Martedì 03 Agosto 2021 | 19:19

NEWS DALLA SEZIONE

Editoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
Allarme
Taranto, pensionato esce a piedi da villaggio di Ginosa Marina e scompare

Taranto, pensionato esce a piedi da villaggio di Ginosa Marina e scompare - RITROVATO

 
In Procura
Taranto, rifiuti: esposto contro nuovo impianto a Pulsano

Taranto, rifiuti: esposto contro nuovo impianto a Pulsano

 
Derattizzazione
Taranto, installate ecotrappole per i topi

Taranto, installate ecotrappole per i topi

 
Sicurezza
Migranti, «agenti in servizio in hotspot sono eroi»

Migranti, «agenti in servizio in hotspot sono eroi»

 
Il caso
Taranto, disabile abusata su bus: gli autisti dell'Amat non rispondono al gip

Taranto, disabile abusata su bus: gli autisti dell'Amat non rispondono al gip

 
L'allarme
Criminalità a Taranto, per il sindaco solo «fenomeni isolati»

Criminalità a Taranto, per il sindaco solo «fenomeni isolati»

 
L'evento
Sui tetti dell'ospedale di Taranto arrivano i supereroi per bimbi malati

Sui tetti dell'ospedale di Taranto arrivano i supereroi per bimbi malati

 
Il blitz
Taranto, sotto chiave quintali di cozze e pesce fuorilegge

Taranto, sotto chiave quintali di cozze e pesce fuorilegge

 
Il monito
Taranto, mons. Santoro: «non basta l'indignazione contro la violenza sulle donne»

Taranto, mons. Santoro: «Non basta l'indignazione contro la violenza sulle donne»

 
Il caso
Ex Ilva: Legambiente, fondi transizione per decarbonizzare

Ex Ilva: Legambiente, fondi transizione per decarbonizzare

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 

i più letti

il caso

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Disposta archiviazione dopo i sequestri del 2018: ai gestori non si può imputare lo spaccio

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Prima dell’avvento della Var, quando in un’area di rigore un paio di giocatori avversari cadevano a terra, solitamente l’arbitro concedeva una punizione a favore di chi difendeva, applicando il cosiddetto «fallo di confusione». E la confusione causata da una «stratificazione di leggi, circolari, sentenze di merito e legittimità» ha portato il procuratore Carlo Maria Capristo, l’aggiunto Maurizio Carbone e il sostituto Lucia Isceri a chiedere al gip Vilma Gilli (che l’ha concessa) l’archiviazione della maxi inchiesta sulla canapa light denominata «Affari in fumo» che contava 56 indagati per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, con 48 negozi (39 nella provincia di Taranto; 9 tra Campania, Calabria, Lazio e Lombardia) che commercializzano la cosiddetta «cannabis light» perquisiti e una rogatoria internazionale con la Svizzera avviata. L’indagine ha avuto inizio nell’ottobre del 2018 quando è stato eseguito un sequestro di circa 9 chilogrammi delle sostanze considerate fuori legge da un distributore automatico «H24», ubicato nelle vicinanze di due scuole di Taranto.

Le operazioni di sequestro avevano interessato, oltre all’impresa titolare del predetto distributore, anche le due società fornitrici della «cannabis light». Quel sequestro non fu convalidato dal giudice per le indagini preliminari Vilma Gilli per ragioni di natura temporale ma il magistrato emise comunque decreto di sequestro a carico dei sei indagati, disponendo l’esame del materiale finito sotto chiave, esame che rilevò in alcuni casi percentuali di Thc superiori allo 0,5 per cento e anche allo 0,8. Grazie all’esame delle fatture di acquisto e vendita, i militari ricostruirono la filiera commerciale individuando i distributori su base nazionale, i rifornitori di zona e gli esercizi al dettaglio attivi nel capoluogo ionico, identificando l’intera compagine commerciale di quello che venne definito dagli inquirenti un vero e proprio mercato illecito, dilagante in tutto il Paese. Solo che, mentre a Taranto e provincia scattarono le chiusure degli esercizi commerciali che vendevano solo canapa light e dei distributori automatici h24, in altre zone d’Italia la vendita restò sostanzialmente libera, per le decisioni altalenanti dei vari tribunali.

Così, dopo aver anche chiesto un incidente probatorio al gip per blindare gli accertamenti tecnici sul materiale sequestrato, la Procura ha cambiato rotta, ritenendo di valorizzare «la situazione di incertezza» citata dalle Sezioni unite della Cassazione nella sentenza del luglio 2019, che avrebbe portato gli indagati a commettere un errore inevitabile nel momento in cui hanno dovuto fronteggiare una norma che non brillava per chiarezza, dunque sollecitando l’archiviazione e però pure la confisca e la distruzione del materiale sequestrato, essendo comunque vietata la vendita. Il gip Vilma Gilli nel disporre l’archiviazione, ha rimandato integralmente alla richiesta della Procura, aggiungendo che «la piattaforma probatoria non si idonea a dimostrare il dolo del reato contestato»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie