Sabato 06 Giugno 2020 | 23:10

NEWS DALLA SEZIONE

Il siderurgico
Taranto, ex Ilva arriva il vertice al Mise: sindacati convocati il 9 giugno

Ex Ilva Taranto, arriva il vertice al Mise: sindacati convocati il 9 giugno

 
spaccio
Taranto, si affacciava al balcone per controllare gli «acquirenti»: arrestata pusher 35enne

Taranto, si affaccia al balcone per controllare «acquirenti»: arrestata pusher 35enne

 
L'evento
taranto, Mascotte «Giochi». Ionios è già in testa

Taranto, mascotte «Giochi»: Ionios è già in testa

 
Nel tarantino
Lizzano, molesta e palpeggia 50enne: arrestato 33enne

Lizzano, molesta e palpeggia 50enne: arrestato 33enne

 
la protesta
Mitta, «Genitori Tarantini»: «Al Governo manca il coraggio»

Mittam, «Genitori Tarantini»: «Al Governo manca il coraggio»

 
tragedia sfiorata
Mittal Taranto, cade pezzo carroponte, nessun ferito

Mittal Taranto, cade pezzo carroponte, nessun ferito

 
Al Moscati
possiamo farcela», parla lo pneumologo del Moscati di Taranto

Taranto, tutti negativi i tamponi sugli operatori sanitari

 
mobilità sostenibile
Taranto prima in Puglia nella graduatoria: 800mila euro per piste ciclopedonali

Taranto prima in Puglia nella graduatoria: 800mila euro per piste ciclopedonali. Stanziati 13,8 mln dalla Regione

 
bandito solitario
Taranto, prima il colpo all'Eurospin poi la fuga: 55enne arrestato dalla polizia

Taranto, prima il colpo all'Eurospin poi la fuga: 55enne arrestato dalla polizia

 
Consiglio di Stato
Taranto, nuovo ospedale: l’aggiudicazione va avanti

Taranto, nuovo ospedale: l’aggiudicazione va avanti

 
Arcelor Mittal
Taranto, tensioni alla portineria A del siderurgico

Taranto, tensioni alla portineria A del siderurgico

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, il club si prepara per il ritorno agli allenamenti collettivi

Bari calcio, il club si prepara per il ritorno agli allenamenti collettivi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl siderurgico
Taranto, ex Ilva arriva il vertice al Mise: sindacati convocati il 9 giugno

Ex Ilva Taranto, arriva il vertice al Mise: sindacati convocati il 9 giugno

 
LecceIl caso
Coronavirus Salento, nella Rsa di Soleto gli anziani ospiti sono tutti negativi

Coronavirus Salento, nella Rsa di Soleto tutti negativi i 90 tamponi degli ospiti

 
BrindisiNel Brindisino
Francavilla F.na, prende a bastonate l'ex della fidanzata che finisce in coma: fermato

Francavilla F.na, prende a bastonate l'ex della fidanzata che finisce in coma: fermato

 
Bari6 mln dal Comune
Bari ,arrivano i fondi del bando «Open» aiuto a piccoli negozi e ambulanti

Bari, arrivano i fondi del bando «Open» aiuto a piccoli negozi e ambulanti

 
FoggiaNel foggiano
Carpino, accoltella 19enne per alcuni «sguardi provocatori»: arrestato 21enne per tentato omicidio

Carpino, accoltella 19enne per alcuni «sguardi provocatori»: arrestato 21enne per tentato omicidio

 
PotenzaAmbiente
Potenza, raccolta dei rifiuti nel territorio lucano sull’orlo del baratro

Potenza, raccolta dei rifiuti nel territorio lucano sull’orlo del baratro

 
BatLa testimonianza
New York come l’11 settembre

New York come l’11 settembre: il racconto di un imprenditore di Andria

 
MateraEconomia
Bernalda, spazi pubblici in concessione. Chiesto un ampliamento

Bernalda, spazi pubblici in concessione. Chiesto un ampliamento

 

i più letti

Il caso

Taranto, «Caso Capristo» il giallo delle date: sono tanti ancora gli omissis

La segnalazione che ha innescato l’inchiesta è del 2019, il fascicolo del 2018. La settimana prossima gli interrogatori

Carlo Maria Capristo

TARANTO - Pagine e pagine di omissis. E un mistero sulle date. Le carte dell’inchiesta sul procuratore di Taranto, Carlo Maria Capristo, finito l’altra mattina agli arresti domiciliari con l’accusa di induzione indebita a promettere o dare utilità, truffa e falso, fanno intuire che il fascicolo coordinato dal procuratore capo di Potenza Francesco Curcio ha ancora diversi aspetti da svelare. Capristo - che la settimana prossima potrà fornire la sua versione dei fatti nel corso dell’interrogatorio di garanzia - avrebbe cercato, secondo l’accusa, di indurre una giovane pubblico ministero di Trani (dove è stato procuratore dal 2008 al 2016), Silvia Curione, ora in servizio a Bari, ad aggiustare un processo. Non riuscendoci, per l’opposizione del sostituto che denunciò tutto, senza alcun timore delle eventuali ritorsioni nei confronti del marito Lanfranco Marazia, anche lui magistrato, all’epoca in servizio proprio a Taranto. Ai domiciliari sono finiti anche l’ispettore di Polizia Michele Scivittaro, in servizio alla Procura di Taranto e uomo di fiducia del procuratore fin dai tempi di Trani, e gli imprenditori bitontini Giuseppe, Cosimo e Gaetano Mancazzo, mandanti secondo l’accusa dell’induzione indebita. Indagato a piede libero è l’ex procuratore di Trani, Antonino Di Maio, accusato di favoreggiamento e abuso d’ufficio.

Le indagini fanno riferimento, stando a quanto emerge dalla lettura dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Antonello Amodeo, ad episodi accaduti tra l’aprile 2017 e l’aprile 2019, con l’input partito il 25 marzo del 2019 dalla Procura Generale di Bari all’indirizzo della Procura di Potenza, competente per i fatti riguardanti i magistrati in servizio a Taranto. E qui si incardina il primo giallo relativo alle date. Se, come si legge nelle carte, l’inchiesta a Potenza è stata aperta a seguito della segnalazione giunta da Bari nel marzo del 2019, come mai il relativo numero del registro generale delle notizie di reato reca come anno di riferimento il 2018? Era forse stato già acceso un faro? Quanto agli omissis, agli atti dell’indagine ci sono i verbali delle sommarie informazioni testimoniali dei magistrati Silvia Curione e del marito Lanfranco Marazia, entrambi parti offese, e anche il verbale di interrogatorio di indagato in procedimento connesso, dell’avvocato siracusano Giuseppe Calafiore, ascoltato dagli inquirenti lucani nel giugno del 2019 nella sede della Direzione Nazionale Antimafia di Roma.

Calafiore era socio dell’avvocato Piero Amara, il consulente legale dell’Eni che affiancò nell’estate del 2016 gli allora commissari dell’Ilva nella trattativa con la Procura di Taranto (Capristo si era insediato in riva allo Jonio il 6 maggio di quell’anno) per il patteggiamento nell’ambito del processo «Ambiente Svenduto», trattativa che si concluse con un accordo che però non resse al successivo vaglio della corte d’assise e generò aspre polemiche degli ambientalisti tarantini nei confronti della Procura.

Calafiore rispose alle domande del procuratore Curcio e dei sostituti Gargiulo e Savoia, parlando sia di Capristo che del poliziotto barese Filippo Paradiso, grande amico del procuratore di Taranto, indagato a Roma per traffico di influenze. «Amara - dice Calafiore, in verbali punteggiati da numerosi omissis - mi spiegava che Capristo era legatissimo a Paradiso e questo legame si estrinsecò anche in occasione della nomina di Capristo a procuratore di Taranto. Immagino o meglio deduco che Paradiso si sia relazionato anche con la Casellati a tale scopo, atteso che certamente Paradiso conosceva la Casellati».

Gli inquirenti - che indagavano sul presunto accordo tra Capristo e i fratelli Mancazzo - chiesero a Calafiore di conoscere i nomi di eventuali imprenditori pugliesi legati al magistrato ma l’avvocato negò la circostanza: «Non conosco imprenditori pugliesi legati a Capristo. Quando sentivo il nome Capristo sentivo il nome Paradiso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie