Martedì 28 Giugno 2022 | 22:57

In Puglia e Basilicata

La vicenda giudiziaria

Cassazione: martedì 5 febbraio udienza sui morti Ilva Taranto

Gi imputati, ex dirigenti dello stabilimento Italsider Ilva di Taranto, sono accusati di omicidio colposo e omissione dolosa di cautela per la morte di 5 operai deceduti per mesotelioma pleurico

30 Gennaio 2019

Redazione online

Mobilitazione del Coordinamento Nazionale Amianto - che riunisce associazioni, comitati e movimenti - martedì 5 febbraio davanti Corte di Cassazione in attesa della sentenza per gli imputati, ex dirigenti dello stabilimento Italsider Ilva di Taranto, accusati di omicidio colposo e di omissione dolosa di cautela per la morte di cinque operai deceduti per mesotelioma pleurico. Gli ermellini dovranno decidere se confermare o meno il verdetto della Corte di Appello di Taranto, sezione distaccata di Lecce, che nel 2017 aveva condannato Sergio Noce a 2 anni e 4 mesi (9 anni e 6 mesi in primo grado), Giambattista Spallanzani a 2 anni e 8 mesi (9 anni in primo grado), Attilio Angelini a 2 anni (9 anni e 2 mesi). Invece Fabio Riva, l’ex vicepresidente di Riva Fire, e Luigi Capogrosso, sono stati assolti in secondo grado.


«E' una vicenda processuale complessa e dolorosa come troppe ormai in Italia, cominciata nel 2012 al Tribunale di Taranto: sono 31 gli operai dell’Italsider-Ilva di Taranto morti per mesotelioma pleurico. Ma i dirigenti dello stabilimento condannati per complessivi 189 anni di reclusione in primo grado, nel processo di appello sono stati tutti assolti per prescrizione, tranne tre: una sentenza clamorosa, che ribaltò in buona parte quella di condanna emessa nel maggio 2014. Una storia che si ripete troppo spesso, quella del tentativo di 'negazionismò e 'abolizionismò rispetto alle patologie causate dall’amianto e alle responsabilità, da un capo all’altro della penisola», sottolinea una nota del Coordinamento amianto.
«La solita ennesima 'beffà per chi è morto per il lavoro e non potrà mai più difendersi contro chi ne ha provocato la morte e contro i meccanismi 'perversì di una 'giustizia, ballerinà, che a volte condanna e a volte assolve, e dove tempi elefantiaci e meandri burocratici vincono troppo spesso sui diritti fondamentali delle persone. Per gli altri 26 lavoratori morti a causa dell’amianto all’Ilva di Taranto, nessun responsabile, nessuna colpa, nessuna, pena», conclude il Coordinamento nazionale amianto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725