Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 02:28

NEWS DALLA SEZIONE

Arresti a Taranto
Gestivano prostitute dal carcere in Francia: vicino alla banda anche sacerdote

Gestivano prostitute da carcere in Francia: vicino a banda anche un prete

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 
Nel Tarantino
Massafra, picchia la madre per 8 anni, arrestato 26enne

Massafra, picchia la madre per 8 anni, arrestato 26enne

 
della nave Bergamini
Incidente nella stazione navale Taranto, ferito sottoufficiale

Taranto, ormeggio trancia gamba a sottoufficiale, sempre grave

 
Al rione Tamburi
Taranto, cede controsoffitto in classe dopo petardo, l'aula era vuota

Taranto, cede controsoffitto in classe dopo petardo, l'aula era vuota

 
Tragedia sfiorata
Taranto, pezzi di cemento si staccano dal balcone: ferita una donna

Taranto, pezzi di cemento si staccano dal balcone: ferita una donna

 
Nel Tarantino
Laterza: mamma, bimbo e nonna morirono in incidente, chiesto rinvio a giudizio

Laterza: mamma, bimbo e nonna morirono in incidente, chiesto rinvio a giudizio

 
Con la procedura XLIF
Taranto, riuscito intervento unico in Puglia contro la scoliosi

Taranto, riuscito intervento unico in Puglia contro la scoliosi

 
Nel tarantino
Castellaneta: in 3 immobilizzano ragazzo rumeno e lo derubano, tra loro un minore

Castellaneta: in 3 immobilizzano ragazzo rumeno e lo derubano, tra loro un minore

 
ex ilva
Taranto, intesa Mittal-sindacati: revocato lo sciopero

Taranto, intesa Mittal-sindacati: revocato lo sciopero

 
Nel Tarantino
Trasformava pistole a salve in armi vere: un arresto a Massafra

Trasformava pistole a salve in armi vere: un arresto a Massafra

 

L'intesa con Mittal

Accordo Ilva, 2mila voti al referendum: giovedì il verdetto dei lavoratori

Le fabbriche che potrebbero riservare sorprese sono Taranto (dove lavorano a 10.500 operai e ne saranno assunti subito solo 8.200) e Genova-Cornigliano con i suoi 1.474 lavoratori

Ilva

Le assemblee in fabbrica (foto Todaro)

TARANTO - E’ iniziato il referendum dei lavoratori del gruppo Ilva sull'accordo siglato dai sindacati con ArcelorMittal. Le operazioni si concluderanno giovedì in serata. L’atmosfera sembra ottimista e i «Sì» dovrebbero vincere con larga misura.
Mentre al siderurgico di Taranto cominciavano le assemblea e si allestivano i seggi, il ministro Luigi Di Maio rassicurava i tarantini che speravano nella chiusura dell’Ilva, «Abbiamo ancora tantissimo da fare: Taranto ha un credito con tutta l'Italia e l’Europa» ha detto alla Camera. Credito che il presidente della Puglia Michele Emiliano cercherà di portare all’incasso al tavolo ambientale per Taranto previsto nei prossimi giorni. L’obiettivo di Emiliano resta sempre la decarbonizzazione: «io ritengo che sia giusto che la Regione Puglia pretenda anche da ArcelorMittal la competa decarbonizzazione dello stabilimento, visto che peraltro noi possiamo mettere a disposizione del gas ad un prezzo energeticamente identico a quello del carbone, quindi non c'è ragione di ammazzare la gente col carbone».

Nella giornata di oggi a Taranto hanno votato in circa 2.000 e si sono create code per l’affluenza massiccia. Domani comincerà Genova-Cornigliano. I lavoratori dello stabilimento Ilva di Racconigi, hanno votato ieri e si hanno già i risultati (87% favorevoli). Oggi, insieme a Taranto, lo ha fatto anche Marghera, domani Novi Ligure terminerà le assemblea e voterà.

Le fabbriche dalle quali potrebbe arrivare qualche sorpresa, soprattutto nelle assemblee, sono l’acciaieria di Taranto, dove lavorano a 10.500 operai e ne saranno assunti subito solo 8.200, e Genova-Cornigliano con i suoi 1.474 lavoratori. Per Genova ci saranno i tempi supplementari all’accordo siglato il 6 settembre con un tavolo da convocare entro il 30 di questo mese. La cifra di quelli che saranno assunti subito a Genova non è scritta, ma sarà individuata proprio al tavolo sull'accordo di programma. Qui l’obiettivo dei sindacati è di garantire l’assunzione a tutto l’organico effettivo. «Domani votiamo l’accordo e poi andiamo ai tempi supplementari» ha detto il segretario genovese della Fiom Bruno Manganaro.

«Capisco la rabbia dei tarantini ma Di Maio ha fatto il massimo vista la condizione data» è l’assist che lancia Alessandro Di Battista al suo capo politico mentre dall’ala più movimentista del fronte sindacale (e vicina ai 5 stelle) il segretario generale dell’Usb Sergio Bellavita ribadisce il successo ottenuto con l’accordo garantendo l’esito positivo e un "consenso alto». «E' il primo accordo dopo 20 anni dove i lavoratori non ci perdono nulla nel passaggio fra due società. I lavoratori dell’ex Lucchini hanno perso 300 euro col passaggio all’Aferpi di Rebrab» ricorda.

Giovedì si avranno i numeri ufficiali. Per ora i lavoratori di Taranto sono preoccupati, più che dall’uso o meno del carbone, dalla riduzione degli stipendi per chi resterà all’amministrazione straordinaria. Dei 10.500 attualmente in forze al siderurgico, ArcelorMittal ne assumerà 8.200, gli altri passeranno all’amministrazione straordinaria con una cassa integrazione al 70%. Gli altri numeri degli assunti subito sono scritti (tranne Genova) nero su bianco: 700 a Novi Ligure, 175 a Milano, 145 a Racconigi, 50 a Marghera, 40 a Paderno Dugnano e 30 a Legnano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claud

    11 Settembre 2018 - 08:08

    Emiliano vuole imporre all'ILVA di usare il gas al posto del carbone ma non vuole far arrivare il gas in Puglia con la TAP. Le solite parole in libertà

    Rispondi