Venerdì 22 Marzo 2019 | 15:00

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Mottola, nascondeva in casa pistola e proiettili: arrestato 32enne

Mottola, nascondeva in casa pistola e proiettili: arrestato 32enne

 
Serie D
Taranto calcio, revocata penalizzazione: la vetta è a -7

Taranto calcio, revocata penalizzazione: la vetta è a -7

 
Il siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
Nel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 
A taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
A Taranto
Ricostruzione mammella con il lipofilling: interventi riusciti

Ricostruzione mammella con il lipofilling: interventi riusciti

 
L'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
La polemica
Ex Ilva, associazioni contro il vertice in Procura: «È un errore parlare con chi inquina»

Ex Ilva, associazioni contro vertice in Procura: «È errore parlare con chi inquina»

 
Dopo il sequeestro
Usura, confiscati beni per 2,2 mln a pregiudicato di Lizzano

Usura, confiscati beni per 2,2 mln a pregiudicato di Lizzano

 
Incidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontri a Crispiano e Manduria: muoiono maestra e pensionato

 
A taranto
Tangenti sulla discarica, Tamburrano fa scena muta davanti al gip

Tangenti sulla discarica, Tamburrano fa scena muta davanti al gip

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'operazione della Gdf
Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

 
LecceIl caso
Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due indagati

Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due professionisti salentini arrestati

 
TarantoIl caso
Mottola, nascondeva in casa pistola e proiettili: arrestato 32enne

Mottola, nascondeva in casa pistola e proiettili: arrestato 32enne

 
FoggiaIl rito religioso
Foggia si stringe intorno all’Iconavetere: in migliaia alla Festa Patronale

Foggia si stringe intorno all’Iconavetere: in migliaia alla Festa Patronale

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 
BrindisiA brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 

A taranto

Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

Non aveva dichiarato ricavi per oltre 3 milioni di euro

Guardia di Finanza

Militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di finanza di Taranto hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo «per equivalente» di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie, per un totale di 1 milione e 500mila euro, nei confronti dei titolari di due imprese di Taranto operanti nel settore dell’elettronica e della telefonia. Il provvedimento, emesso dal gip Vilma Gilli su richiesta del procuratore aggiunto Maurizio Carbone, scaturisce da una verifica fiscale eseguita dalle Fiamme Gialle, all’esito della quale è stata constatata, a carico di una delle due imprese, l’omessa dichiarazione di ricavi per 3 milioni e 200mila euro e l’evasione di Iva per 556mila euro.

Nell’ambito dei successivi approfondimenti, è stata altresì accertata, per entrambe le imprese, l’emissione e l’utilizzo di fatture false per complessivi 262mila euro. L'esame della documentazione contabile relativa ai rapporti commerciali intercorsi tra loro, secondo gli inquirenti, aveva fatto emergere discrasie, quali, ad esempio, l’esistenza di talune fatture riportanti analoghe operazioni commerciali, rinvenute in formato grafico diverso presso ciascuna delle imprese, nonché alcuni pagamenti effettuati a mezzo assegni bancari da una impresa ed annotati dall’altra quale incassati "in contanti». Quattro fatture, riportanti la stessa numerazione, stessa data ed importo, attestavano cessioni di beni diversi per natura, qualità e quantità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400