Martedì 02 Giugno 2020 | 13:24

NEWS DALLA SEZIONE

atti persecutori
Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

 
l'aggressione-rapina
Taranto, uomo picchiato con «nunchaku» e rapinato di 900 euro: arrestato 55enne

Taranto, uomo picchiato con «nunchaku» e rapinato di 900 euro: arrestato 55enne

 
al quartiere Paolo VI
Taranto, in casa ha 2 chili di eroina purissima: 60enne in carcere

Taranto, in casa ha 2 chili di eroina purissima: 60enne in carcere

 
il siderurgico
ArcelorMittal, a Taranto uffici chiusi: salta ispezione commissari Ilva in As

ArcelorMittal, a Taranto uffici chiusi: salta ispezione commissari Ilva in As

 
La Provincia
Taranto, riprendono i lavori per la tangenziale Sud

Taranto, riprendono i lavori per la tangenziale Sud

 
Il siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
Il caso
Si torna a sparare per strada a Taranto: nessun ferito

Taranto, colpi di pistola in via Mazzini dopo diverbio. Arrestato «pistolero»: un 46enne

 
Ripensato lo showroom
Fase 2 Taranto, anche il mercato dell’auto riparte: possibilità di test drive a domicilio

Fase 2, anche il mercato dell’auto riparte: possibilità di test drive a domicilio

 
controlli dei cc
Taranto, a spasso con la droga a Paolo VI: nei guai 30enne inospettabile

Taranto, a spasso con la droga a Paolo VI: nei guai 30enne inospettabile

 
lentocrazia
Taranto, ospedale S. Cataldo

Taranto ospedale San Cataldo, il sindaco: « È una vergogna nazionale. Il Governo sblocchi il progetto»

 
l'appello
Mittal Taranto, «L'azienda rispetti le prescrizioni»

Mittal Taranto, «L'azienda rispetti le prescrizioni»

 

Il Biancorosso

Lutto
Bari calcio, addio a Gigi Frisini ex biancorosso e dirigente sportivo

Bari calcio, addio a Gigi Frisini ex biancorosso e dirigente sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariEstate alle porte
Cala San Giovanni

Fase 2, lettini personalizzati nell’azzurro di Polignano

 
Tarantoatti persecutori
Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

 
FoggiaAgricoltura
Foggia, pomodoro volano i prezzi per siccità ed effetto-Covid

Foggia, volano i prezzi del pomodoro per siccità ed effetto-Covid

 
BatIl caso
Rssa «Bilanzuoli» di Minervino

Minervino, anziani abbandonati: chiusa pure la Rsa «Bilanzuoli»

 
Brindisil'accordo
Petrolchimico Brindisi, in serata arriva l'intesa: Comune revoca sospensione

Petrolchimico Brindisi, in serata arriva l'intesa: Comune revoca sospensione

 
PotenzaDal 3 giugno
Basilicata, nuova ordinanza di Bardi: aperture in sicurezza e assembramenti vietati

Basilicata riapre in sicurezza e senza assembramenti: nuova ordinanza di Bardi

 
LecceL'iniziativa
Lecce, «Pasticciotto day» per festeggiare la fine lockdown

Lecce, «Pasticciotto day» per festeggiare la fine lockdown

 
Materanel Materano
Grassano, ladri strappano la cassaforte dell'ufficio postale

Grassano, ladri «strappano» la cassaforte dell'ufficio postale

 

i più letti

la segnalazione

Mittal Taranto, «gravi carenze igieniche in Acciaieria»

Dopo un sopralluogo, secondo rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza ci sarebbero «gravi anomalie» che mettono «a rischio la salute e la sicurezza dei lavoratori

Incidente all'ex Ilva: rischio esplosione in convertitore acciaieria

TARANTO - «Gravi anomalie», che mettono «a rischio la salute e la sicurezza dei lavoratori oltre a rischiare di essere potenziale conduttore del virus Covid-19», sono state segnalate dai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (Rls) di Fim, Fiom e Usb in una nota al capo del Personale, Arturo Ferrucci e al direttore di stabilimento Loris Pascucci dopo una ispezione nella zona Acciaieria dello stabilimento ArcelorMittal Le organizzazioni sindacali chiedono "un immediato intervento mirato ad azzerare i rischi che all’interno dell’acciaieria abbiamo rilevato», riservandosi di "interessare gli enti competenti in caso contrario».

Nello specifico, i delegati sindacali evidenziano «infiltrazioni d’acqua all’interno del pulpito centrale della CCO-3 (Colata Continua) durante le giornate piovose», «disordine ambientale in quasi tutta l’area», «all’interno dei pulpiti e dei refettori scarsa igiene in quanto le pulizie degli stessi non vengono fatte in tutti e tre i turni, in palese contrasto all’emergenza Covid-l9».

AMBIENTALISTI SCRIVONO A CONTE - «A meno che non voglia confrontarsi urgentemente con il prefetto, riterremo lei ed il suo governo i principali responsabili delle eventuali emergenze che colpiranno nel prossimo futuro il nostro territorio, anche al di là dei già conosciuti danni che la produzione a caldo di acciaio produce alla salute dei tarantini e alla salubrità dell’ambiente». Lo scrivono alcune associazioni ambientaliste tarantine, tra cui Genitori Tarantini, Comitato Donne e futuro per Taranto Libera e LiberiAmo Taranto, in una lettera aperta al presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il riferimento è alla prosecuzione dell’attività produttiva, anche in questo periodo di emergenza Coronavirus, dello stabilimento ArcelorMittal, e al decreto del prefetto di Taranto, Demetrio Martino, del 26 marzo scorso, che sospende la produzione a fini commerciali ma consente, al momento fino a venerdì 3 aprile, l’impiego di una forza lavoro pari a 5.500 unità (3.500 diretti e 2.000 dell’indotto).
Una decisione, aggiungono le associazioni, che «non rassicura la popolazione circa un’eventuale diffusione dell’epidemia, in particolare dopo il caso di Coronavirus che ha colpito un dipendente dell’Acciaieria cui è stato concesso di abbandonare lo stabilimento a mezzo taxi, come da più parti riportato. Immaginiamo che il prefetto abbia adottato queste decisioni dopo essersi consultato con il Governo, vista la materia in oggetto».

Ritenendo «tale comportamento - osservano i firmatari della lettera aperta - una ulteriore violazione del diritto alla vita dei tarantini, i nostri legali si faranno carico di portarlo all’attenzione della Corte Europea dei Diritti nel procedimento tuttora pendente contro lo Stato italiano. Ascoltarla dichiarare - concludono - solo in presenza dell’immane tragedia che stiamo affrontando, che la salute è la principale priorità del suo governo è deprimente; per noi tarantini, risulta essere anche un’insopportabile offesa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie