Venerdì 19 Ottobre 2018 | 18:26

NEWS DALLA SEZIONE

Consegnate al comune
Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolte 4mila firme

Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolt...

 
Nel Tarantino
S.G. Jonico, autocarro investe e uccide ciclista 80enne

San Giorgio Jonico, autocarro investe e uccide ciclista...

 
Dopo l'intervento
Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemelli

Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemel...

 
Lotta allo spaccio
Marina di Ginosa, ritrovati 60 kg di marijuana in un casolare: 2 arresti

Marina di Ginosa, ritrovati 60 kg di marijuana in un ca...

 
Il caso
Taranto, provocò un incidente in cui una bimba rimase gravemente ferita: a giudizio 23enne

Taranto, provocò incidente e bimba perse una mano: a gi...

 
Il siderurgico
Ilva, il tempo stringe: chi assumerà Mittal? Lavoratori ancora al buio

Ilva, il tempo stringe: chi assumerà Mittal? Lavoratori...

 
A Sava (TA)
Taranto, estorce 1.500 euro e minaccia un 15enne per droga: arrestato 17enne

Taranto, estorce 1.500 euro e minaccia un 15enne per dr...

 
Sanità
Vivibilità ospedali, asl Taranto prima in Puglia

Vivibilità ospedali, asl Taranto prima in Puglia

 
Nel Tarantino
Scarico di acque reflue a Martina Franca, sequestrato depuratore aziendale

Scarico di acque reflue a Martina Franca, sequestrato d...

 
Taranto
Staff al comune, 3 indagati per truffa e abuso d'ufficio

Staff al comune, 3 indagati per truffa e abuso d'uffici...

 
Droga
Trasportava 4 chili di eroina: arrestato albanese a Taranto

Trasportava 4 chili di eroina: arrestato albanese a Tar...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

L'inchiesta

Taranto, Amianto killer all'Ilva: la Procura chiede il rinvio a giudizio

Fissata la preliminare per la morte di tre operai ammalati di mesioteloma

Taranto, Amianto killer all'Ilva: la Procura chiede il rinvio a giudizio

TARANTO - Morti di mesioteloma dopo aver lavorato oltre 20 anni nello stabilimento siderurgico senza ricevere alcuna protezione e informazione sul rischio amianto. Arriva, il prossimo 9 ottobre, all’attenzione del giudice per l’udienza preliminare la richiesta di rinvio a giudizio firmata dal sostituto procuratore Giorgia Villa nei confronti di 12 ex dirigenti dell’Italsider e dell’Ilva.

La pubblica accusa ipotizza la cooperazione colposa in omicidio colposo e in lesioni personale gravissime colpose nei confronti di Giambattista Spallanzani, direttore dell’Italsider tra il 1973 e il 1978, Sergio Noce, direttore tra il 1978 e il 1982, Attilio Angelini, direttore tra il 1984 e il 1987, Francesco Chindemi, direttore tra il 1989 e il 1993, Nicola Muni, direttore tra il 1993 e il 1995, Ettore Salvatore, direttore tra il 1995 e il 1996, Luigi Capogrosso, direttore tra il 1996 e il 2012, i capi reparto Pietro Loforese, Elio Buono, e Emanuele Imperiale, e i medici competenti Giancarlo Negri e Luciano Greco.
Sono quattro i casi contestati dalla pubblica accusa e riguardano tre lavoratori deceduti e uno ammalatosi di absestosi. Secondo la Procura, gli imputati avrebbero cagionato la morte dei tre operai e le lesioni gravissime al quarto operaio, per «imprudenza, negligenza, imperizia e inosservanza delle norme sull’igiene del lavoro e, segnatamente, in quanto avrebbero esposto al rischio amianto il lavoratori non prevedendo l’uso e l’assegnazione di dispositivi di protezione individuale, non formano né informando il lavoratore sul rischio amianto, pur adibendolo a lavorazioni che lo esponevano a polveri di amianto e fumi». Agli atti dell’indagine, quali fonti di prova, ci sono i certificati Inail di malattia professionale e gli accertamenti svolti dallo Spesal.

Il 23 giugno del 2017 la Corte d'Appello di Taranto per altri 5 morti di operai Ilva-Italsider dovute probabilmente all’amianto presente per decenni in grandi quantità nel siderurgico, ha condannato Sergio Noce a 2 anni e 4 mesi; Giambattista Spallanzani a 2 anni e 8 mesi e a 2 anni Attilio Angelini. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400