Sabato 20 Luglio 2019 | 09:25

NEWS DALLA SEZIONE

Società fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
Lirica
Bari, nel 2020 al Petruzzelli arriva Riccardo Muti: le anticipazioni della stagione

Bari, nel 2020 al Petruzzelli arriva Riccardo Muti: le anticipazioni della stagione

 
L'anniversario
Strage via D’Amelio, a Bari un giardino intitolato all'agente di scorta Loi

Strage via D’Amelio, a Bari un giardino intitolato all'agente di scorta Loi

 
Liquami in mare
Torre Quetta, revocato divieto di balneazione: ok le analisi di Arpa Puglia

Torre Quetta, revocato divieto di balneazione, Decaro contro Aqp: «Basta disservizi»

 
Gli arresti
Tre rapine in tre mesi a Bitonto: due giovani in manette

Tre rapine in tre mesi a Bitonto: due giovani in manette

 
I controlli
Lavoro nero, blitz dei cc a Palese e Santo Spirito: multati 2 lidi

Lavoro nero, blitz dei cc a Palese e Santo Spirito: multati 2 lidi

 
I nuovi assetti
Bari, finisce la faida di Madonnella: clan Strisciuglio in ritirata

Bari, finisce la faida di Madonnella: clan Strisciuglio in ritirata

 
Il ciak
Riccardo Scamarcio a Gravina, al via le riprese del film «Ciccio Paradiso»

Riccardo Scamarcio a Gravina, al via le riprese del film «Ciccio Paradiso»

 
La tragedia
Bari, bagno di sera a Pane e Pomodoro: muore stroncato da malore 70enne russo

Bari, 70enne russo muore dopo bagno a Pane e Pomodoro: forse un malore

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiBottino di 25mila euro
Colpo al mobilificio in pieno giorno nel Brindisino: arrestato 57enne latitante

Colpo al mobilificio in pieno giorno nel Brindisino: arrestato 57enne latitante

 
TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
BariSocietà fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

Quartiere Japigia

Bari, in 7 pestarono due adolescenti: denunciati, tra loro il nipote di un boss

L’aggressione scattò ad aprile scorso, dopo che i due ragazzi uscirono da una scuola del rione Madonnella

I carabinieri hanno individuato e denunciato a piede libero, per lesioni personali aggravate in concorso, tutti i presunti componenti di una baby gang accusata di avere aggredito due loro coetanei all’imbocco del sottopasso Marconi, a Bari. L’episodio risale al 30 aprile scorso quando un 16enne e un 15enne furono picchiati brutalmente da un gruppo di sette ragazzi, di età compresa tra i 16 e i 13 anni, di cui uno nipote del boss del quartiere Japigia.

L’aggressione scattò dopo che i due ragazzi uscirono da una scuola del rione Madonnella. Uno dei due si accorse che dei giovani stavano inseguendo, con intenti tutt'altro che pacifici, un suo compagno di classe e decise di pedinarli a distanza. Giunto all’imbocco del sottopasso, si accorse che l’amico stava subendo una violenta aggressione fisica. Terminato il pestaggio, gli aggressori si accorsero della sua presenza, lo raggiunsero e gli sferrarono un pugno al volto costringendo entrambi gli adolescenti a ricorrere alle cure dei medici del Pronto soccorso.
Le indagini condotte dai Carabinieri, oltre a fare luce su quanto accaduto, hanno permesso anche di identificare tutti gli autori del pestaggio. Fondamentale per l’identificazione della gang è stata la comparazione dei filmati estrapolati dai sistemi di videosorveglianza con le immagini di profilo utilizzate sui social network dai ragazzi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie