Domenica 21 Ottobre 2018 | 00:03

NEWS DALLA SEZIONE

Scoperta dal Noe di Lecce
Manduria, piantagione ulivi trasformata in discarica

Manduria, piantagione ulivi trasformata in discarica

 
Consegnate al comune
Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolte 4mila firme

Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolt...

 
Nel Tarantino
S.G. Jonico, autocarro investe e uccide ciclista 80enne

San Giorgio Jonico, autocarro investe e uccide ciclista...

 
Dopo l'intervento
Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemelli

Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemel...

 
Lotta allo spaccio
Marina di Ginosa, ritrovati 60 kg di marijuana in un casolare: 2 arresti

Marina di Ginosa, ritrovati 60 kg di marijuana in un ca...

 
Il caso
Taranto, provocò un incidente in cui una bimba rimase gravemente ferita: a giudizio 23enne

Taranto, provocò incidente e bimba perse una mano: a gi...

 
Il siderurgico
Ilva, il tempo stringe: chi assumerà Mittal? Lavoratori ancora al buio

Ilva, il tempo stringe: chi assumerà Mittal? Lavoratori...

 
A Sava (TA)
Taranto, estorce 1.500 euro e minaccia un 15enne per droga: arrestato 17enne

Taranto, estorce 1.500 euro e minaccia un 15enne per dr...

 
Sanità
Vivibilità ospedali, asl Taranto prima in Puglia

Vivibilità ospedali, asl Taranto prima in Puglia

 
Nel Tarantino
Scarico di acque reflue a Martina Franca, sequestrato depuratore aziendale

Scarico di acque reflue a Martina Franca, sequestrato d...

 
Taranto
Staff al comune, 3 indagati per truffa e abuso d'ufficio

Staff al comune, 3 indagati per truffa e abuso d'uffici...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più visti della sezione

i più letti

L’esproprio dell’Ilva subito da Riva Fire sarebbe avvenuto in base a due perizie senza «attendibilità scientifica» e «probatoria»

Ilva, memoria dei Riva alla Ue
«Inattendibili i dati di Taranto
sull'inquinamento ambientale»

Ilva

L'Ilva

ROMA - Gli ex azionisti dell’Ilva non ci stanno a passare come gli inquinatori di Taranto. Lo ribadiscono in tutti gli atti, dai ricorsi al Tar contro quello che ritengono un «esproprio ingiusto», alle memorie inviate a Bruxelles. L’ultimo documento, datato 20 maggio, è la memoria inviata alla Direzione Concorrenza della Commissione Ue, nel quadro della procedura avviata da Bruxelles per presunti aiuti di stato all’Ilva procedura alla quale Riva Fire partecipa come soggetto interessato.

Nel documento si sottolinea che l’esproprio dell’Ilva subito da Riva Fire è avvenuto in base a due perizie senza "attendibilità scientifica» e «probatoria» assunte dal Gip di Taranto, «senza contraddittorio con palese violazione dei più basilari cardini della Costituzione italiana e della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo».

Gli ex azionisti di maggioranza dell’Ilva sottolineano anche che i dati sull'inquinamento a Taranto usati dalle perizie sono "aggregati», cioè non sarebbero imputabili solo all’Ilva ma anche ad altri stabilimenti che insistono sull'area: «il petrolchimico di Eni», «l'arsenale militare», «i grandi stabilimenti di produzione di cemento» di Cementir.

Nella memoria Riva Fire (oggi in liquidazione) tenta di smentire «una rappresentazione gravemente distorta e spesso contraddittoria» della «vicenda Ilva». Non è vero ad esempio che, ai tempi della privatizzazione dell’Ilva lo Stato regalò il Siderurgico al gruppo ai Riva. Il prezzo pagato nel 1995 fu di 1.650 miliardi di lire (850 milioni di euro) inoltre Riva Fire si accollò i debiti per circa 1.500 miliardi di lire (775 milioni di euro) per un «investimento complessivo di oltre 1,6 miliardi di euro». All’epoca con una cifra così ci si poteva comprare il 15% di Fiat. Nel 1995, si legge nella memoria, "l'Ilva era una società altamente inefficiente registrava perdite per 500 milioni di euro l’anno». Con la privatizzazione cominciò un ciclo virtuoso. Quanto alle misure ambientali; «Nel solo stabilimento di Taranto sono stati investiti 1,1 miliardi».

Parlando ancora delle due perizie, la memoria contesta «errori tecnico scientifici» e «inconsistenza probatoria». Le risultanze epidemiologiche sarebbero prive «di ogni validità scientifica" perché «contravvenendo ai canoni della comunità scientifica (...) utilizza anche intervalli di confidenza dell’80%» e non del 95%. In altre parole i periti hanno accettato di sbagliare 1 volta su 5 anziché 1 volta su 20. Inoltre la perizia «formula stime di malattie e di decessi applicando un valore delle emissioni diverso da quello previsto dalla legge in vigore in Italia e pari a 40 micro-g/m3» usando invece il «valore obiettivo auspicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2006 pari a 20 micro-g/m3». Un valore che «l'Italia - come la grande maggioranza dei Paesi europei - non ha ancora recepito».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400