Giovedì 19 Settembre 2019 | 02:12

NEWS DALLA SEZIONE

L'operazione
Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

 
Dalla Gdf
Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

 
A San Marzano
Lite a coltellate in bar del Tarantino, un ferito: arrestato aggressore

Lite a coltellate in bar del Tarantino, un ferito: arrestato aggressore

 
In centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
nel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
Siderurgico
Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

 
Dai carabinieri
Taranto, sequestrate 6 tonnellate di buste di plastica non conformi

Taranto, sequestrate 6 tonnellate di buste di plastica non conformi

 
Incidente stradale
Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

 
La telefonata a sorpresa
Depuratore Sava, Romina Power chiama ed Emiliano risponde: confronto a Domenica in

Depuratore Sava, Romina Power chiama ed Emiliano risponde: confronto a Domenica in

 
Le fiamme
Taranto, incendio tra le ville: panico a Lama

Taranto, incendio tra le ville: panico a Lama

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari non sa vestirsi da Grande: Cornacchini all'ultimo esame

Il Bari non sa vestirsi da Grande: Cornacchini all'ultimo esame

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTragedia sfiorata
Melendugno, piccolo aereo atterra su muretto a secco: 2 feriti

Melendugno, piccolo aereo si schianta contro muretto a secco: 2 feriti

 
TarantoL'operazione
Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

 
BatNordbarese
Scontro treni Ferrotramviaria: Tribunale rigetta patteggiamento capostazione

Scontro treni Ferrotramviaria: Tribunale rigetta patteggiamento capostazione

 
BariLa decisione
Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 
PotenzaA Chiaromonte
In casa fucili e piante di cannabis: arrestato 31enne nel Potentino

In casa fucili e piante di cannabis: arrestato 31enne nel Potentino

 
MateraPreso dai Cc
Tito, ai domiciliari ma spacciava: n cella un 49enne

Tito, ai domiciliari ma spacciava: in cella un 49enne

 
Foggia
Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

 

i più letti

Il punto

Caso Manduria, Urla disperate e inascoltate attendono una risposta

«Polizia» «Carabinieri». Quelle urla, quelle richieste di aiuto del povero Antonio Stano, il pensionato di Manduria morto dopo 18 giorni di ricovero

Quei genitori sempre all'oscuro, nell'epoca dell'irresponsabilità

«Polizia» «Carabinieri». Quelle urla, quelle richieste di aiuto del povero Antonio Stano, il pensionato di Manduria morto dopo 18 giorni di ricovero nell’ospedale di Manduria e anni di angherie e sopraffazioni, devono far riflettere tutti. Tre ragazzini, vestiti di tutto punto – nel video diffuso ieri dalla questura di Taranto si vede il più scalmanato calzare le ricercatissime e costose Yeezy e indossare l’immancabile Woolrich – a turno si accaniscono contro Stano, lo picchiano per strada e lui urla, grida, cerca aiuto, chiamando ad alta voce, appunto «Polizia» «Carabinieri». Nel racconto «La nuit» Eliezer Wiesel, scrittore rumeno naturalizzato statunitense di cultura ebraica e di lingua francese, sopravvissuto ai lager nazisti di Auschwitz e di Buchenwald, ricorda chi, davanti ad una forca alla quale era stato appeso perfino un bambino domandava: «Dov’è dunque Dio?» e una voce che gli rispondeva: «Dov’è? Eccolo: è appeso lì, a quella forca».

Dov’erano la polizia, i carabinieri e soprattutto i vicini di Stano quando urlava aiuto, quando dinanzi alla sua abitazione andava in scena uno spettacolo indegno di una società civile, di una comunità che vuole ancora definirsi e sentirsi tale?

Il procuratore capo Carlo Maria Capristo ieri, a latere della conferenza stampa tenuta in Questura, ha spiegato che le indagini non si fermeranno agli otto fermi eseguiti dalla polizia ma proseguiranno per fare luce sui troppi silenzi che ancora avvolgono questa storia, simile a tante altre di paese, dove tutti sanno e nessuno dice.

È vero, lo spettacolo osceno dei video delle scorribande dei minorenni mandato in onda e online ovunque, aggiunge alla morte di Stano una agiografia delle baby gang della quale non si sentiva il bisogno e che infrange regole deontologiche, penali e morali ormai buone solo per qualche convegno o per qualche sermone ma quel video in cui Antonio Stano chiede aiuto allo Stato, alle forze dell’ordine, a qualcuno con l’autorità necessaria per fermare tutto ciò, rappresenta in maniera eloquente una storia che per troppo tempo è andata avanti ed è stata tollerata, forse persino sopportata da chi non riusciva a dormire per quelle urla, per quegli appelli secchi, senza uno straccio di risposta.

L’invocazione continua di «Polizia» «Carabinieri» resterà a lungo nella testa di chi non ha mai sentito parlare, né tantomeno conosceva il povero pensionato dell’Arsenale Militare di Taranto, e ha avuto la possibilità di conoscerlo così, indifeso, inerme, aggredito da tre ragazzini pronti a tutto, a picchiarlo e ridere subito dopo, di smartphone muniti, per immortalare gesta che ora li hanno condotti agli arresti.

Non saranno i fermi di ieri a riportare in vita Antonio Stano, né possono bastare le manette a risolvere problemi che vanno oltre la fase prettamente repressiva, affidata alla magistratura, ma che richiedono uno sforzo di prevenzione che nel caso di Manduria pare non esserci proprio stato. Quando un cittadino inerme, impaurito, ferito, urla «Polizia» «Carabinieri» ci piacerebbe che avesse una risposta, immediata e ferma. E non a esequie avvenute.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie