Martedì 19 Gennaio 2021 | 07:36

NEWS DALLA SEZIONE

controlli del CC
Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

 
la decisione
Mittal Taranto, richiamatati 38 lavoratori in Gics per operazioni di bonifica

Mittal Taranto, richiamati 38 lavoratori in Gics per operazioni di bonifica

 
I numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
L'intervista
«Taranto cresce per cambiare il Sud»: le parole del sindaco Melucci

«Taranto cresce per cambiare il Sud»: le parole del sindaco Melucci

 
Il caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Il ritrovamento
Taranto, ritrovati nella biblioteca Acclavio gli scritti originali di Salvatore Quasimodo

Taranto, ritrovati nella biblioteca Acclavio gli scritti originali di Salvatore Quasimodo

 
Il processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
La decisione
Taranto, stop sospensione attività; lunedì rientro per asili nido e scuole dell'infanzia

Taranto, stop sospensione attività: lunedì rientro per asili nido e scuole dell'infanzia

 
l'iniziativa
Maruggio, saturimetri consegnati a cittadini positivi al Covid

Maruggio, saturimetri consegnati a cittadini positivi al Covid

 
L'operazione
Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

Taranto, Guardia Costiera contro la pesca di bianchetto: sequestri e 4mila euro di multa

 
L'intervista
Taranto, parla il questore: «Il Covid ha cambiato la mala»

Taranto, parla il questore: «Il Covid ha cambiato la mala»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barile indagini
Bari, inchiesta escort: in 5 rischiano processo per falsa testimonianza su serate con Berlusconi

Bari, inchiesta escort: in 5 rischiano processo per falsa testimonianza su serate con Berlusconi

 
Lecceoperazione dei CC
Racale, in due circostanze tenta rapina con arma giocattolo: fugge a mani vuote e viene arrestato

Racale, in due circostanze tenta rapina con arma giocattolo: fugge a mani vuote e viene arrestato

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
Tarantocontrolli del CC
Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

 
Covid news h 24prevenzione
Foggia, oltre 2.500 operatori sanitari sottoposti a vaccino anti Covid

Foggia, oltre 2.500 operatori sanitari sottoposti a vaccino anti Covid

 
Potenzala protesta
Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

 
MateraControlli della polizia
Pisticci, in auto con con la droga: arrestati due giovani pusher

Pisticci, in auto con la droga: arrestati due giovani pusher

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

«Ambiente svenduto»

Taranto, disastro ambientale: al processo sui fumi Ilva altre carte della Procura

Ma la Corte d’Assise accorcia i tempi: entro fine gennaio potrebbe iniziare la requisitoria della pubblica accusa

tribunale di taranto

TARANTO - Quando sembra arrivato al momento del rush finale, ovvero della discussione con requisitoria, arringa e dunque sentenza, finisce con l’impantanarsi il processo Ambiente svenduto, chiamato a fare piena luce sul presunto disastro ambientale provocato dalla gestione targata Riva dello stabilimento siderurgico Ilva di Taranto nel periodo 1995-2013.

La corte d’assise ieri mattina ha deciso di acquisire la consulenza redatta da Giuseppe Pompa, teste della difesa il cui controesame non è terminato a causa di problemi di salute. La corte (presidente Stefania D’Errico, giudice a latere Fulvia Misserini e sei giudici popolari) ha così deciso di procedere oltre. Un oltre però alto quasi trenta faldoni, quelli plasticamente portati in aula dal collegio difensivo che ha provveduto a far stampare i due cd depositati alcune udienze fa dal pubblico ministero Mariano Buccoliero. Si tratta degli esiti di indagini integrative compiute dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria che la pubblica accusa intende far entrare negli atti del dibattimento. La difesa ha eccepito su tale produzione-monstre, ritenendola alla stregua di un processo nel processo. Così la corte d’assise si è chiusa in camera di consiglio per decidere il da farsi anche alla luce della ulteriore produzione documentale fatta dalle parti civili.

Alla fine, alle 19.30 è stata letta una ordinanza con la quale la corte ha deciso l’acquisizione di tutti i documenti prodotti da pubblica accusa, difesa e parti civili (ad eccezione di alcune consulenze mediche prodotte dal Codacons) mentre non è stata accolta la richiesta della difesa di controprova sui documenti depositati dalle parti civili.

Di associazione a delinquere finalizzata al disastro ambientale, all’avvelenamento di sostanze alimentari, alla omissione dolosa di cautele suoi luoghi di lavoro, alla corruzione, al falso e all’abuso d’ufficio rispondono i fratelli Fabio (detenuto agli arresti domiciliari per questo processo) e Nicola Riva, figli del defunto patron Emilio, l’ex direttore del siderurgico Luigi Capogrosso, l’ex pr Girolamo Archinà, l’avvocato Francesco Perli, i fiduciari Lafranco Legnani, Alfredo Ceriani, Giovanni Rebaioli, Agostino Pastorino e Enrico Bessone. Alla sbarra poi ci sono i componenti della galassia Ilva finiti sotto processo per alcuni singoli reati-fine (l’ex prefetto di Milano, Bruno Ferrante, chiamato alla presidenza dell’Ilva pochi giorni prima del sequestro del luglio 2012), ad esempio Salvatore De Felice (presidente del Pd di San Giorgio Jonico e capolista alle amministrative del prossimo 5 giugno, fatto al centro di roventi polemiche), l’ex consulente della Procura ed ex preside del Politecnico di Taranto Lorenzo Liberti. Alla sbarra, tra gli altri, l’ex presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido, il sindaco Ezio Stefàno, accusato di abuso d’atti d’ufficio; l’ex governatore pugliese Nichi Vendola, per concorso in concussione aggravata con Fabio Riva, Perli, Capogrosso e Archinà, in quanto avrebbe condotto a più miti consigli il direttore dell’Arpa, Giorgio Assennato. Processo, infine, anche per tre società, ai sensi della legge 231 del 2001: Ilva, Riva Fire e Riva Forni Elettrici.

Prossimo round lunedì prossimo quando sarà riascoltato per alcuni chiarimenti il perito Antonio Caforio, trascrittore delle intercettazioni, e saranno presentate e discusse eventuali richieste di integrazione probatoria. La corte d’assise ha auspicato di iniziare le discussioni per fine gennaio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie