progetto pilota Asl Bat

 
MENO RICOVERI - DIMEZZATA LA MORTALITÀ
Cuore matto, la telemedicina può curarlo

Cuore matto, la telemedicina può curarlo

 
GIORNATA MONDIALE DELLO SPORT
Società italiana ortopedia: importante l'attività fisica

Società italiana ortopedia: importante l'attività fisica

 
La donna è molto spesso sola
Tumore ovarico, cosa vorrebbero le pazienti dall'ospedale

Tumore ovarico, cosa vorrebbero le pazienti dall'ospedale

 
DAGLI ESPERTI SETTE SUGGERIMENTI
Rivoluzione in diagnosi e terapia dei tumori

Rivoluzione in diagnosi e terapia dei tumori

 
ITALIA FANALINO DI CODA IN UE PER SPESA PRO-CAPITE
Sanità digitale, chiave d'efficacia - efficienza

Sanità digitale, chiave d'efficacia - efficienza

 
SINO AL 21 APRILE INVIARE IDEE INNOVATIVE
MSD - Crowdcaring

Progetto crowdfunding dedicato alla salute

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
BrindisiA Ostuni
Fu investita: multata perché non attraversò sulle strisce

Fu investita: multata perché non attraversò sulle strisce

 
TarantoIn località Sabbione
Derturpata zona protetta dove vivono i fenicotteri: sequestri

Derturpata zona protetta dove vivono i fenicotteri: sequestri

 
LecceVerso il voto
«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

 
FoggiaAccoglienza
Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

MIGLIORA L’ADERENZA DEI MALATI ALLA TERAPIA

Telemedicina, sì al progetto pilota Asl Bat

Grazie a “Vicini di salute”, il progetto educazionale Pfizer. S. ì e Philips in collaborazione con la School of Management del Politecnico di Milano, i pazienti affetti da fibrillazione atriale in cura presso l’ASL BAT coinvolti hanno raggiunto una regolarità di assunzione della terapia pari al 99,7%

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

Telemedicina, sì al progetto pilota Asl Bat

Grazie a “Vicini di salute”, il progetto educazionale Pfizer. S. ì e Philips in collaborazione con la School of Management del Politecnico di Milano, i pazienti affetti da fibrillazione atriale in cura presso l’ASL BAT coinvolti hanno raggiunto una regolarità di assunzione della terapia pari al 99,7%. Vicini di Salute ha puntato fortemente a formazione e sensibilizzazione sia del paziente, rendendole a portata di tablet e migliorando la consapevolezza nei confronti della propria patologia, che alla formazione continua del personale della struttura.

Nella Regione Puglia si registrano 48.360 casi di fibrillazione atriale. La mancata aderenza alla terapia, che si verifica nel 60% dei casi, è la principale causa di inefficacia del trattamento farmacologico. Ciò si traduce in un aumento degli interventi di assistenza sanitaria, costituendo un danno per i pazienti e producendo una serie di costi, diretti e indiretti, per il sistema sanitario e per la società.

Il progetto educazionale Vicini di Salute ha dimostrato che, per la fibrillazione atriale, un dispositivo di telemedicina, con controllo da remoto del paziente, può rappresentare un’ottima opportunità per avvicinare lo specialista al suo assistito e migliorare significativamente la regolarità di assunzione della terapia. La soddisfazione rispetto al processo di cura ha ottenuto un punteggio di 8,2 su 10 mentre l’aderenza terapeutica è stata pari al 99,7%. I medici invece hanno valutato molto positivamente la facilità di accesso (punteggio 4,7 su 5) e la numerosità delle informazioni sui pazienti (punteggio 4,6 su 5).

“La fibrillazione atriale è l’aritmia cardiaca che – dice Giuseppe Diaferia direttore UOS, Riabilitazione cardiologica, ASL BAT - assorbe più risorse sia per la sua diffusione, sia per le misure che è necessario adottare per la sua gestione. La gestione di patologie croniche può nascondere molte insidie: ci può essere una sorta di assuefazione sia da parte del paziente sia da parte del Medico, che col tempo possono tendere ad abbassare il livello di attenzione, con conseguenze gravissime, potenzialmente anche letali. Non è difficile riscontrare come i pazienti, soprattutto se anziani e politrattati, tendano nel tempo a ridursi autonomamente la terapia esponendosi così ad enormi rischi; gli stessi medici col tempo possono tendere a seguire con minore attenzione l’evolversi di malattie sì croniche, ma in continua evoluzione clinica”.

“Il progetto ha dato ottimi risultati. Grazie al dispositivo – aggiunge il direttore sanitario, ASL BAT, prof. Vito Campanile - il paziente ha ricevuto periodicamente un reminder che lo ha aiutato nella aderenza alla terapia e al follow up, assieme a richieste di monitoraggio dei parametri vitali e messaggi motivazionali. Il clinico è stato inoltre facilitato nella raccolta dati che riguarda ogni paziente”.

“Nel complesso - dice Alessandro Delle Donne, direttore generale ASL BAT anche i pazienti si sono detti molto soddisfatti del progetto pilota, grazie alla percezione di una maggior attenzione dei clinici nel loro processo di cura e al forte sentimento di appartenenza creatosi grazie al loro coinvolgimento. Con la partecipazione contemporanea di più pazienti si è avuto un costruttivo scambio di informazioni e di esperienze tra i pazienti stessi”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400