Sabato 29 Febbraio 2020 | 12:00

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
il siderurgico
Ilva: «Ordinanza sindaco Taranto su stop emissioni illegittima»

Ex Ilva, Melucci: «Niente accordi senza la voce della comunità»

 
Il contagio
Coronavirus, altri 2 positivi in Puglia: sono moglie e fratello del 33enne di Torricella

Coronavirus, 21 morti e 822 contagi. L'Italia «isolata», giù l'economia.
Puglia, restano 3 casi: altri 40 test.
Molfettese torna a Londra ed è positivo

 
la decisione
Taranto, il Comune attiva Centro di protezione civile

Taranto, il Comune attiva Centro di protezione civile

 
Emergenza Coronavirus
Taranto, via alla sanificazione dei mezzi urbani

Taranto, via alla sanificazione dei mezzi urbani

 
il siderurgico
Mittal, attese domani firme su accordo ex Ilva. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

Mittal, attese firme su accordo ex Ilva. Ordinanza Melucci: «Via emissioni in 30 giorni o stop»

 
in centro
Taranto, era ricercato per sfruttamento della prostituzione, si era nascosto in un B&B: catturato

Taranto, era ricercato per sfruttamento della prostituzione: catturato in un B&B

 
l'allarme
Coronavirus a Taranto, Fim: «Sanificare ambienti ArcelorMittal»

Coronavirus a Taranto, Fim: «Sanificare ambienti ArcelorMittal»

 
Il virus
Il Coronavirus arriva in Puglia, un caso positivo a Taranto: tornato da poco da Codogno

Coronavirus a Taranto: 33enne di Torricella tornato in aereo lunedì da Codogno. La lettera del contagiato: «Non mi odiate»

 
La denuncia
Taranto, Centro per l'impiego, dipendente vittima delle intemperanze di utenti poco «pazienti»

Taranto, Centro per l'impiego, dipendente vittima intemperanze di utenti poco «pazienti»

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materal'iniziativa
Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

 
Leccea Milano
Ospedale «Sacco»: una ricercatrice salentina nel team che ha isolato il ceppo italiano del Coronavirus

Ospedale «Sacco»: ricercatrice salentina nel team che ha isolato il ceppo italiano del Coronavirus

 
Baria poggiofranco
Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

 
Foggianel Foggiano
Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
Batcoronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
Brindisidai carabinieri
S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

 

i più letti

il caso

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Disposta archiviazione dopo i sequestri del 2018: ai gestori non si può imputare lo spaccio

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Prima dell’avvento della Var, quando in un’area di rigore un paio di giocatori avversari cadevano a terra, solitamente l’arbitro concedeva una punizione a favore di chi difendeva, applicando il cosiddetto «fallo di confusione». E la confusione causata da una «stratificazione di leggi, circolari, sentenze di merito e legittimità» ha portato il procuratore Carlo Maria Capristo, l’aggiunto Maurizio Carbone e il sostituto Lucia Isceri a chiedere al gip Vilma Gilli (che l’ha concessa) l’archiviazione della maxi inchiesta sulla canapa light denominata «Affari in fumo» che contava 56 indagati per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, con 48 negozi (39 nella provincia di Taranto; 9 tra Campania, Calabria, Lazio e Lombardia) che commercializzano la cosiddetta «cannabis light» perquisiti e una rogatoria internazionale con la Svizzera avviata. L’indagine ha avuto inizio nell’ottobre del 2018 quando è stato eseguito un sequestro di circa 9 chilogrammi delle sostanze considerate fuori legge da un distributore automatico «H24», ubicato nelle vicinanze di due scuole di Taranto.

Le operazioni di sequestro avevano interessato, oltre all’impresa titolare del predetto distributore, anche le due società fornitrici della «cannabis light». Quel sequestro non fu convalidato dal giudice per le indagini preliminari Vilma Gilli per ragioni di natura temporale ma il magistrato emise comunque decreto di sequestro a carico dei sei indagati, disponendo l’esame del materiale finito sotto chiave, esame che rilevò in alcuni casi percentuali di Thc superiori allo 0,5 per cento e anche allo 0,8. Grazie all’esame delle fatture di acquisto e vendita, i militari ricostruirono la filiera commerciale individuando i distributori su base nazionale, i rifornitori di zona e gli esercizi al dettaglio attivi nel capoluogo ionico, identificando l’intera compagine commerciale di quello che venne definito dagli inquirenti un vero e proprio mercato illecito, dilagante in tutto il Paese. Solo che, mentre a Taranto e provincia scattarono le chiusure degli esercizi commerciali che vendevano solo canapa light e dei distributori automatici h24, in altre zone d’Italia la vendita restò sostanzialmente libera, per le decisioni altalenanti dei vari tribunali.

Così, dopo aver anche chiesto un incidente probatorio al gip per blindare gli accertamenti tecnici sul materiale sequestrato, la Procura ha cambiato rotta, ritenendo di valorizzare «la situazione di incertezza» citata dalle Sezioni unite della Cassazione nella sentenza del luglio 2019, che avrebbe portato gli indagati a commettere un errore inevitabile nel momento in cui hanno dovuto fronteggiare una norma che non brillava per chiarezza, dunque sollecitando l’archiviazione e però pure la confisca e la distruzione del materiale sequestrato, essendo comunque vietata la vendita. Il gip Vilma Gilli nel disporre l’archiviazione, ha rimandato integralmente alla richiesta della Procura, aggiungendo che «la piattaforma probatoria non si idonea a dimostrare il dolo del reato contestato»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie