Martedì 04 Ottobre 2022 | 05:09

In Puglia e Basilicata

Troppe domande pervenute, alcune non avevano neanche i requisiti

La Puglia non ha i soldi per tutti gli assegni di cura

La Puglia non ha i soldi per tutti gli assegni di cura

Difficile trovare le coperture economiche

05 Agosto 2019

Michele Pacciano

DiversaMente

Michele Pacciano

L'handicap è un dramma. Ma può anche diventare uno stimolo e una possibilità, uno sguardo diverso sul mondo. Proviamo ad andare oltre la rabbia e il piagnisteo. Capovolgiamo la prospettiva, guardiamo i problemi dall'interno, cerchiamo insieme le soluzioni.

 

Pur nel pieno dell'estate, col solleone che impazza e non dà tregua, c'è chi non va mai in vacanza. Tra questi forzati delle città vuote, ci sono anche i genitori dei disabili gravi, adulti e bambini, che anche a costo di grandi sacrifici hanno deciso di tenere i loro cari in casa, dando loro una  vivibilità di gran lunga migliore di quella che avrebbero potuto trovare  in un qualsiasi istituto di riabilitazione e cura.

Questa scelta coraggiosa, comporta tuttavia un grande dispendio di energie, di risorse e anche di forze fisiche, che spesso devono fare i conti con l'età avanzata dei genitori e dei parenti che assistono una persona con gravi disabilità, spesso multiple, di natura psichica, o neuromotoria.

Le famiglie pugliesi speravano di tirare un sospiro di sollievo con l'erogazione dei nuovi assegni di cura da parte della Regione.

La Puglia ha Infatti stanziato un totale di 25 milioni di euro per far fronte ai bisogni dei disabili gravi che risultassero ancora a carico delle famiglie. Le domande pervenute agli uffici competenti anno di gran lunga superato il budget previsto e molte famiglie, pur essendosi visto riconosciuto il diritto all'assegno integrativo della pensione di invalidità e dell'accompagnamento, si sono visti recapitare a casa una lettera nella quale gli veniva detto che la loro pratica era stata approvata ma non era al momento finanziabile.

La Regione deve certamente fare i conti con la cronica carenza di Fondi, ma le organizzazioni che rappresentano le persone con disabilità,  tra cui ANFFAS regionale Puglia e Basilicata, rilevano come le erogazioni a tutt'oggi destinate alle famiglie, siano veramente esigue. Oltre alla normale disperazione, tra i familiari dei disabili serpeggia ora un nuovo malessere, che nella comune disillusione, potrebbe presto trasformarsi in una bomba sociale. Forse non solo in Puglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Calendario dei post

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725