Mercoledì 24 Ottobre 2018 | 02:18

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Cerignola, muore a 38 anni in ospedale: i familiari vogliono chiarezza

Cerignola, muore a 38 anni in ospedale: i familiari vogliono chiarezza

 
Tutela ambientale
Il ministro Costa «laurea» l'Ateneo di Foggia: è il primo «plastic free»

Il ministro Costa «laurea» l'Ateneo di Foggia: è il primo «plastic free»

 
Il caso
Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della Caritas: arrestato

Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della Caritas: arrestato

 
A Foggia
Blogger e influencer raccontano il cibo: ecco la social dinner

Blogger e influencer raccontano il cibo: ecco la social dinner

 
Indaga la Polizia
Foggia, grave un ragazzo 18 anni«Pestato da buttafuori discoteca»

Foggia, grave un ragazzo 18 anni: «Pestato da buttafuori discoteca»

 
A Cerignola
Rigenerazione urbana: street art nel rione Torricelli

Rigenerazione urbana: street art nel rione Torricelli

 
Blitz della Polizia
Foggia, catturata banda di rapinatori: colpi in negozi e gioiellerie, 5 arresti

Cerignola, catturata banda di rapinatori con la «mazzuola» Vd

 
Sanità
Foggia, stabilizzati 105 precariall'Asl dopo più di 10 anni

Foggia, stabilizzati 105 precari
all'Asl dopo più di 10 anni

 
A Foggia
Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà più avvicinarsi

Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà più avvicinarsi

 
Trasporti
Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Era ai domiciliari

Finisce in carcere un pregiudicato di Vieste

Nonostante il regime degli arresti domiciliari cui era stato sottoposto a seguito dell’arresto per porto e detenzione di arma clandestina, Perna incontrava pregiudicati nella propria abitazione

VIESTE (FOGGIA) - Per violazione delle prescrizione sugli arresti domiciliari, la polizia ha condotto in carcere Girolamo Perna, pregiudicato di 27 anni, ritenuto elemento di spicco dell’omonimo clan di Vieste. Nella cittadina garganica è in corso da qualche tempo una sanguinosa guerra di mafia tra i tre clan in lotta (Raduano, rivale dei Notarangelo e dei Perna), per il controllo del traffico di droga.

Dal gennaio 2015, quando fu ucciso il boss storico Angelo Notarangelo, sono stati compiuti otto omicidi (tra gli altri quello di Onofrio Notarangelo, fratello del boss Angelo, il 27 gennaio 2017; e di Giambattista Notarangelo, del 6 aprile 2018, cugino del boss), quattro agguati sono invece falliti e c'è stata la scomparsa, nel maggio 2017, di Pasquale Notarangelo, di 26 anni, figlio di Onofrio, ritenuto vittima della lupara bianca.

Perna, nonostante fosse agli arresti domiciliari per porto e detenzione di arma, avrebbe incontrato presso la sua abitazione vari pregiudicati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400