Venerdì 20 Settembre 2019 | 09:17

NEWS DALLA SEZIONE

Nel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
ambiente
Taranto, incendio in impianto autodemolizioni: colonna di fumo nero

Taranto, incendio in impianto autodemolizioni: colonna di fumo nero

 
L'episodio
Si intrufolano in sagrestia e rubano il marsupio del parroco: pizzicati 2 ladri nel Tarantino

Si intrufolano in sagrestia e rubano il marsupio del parroco: pizzicati 2 ladri nel Tarantino

 
Nel tarantino
Massafra, nigeriano si denuda in strada e sputa contro le auto di passaggio: arrestato

Massafra, nigeriano si denuda in strada e sputa contro le auto di passaggio: arrestato

 
L'operazione
Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

 
Dalla Gdf
Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

 
A San Marzano
Lite a coltellate in bar del Tarantino, un ferito: arrestato aggressore

Lite a coltellate in bar del Tarantino, un ferito: arrestato aggressore

 
In centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
nel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
Siderurgico
Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
PotenzaSul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 

i più letti

A Taranto

Ilva, l'allarme di Peacelink: «Con 8 mln di tonnellate aumenteranno le emissioni»

Per l'associazione si tratta di un'operazione propagandistica del Governo ai danni dei tarantini. Emiliano: «Se è vero è una cosa grave»

Ilva

Lo stabilimento Ilva

TARANTO - «Attualmente Ilva produce acciaio liquido per 4,8 tonnellate/anno (dati ufficiali 2017). Quindi, anche se Arcelor Mittal taglierà - come dichiara - il 30% delle polveri delle emissioni convogliate, con l’aumento produttivo a 8 milioni di tonnellate/anno avremo un aumento di polveri del 16% in flusso di massa annuo rispetto al 2017». Lo sostiene il presidente di Peacelink Alessandro Marescotti, spiegando che «questo calcolo vale per le emissioni convogliate. ArcelorMittal non dichiara invece di quanto vuole tagliare le emissioni non convogliate (come quelle della cokeria) che sono le più pericolose».

Secondo l’ambientalista «emergono pian piano i dettagli di una operazione propagandistica del governo ai danni della popolazione esposta all’inquinamento. La situazione è ancora peggiore per le emissioni di CO2 dall’Ilva. Parliamo delle emissioni che provocano lo scongelamento dei ghiacci e l'innalzamento dei livelli dei mari, a causa del surriscaldamento climatico».

I tagli «del 15% delle emissioni di CO2, promessi da ArcelorMittal - attacca Marescotti - e dal suo fedele governo, non compensano assolutamente l’incremento produttivo del 66% da 4,8 a 8 milioni di tonnellate anno di acciaio liquido, incremento che il Ministero dell’Ambiente intende concedere a condizioni facilitate rispetto al piano ambientale precedente. L'Ilva, con le sue centrali energetiche, è la maggiore fonte di emissione in Italia di CO2 assieme alla centrale a carbone di Cerano».

LE PAROLE DI EMILIANO - «Se fosse vero, e non ho motivo di non prendere sul serio questa segnalazione di Peacelink, sarebbe una cosa molto grave». Lo dichiara il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, commentando le dichiarazioni rese oggi dal presidente di Peacelink, Alessandro Marescotti, su un possibile aumento della produzione nello stabilimento Ilva fino a 8 milioni di tonnellate con relativo aumento delle emissioni. «Peacelink è un’associazione seria - dice Emiliano - Hanno studiato l’addendum e secondo il loro giudizio, che noi stiamo verificando, è possibile che senza sostanzialmente una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (Aia) si possa arrivare agli 8 milioni di tonnellate e quindi in deroga al principio, che era sempre stato rispettato in questi anni, che la fabbrica, senza le innovazioni e senza l’adempimento di tutti gli obblighi dell’Aia stessa, non potesse superare i 6,8 milioni di tonnellate».

«Se fosse vero, e non ho motivo di non prendere sul serio questa segnalazione di Peacelink, sarebbe una cosa molto grave. Adesso i miei uffici la stanno verificando - ha detto ancora il governatore pugliese - e dopodiché segnaleremo immediatamente al ministro Di Maio che se l’addendum, che è una libera offerta da parte di ArcelorMittal, dovesse contenere un trucco del genere, sarebbe davvero gravissimo, perché potrebbe rischiare di compromettere il rapporto di fiducia, che è indispensabile, tra le istituzioni e l’acquirente dell’Ilva».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie