Sabato 08 Agosto 2020 | 08:16

NEWS DALLA SEZIONE

L'appello
Taranto, Confindustria scrive a Turco: «Tessile, rilanciare Made in Italy»

Taranto, Confindustria scrive a Turco: «Tessile, rilanciare Made in Italy»

 
La decisione
Mittal Taranto, concessa muova proroga facoltà d'so per altoforno 2

Mittal Taranto, concessa nuova proroga della facoltà d'uso per Altoforno 2

 
Nel centro storico
Martina Franca, imbrattato comitato elettorale FdI

Martina Franca, imbrattato comitato elettorale FdI

 
la denuncia
Mittal Taranto, Al Bano: ««L'Ilva ha assicurato posti di lavoro e posti al cimitero»

Mittal Taranto, Al Bano: «L'Ilva ha assicurato posti di lavoro e posti al cimitero»

 
controlli dei CC
Taranto, nascondeva in casa oltre un chilo e mezzi di cocaina: arrestato trafficante 35enne

Taranto, nascondeva in casa oltre 1 kg e mezzo di cocaina: arrestato trafficante 35enne

 
i contagi
Positivo a Taranto dopo tre mesi

Coronavirus, un positivo a Taranto dopo tre mesi

 
Il caso
Call center, Cgil denuncia la Tim per interposizione manodopera

Call center, Cgil denuncia la Tim per interposizione manodopera

 
Ambiente
Myra Stals e il suo progetto green «Cycle 2 Recycle» fa tappa a Taranto

Myra Stals e il suo progetto green «Cycle 2 Recycle» fa tappa a Taranto

 
Maltempo
PUGLIA - Taranto, violento nubifragio causa inondazione

Violento nubifragio causa inondazione: Taranto finisce sott'acqua VD/FT

 
IL PROGETTO
Affaccio sul mar Grande: cambia il volto di Taranto

Affaccio sul mar Grande: cambia il volto di Taranto

 
OCCUPAZIONE
Arsenale di Taranto: 315 nuove assunzioni

Arsenale di Taranto, in arrivo 315 nuove assunzioni

 

Il Biancorosso

serie c
La C del Bari sarà da brividi grandi firme nel girone Sud

La C del Bari sarà da brividi: grandi firme nel girone Sud

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa decisione
Mola, stop a parcheggio selvaggio sulla costa: installate barriere «New Jersey»

Mola, stop a parcheggio selvaggio sulla costa: installate barriere «New Jersey»

 
Materaambiente
Matera, rischio idrogeologico a Montescaglioso: firmato protocollo d’intesa per messa in sicurezza

Matera, rischio idrogeologico a Montescaglioso: firmato protocollo d’intesa per messa in sicurezza

 
TarantoL'appello
Taranto, Confindustria scrive a Turco: «Tessile, rilanciare Made in Italy»

Taranto, Confindustria scrive a Turco: «Tessile, rilanciare Made in Italy»

 
Potenzala denuncia
Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto ormai livello di guardia»

Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto livello di guardia»

 
Leccegiornalismo
Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

 
Batl'evento
Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

 

i più letti

il caso

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Disposta archiviazione dopo i sequestri del 2018: ai gestori non si può imputare lo spaccio

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Prima dell’avvento della Var, quando in un’area di rigore un paio di giocatori avversari cadevano a terra, solitamente l’arbitro concedeva una punizione a favore di chi difendeva, applicando il cosiddetto «fallo di confusione». E la confusione causata da una «stratificazione di leggi, circolari, sentenze di merito e legittimità» ha portato il procuratore Carlo Maria Capristo, l’aggiunto Maurizio Carbone e il sostituto Lucia Isceri a chiedere al gip Vilma Gilli (che l’ha concessa) l’archiviazione della maxi inchiesta sulla canapa light denominata «Affari in fumo» che contava 56 indagati per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, con 48 negozi (39 nella provincia di Taranto; 9 tra Campania, Calabria, Lazio e Lombardia) che commercializzano la cosiddetta «cannabis light» perquisiti e una rogatoria internazionale con la Svizzera avviata. L’indagine ha avuto inizio nell’ottobre del 2018 quando è stato eseguito un sequestro di circa 9 chilogrammi delle sostanze considerate fuori legge da un distributore automatico «H24», ubicato nelle vicinanze di due scuole di Taranto.

Le operazioni di sequestro avevano interessato, oltre all’impresa titolare del predetto distributore, anche le due società fornitrici della «cannabis light». Quel sequestro non fu convalidato dal giudice per le indagini preliminari Vilma Gilli per ragioni di natura temporale ma il magistrato emise comunque decreto di sequestro a carico dei sei indagati, disponendo l’esame del materiale finito sotto chiave, esame che rilevò in alcuni casi percentuali di Thc superiori allo 0,5 per cento e anche allo 0,8. Grazie all’esame delle fatture di acquisto e vendita, i militari ricostruirono la filiera commerciale individuando i distributori su base nazionale, i rifornitori di zona e gli esercizi al dettaglio attivi nel capoluogo ionico, identificando l’intera compagine commerciale di quello che venne definito dagli inquirenti un vero e proprio mercato illecito, dilagante in tutto il Paese. Solo che, mentre a Taranto e provincia scattarono le chiusure degli esercizi commerciali che vendevano solo canapa light e dei distributori automatici h24, in altre zone d’Italia la vendita restò sostanzialmente libera, per le decisioni altalenanti dei vari tribunali.

Così, dopo aver anche chiesto un incidente probatorio al gip per blindare gli accertamenti tecnici sul materiale sequestrato, la Procura ha cambiato rotta, ritenendo di valorizzare «la situazione di incertezza» citata dalle Sezioni unite della Cassazione nella sentenza del luglio 2019, che avrebbe portato gli indagati a commettere un errore inevitabile nel momento in cui hanno dovuto fronteggiare una norma che non brillava per chiarezza, dunque sollecitando l’archiviazione e però pure la confisca e la distruzione del materiale sequestrato, essendo comunque vietata la vendita. Il gip Vilma Gilli nel disporre l’archiviazione, ha rimandato integralmente alla richiesta della Procura, aggiungendo che «la piattaforma probatoria non si idonea a dimostrare il dolo del reato contestato»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie