Giovedì 27 Febbraio 2020 | 12:26

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari, 2-2 a Terni. Pareggio amaro: la Reggina se ne va, il Monopoli si avvicina

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batcos aci faceva lì
Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

 
Tarantoil siderurgico
Mittal, attese domani firme su accordo ex Ilva. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

Mittal, attese domani firme su accordo. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

 
NewsweekLa storia
Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

 
BariL'iniziativa
Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

 
Leccelibri
«Il gioco di Lollo», la giornalista Federica Angeli a Martano racconta la sua lotta contro la mafia

«Il gioco di Lollo», la giornalista Federica Angeli a Martano racconta la sua lotta contro la mafia

 
BrindisiLa curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
MateraIl recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 

I fichi mandorlati.

A scuola di cucina

Asya Argentieri

Asya Argentieri

Asya Argentieri è una studentessa al secondo anno della Triennale di Scienze Gastronomiche a Pollenzo. L'obiettivo che si prefigge questo blog è quello di far conoscere ogni aspetto del cibo e trasferire la passione della buona cucina non solo a coloro che ne conoscono il lato gustativo. Il cibo infatti, è molto di più di quello che viene rappresentato a tavola e che spesso non viene raccontato. La passione di Asya che per ragioni di studio ora gira il mondo allo scopo di conoscere le diverse culture e i metodi applicati alla cucina «deriva - racconta - anche dal luogo in cui sono nata: la Puglia». «Una regione in cui - aggiunge - nel passato il cibo assumeva particolari significati e che oggi abbiamo perso di vista».

La storia narra che le terre del brindisino siano state (e sono) le terre con la maggior produzione di mandorle e fichi della Puglia. Queste campagne vantavano decine di cultivar di mandorle e di fichi, e con questi frutti, si preparava un dolce tradizionale: il fico mandorlato. Questa tradizione era diffusa in tutto il sud Italia, soprattutto tra le famiglie contadine. Però l'idea di arricchire i fichi essiccati con la mandorla, nasce nel territorio brindisino dove le famiglie iniziarono ad utilizzare la mandorla ed il fico per rendere un dolce molto povero, più complesso nel gusto e più ricercato.

La cultivar utilizzata per produrre il fico secco è “Dottato”, una pregiata varietà di fico diffusa nel Meridione; in particolare, il prodotto deriva da uno specifico ecotipo della cultivar Dottato, selezionato e diffuso nel tempo nell'area Mediterranea. Viene detto fico bianco a causa del colore giallo chiaro uniforme della buccia dei frutti essiccati, che successivamente diventa più marrone per coloro che hanno subito un processo di cottura. La polpa è pastosa, molto dolce, gialla ambrata, con acheni prevalentemente vuoti e ricettacolo interno quasi interamente pieno. Queste caratteristiche elencate identificano l'eccellenza del prodotto. Esse dipendono sia dalle qualità intrinseche della cultivar in questione ma anche dall'ambiente di coltivazione e di lavorazione dei fichi. È presente una buona fertilità del suolo e un buon regime pluviometrico, condizioni ottimali per la produzione del fico.

Le fasi successive alla raccolta, ossia quella di essiccazione e lavorazione del prodotto, si svolgono per intero nell'area geografica di produzione, presso specifiche strutture agricole che mettono in relazione l'uomo e l'ambiente, senza trascurare la qualità del prodotto. I fichi della varietà Dottato si raccolgono nel mese di agosto e nei primi giorni di settembre, quindi aperti e sistemati su stuoie di cannicci e messi ad essiccare al sole per almeno cinque giorni. Una volta essiccati, all'interno si aggiunge la mandorla tostata, finocchietto selvatico e scorza di limone e poi vengono accoppiati. Dopo di ciò, i fichi vengono cotti a fuoco lento per un'ora. Il fico così lavorato può essere conservato per un anno, mantenendo tutte le proprietà organolettiche, senza aggiunta di conservanti.

I fichi secchi sono un alimento ad alto contenuto energetico: 100 g apportano circa a 270 kcal mentre il frutto fresco ha meno calorie: solo 50 kcal per 100 g. Tra i vari nutrienti presenti nel fico, i carboidrati sono i più abbondanti, circa il 58 % mentre il contenuto proteico e di grassi è minimo, circa il 3,5% e il 2,7 %. L'apporto di fibra alimentare è ottimo, in quanto il 13% del peso dei fichi secchi è costituito da fibra. Questo è dovuto alla presenza di siconina che li rende anche utili per il mantenimento delle normali funzioni intestinali. Sono frutti ricchi di sali minerali, potassi, ferro, magnesio e di vitamina C e A. Questo frutto, anche da essiccato, ha un'elevata digeribilità garantita dalla presenza di mucillagini ed enzimi.

 


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie