Lunedì 01 Giugno 2020 | 07:32

NEWS DALLA SEZIONE

Il siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
Il caso
Si torna a sparare per strada a Taranto: nessun ferito

Taranto, colpi di pistola in via Mazzini dopo diverbio. Arrestato «pistolero»: un 46enne

 
Ripensato lo showroom
Fase 2 Taranto, anche il mercato dell’auto riparte: possibilità di test drive a domicilio

Fase 2, anche il mercato dell’auto riparte: possibilità di test drive a domicilio

 
controlli dei cc
Taranto, a spasso con la droga a Paolo VI: nei guai 30enne inospettabile

Taranto, a spasso con la droga a Paolo VI: nei guai 30enne inospettabile

 
lentocrazia
Taranto, ospedale S. Cataldo

Taranto ospedale San Cataldo, il sindaco: « È una vergogna nazionale. Il Governo sblocchi il progetto»

 
l'appello
Mittal Taranto, «L'azienda rispetti le prescrizioni»

Mittal Taranto, «L'azienda rispetti le prescrizioni»

 
Sanità e stellette
Taranto, dal governo pioggia di milioni per migliorare l'ospedale militare

Taranto, dal Governo pioggia di milioni per migliorare l'ospedale militare

 
Il caso
Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

 
OMICIDIO STANO
Manduria, anziano pestato a morte: 3 della baby gang rischiano fino a 20 anni di carcere

Manduria, anziano pestato a morte: 3 della baby gang condannati fino a 10 anni di carcere

 
Il siderurgico
Taranto, a Mittal, nessun accordo sulla Cassa: ma l'azienda va avanti

Taranto, a Mittal, nessun accordo sulla Cassa: ma l'azienda va avanti

 
il siderurgico
ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barifase 2
Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

 
PotenzaVIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
BrindisiFASE 2
Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 
BatLA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
Foggiaoperazione «Ares»
A San Severo mafia, droga e racket in 37 chiedono il rito abbreviato

San Severo, mafia, droga e racket: 37 chiedono rito abbreviato

 
MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 

i più letti

L'inchiesta

Taranto, Caso Capristo, i retroscena. E la difesa studia le carte

L’inchiesta di Potenza è nata da una dettagliata segnalazione fatta nel marzo 2019 dalla Procura generale di Bari

 Carlo Maria Capristo

TARANTO -  Non è stato ancora fissato l’interrogatorio di garanzia del procuratore della Repubblica di Taranto, Carlo Maria Capristo, finito l’altra mattina agli arresti domiciliari nell’ambito di un’inchiesta sulla corruzione coordinata dalla Procura di Potenza, competente sui magistrati in servizio a Taranto, con l’accusa di induzione indebita a promettere o dare utilità. Capristo avrebbe cercato, secondo l’accusa, di indurre una giovane pubblico ministero di Trani (dove è stato procuratore dal 2008 al 2016), Silvia Curione, ora in servizio a Bari, ad aggiustare un processo. Però il sostituto - che Capristo definiva stando a quanto emerso da alcune intercettazioni telefoniche la «bambina mia» - non solo si oppose, ma denunciò tutto, senza alcun timore delle eventuali ritorsioni nei confronti del marito Lanfranco Marazia, anche lui magistrato, all’epoca in servizio proprio nella Procura di Taranto.

Insieme a Capristo - che tramite il suo avvocato Angela Pignataro continua a respingere ogni accusa - sono finiti ai domiciliari l’ispettore di Polizia Michele Scivittaro, in servizio presso la Procura di Taranto e uomo di fiducia del Procuratore fin dai tempi di Trani, e gli imprenditori baresi Giuseppe, Cosimo e Gaetano Mancazzo, mandanti secondo l’accusa dell’induzione indebita. Indagato a piede libero è l’ex procuratore della Repubblica di Trani, Antonino Di Maio, accusato di favoreggiamento e abuso d’ufficio perché con le sue azioni avrebbe provato a «procurare l’impunità» di Capristo. A Trani - sempre secondo l’accusa - Capristo avrebbe creato negli anni un suo «club di fedelissimi»: per il gip di Potenza, Antonello Amodeo, tale legame sarebbe anche «di natura affaristica, ossia orientato a privilegiare gli interessi personali dei suoi componenti».

Dalle indagini, che fanno riferimento ad episodi accaduti tra l’aprile 2017 e l’aprile 2019, è emerso che i cinque uomini arrestati, «in concorso tra di loro», avrebbero cercato di convincere la pm Curione a perseguire per usura una persona, così gli imprenditori avrebbero potuto ottenere indebitamente i vantaggi economici e i benefici di legge previsti per le persone «usurate». Scivittaro il 16 aprile del 2018 si presentò nell’ufficio della pm Curione «a nome e per conto» di Capristo per chiedere di portare avanti il processo. La giovane pm però si rifiutò, scrivendo una relazione di servizio al procuratore Di Maio nella quale si legge che il poliziotto «rappresentava la necessità che il fascicolo venisse definito con urgenza. Quella visita mi ha lasciata perplessa». Di Maio, sempre secondo quanto accertato dagli inquirenti, decise allora di trattare direttamente il procedimento, chiedendone l’archiviazione. Ma «in ragione dell’infondatezza della richiesta», la Procura generale di Bari avocò a sé l’inchiesta e la trasmise per competenza alla Procura di Potenza nel marzo del 2019. Capristo e Scivittaro, inoltre, sono accusati di truffa ai danni dello Stato e falso ideologico: gli investigatori hanno scoperto che in alcune centinaia di casi l’ispettore risultava presente in ufficio a Taranto e percepiva gli straordinari, ma in realtà stava a casa e svolgeva «incombenze» per conto del procuratore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie