Domenica 23 Settembre 2018 | 11:56

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

il progetto dell'Eni

Dal consiglio dei ministri
l’«ok» a Tempa Rossa

Da Roma l’indicazione a superare il dissenso della Regione

Dal consiglio dei ministri l’«ok» a Tempa Rossa

Pamela Giufrè

Via libera al progetto Tempa Rossa. Il Consiglio dei Ministri ha infatti deliberato di superare il dissenso della Regione Puglia e di consentire la prosecuzione del procedimento per l’adeguamento delle strutture di logistica all’interno della Raffineria di Taranto, richiesto da Eni S.p.a., con specifico riferimento all’autorizzazione paesaggistica, a norma dell’articolo 14-quater, comma 3, della legge 7 agosto 1990, numero 241.

In una nota pervenuta da Palazzo Chigi si spiega che «la delibera tiene conto del fatto che il progetto costituisce un importante tassello nell’ambito delle opere strategiche previste dal piano degli interventi nel comparto energetico e che le opere previste sono già state oggetto di valutazione positiva sotto i profili della tutela ambientale e della sicurezza da parte delle competenti amministrazioni». Oltre però, il comunicato stampa relativo alla seduta del Consiglio dei ministri del 16 marzo scorso, non va. Si parla di «strutture di logistica» senza ulteriori specificazioni. Quel che è certo è che la loro collocazione è «presso la raffineria di Taranto». Non è dunque precisato se si tratta delle strutture logistiche necessarie ad Eni per stoccare il greggio proveniente da Tempa Rossa.

Alla sezione altre deliberazioni del documento relativo ai provvedimenti licenziati, non viene specificata la funzione di questi impianti. Il via libera dato dal Governo è invece piuttosto chiaro. Il termine “strutture logistiche” compariva anche in un altro comunicato stampa del Consiglio dei ministri datato 22 dicembre 2017 in cui si diceva testualmente che lo stesso Consiglio dei ministri aveva deliberato «il superamento della mancata intesa e il consenso alla prosecuzione del procedimento dell’istanza di autorizzazione per l’adeguamento delle strutture di logistica presso la raffineria di Taranto della società Eni Spa, in considerazione della grande rilevanza strategica dell’opera per le politiche energetiche nazionali».

Anche questo però non chiarisce se è sui due serbatoi e su di un tratto di conduttura funzionali al progetto Tempa Rossa che si vuole superare il «dissenso della Regione Puglia». È per questo che i parlamentari pugliesi del Movimento 5 Stelle ed il consigliere regionale di LeU, Cosimo Borraccino, in queste ultime ore sono intervenuti sull’argomento chiedendo chiarezza, anche di fronte ad una mancata reazione da parte della Regione Puglia che pure è interessata dalla vicenda in quanto la deliberazione dell’esecutivo permette di superare le osservazioni che la stessa ha presentato.

«A meno di una settimana dall’insediamento del nuovo Parlamento - scrivono i deputati M5S - il Consiglio dei ministri di un governo politicamente scaduto e fuori da ogni possibile controllo parlamentare, concede il disco verde all’adeguamento delle strutture di logistica presso la raffineria Eni di Taranto. Siamo al cospetto dell’ennesima scorrettezza contro il territorio e i cittadini. Questa volta - aggiungono i grillini - aggirando la volontà della Regione Puglia che aveva approvato una mozione del M5S contro il progetto, l’esecutivo nazionale segue lo stesso copione della delibera di dicembre 2017 e quello del rinnovo della Valutazione d’Impatto Ambientale, nonostante Eni non avesse ottemperato alla prescrizione sul monastero di Santa Maria della Giustizia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Taranto, dubbi sulle ceneri usate da Cementir: «Più chiarezza»

Taranto, dubbi sulle ceneri usate da Cementir: «C'è bisogno di chiarezza»

 
Martinata, fucili di precisione e pistola in casa: in cella 53enne

Martina Franca, pistole a fucili di precisione in casa: in cella 53enne

 
Taranto, pesta a sangue un marocchino: in manette un 39enne

Lite tra due dipendenti del circo: in manette un 39enne, un ferito grave

 
Taranto, strage di Palagiano: autori ancora ignoti

Taranto, strage di Palagiano: autori ancora ignoti

 
Taranto, tenta rapina in tabaccheria e ferisce il proprietario: arrestato

Taranto, tenta rapina in tabaccheria e ferisce il proprietario: arrestato

 
Tra le strade di Grottaglie come in Fast and Furious: arrestato

Tra le strade di Grottaglie come in Fast and Furious: arrestato

 
Massafra, beccato con hashish, cocaina e marijuana: arrestato 18enne

Massafra, beccato con hashish, cocaina e marijuana: arrestato 18enne

 

GDM.TV

Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 
Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 

PHOTONEWS