Mercoledì 22 Maggio 2019 | 22:36

NEWS DALLA SEZIONE

TRIATHLON
Proposte di matrimonio e atleti specialiPolignano promuove il CalaPonte Triweek

Proposte di matrimonio e atleti speciali
Polignano promuove il CalaPonte Triweek

 
Ciclismo
Giro d'Italia a S. Giovanni Rotondo: Masnada vince la sesta tappa

Giro d'Italia a S. Giovanni Rotondo: Masnada vince la sesta tappa

 
Sport
Basket, Bari ospiterà a settembre la Supercoppa di Lega

Basket, Bari ospiterà a settembre la Supercoppa di Lega

 
Sport
Polignano, ecco Cala Ponte Triweek: la gara di triathlon più cool del momento

Polignano, ecco Cala Ponte Triweek: la gara di triathlon più cool del momento

 
L'intervista
Giliberto: «La Puglia va a tutto sport molte luci e poche ombre»

Giliberto: «La Puglia va a tutto sport molte luci e poche ombre»

 
BASKET
Jr Nba League a Bari vinconoi Minnesota Timberwolves

Jr Nba League a Bari vincono
i Minnesota Timberwolves

 
ORIENTEERING
Bari, tra i vicoli della città vecchiai ragazzi delle scuole a caccia di lanterne

Bari, tra i vicoli della città vecchia
i ragazzi delle scuole a caccia di lanterne

 
Calcio
Atti violenti in Lega Dilettanti ed Eccellenza lucana: 12 Daspo

Atti violenti in Lega Dilettanti ed Eccellenza lucana: 12 Daspo

 
Basket
Brindisi, la favola dell'Happy Casa continua: i playoff una certezza

Brindisi, la favola dell'Happy Casa continua: i playoff una certezza

 
Calcio
Il Picerno festeggia per la seconda volta: promosso di nuovo in C

Il Picerno festeggia per la seconda volta: promosso di nuovo in C

 
L'intervista doppia
La coppia del tennis Fognini-Pennetta si racconta: «lui è timido, lei lo capisce»

La coppia Fognini-Pennetta si racconta: «lui timido, lei lo capisce»

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, 10 milioni di euro per il mercatoDe Laurentiis vuole crescere in fretta

Bari, 10 milioni di euro per il mercato: De Laurentiis vuole crescere in fretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoTaranto
Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

 
BariL'enfant prodige
Mola, baby genio a 8 anni vince i nazionali dei Giochi Matematici

Mola, baby genio a 9 anni vince i nazionali dei Giochi Matematici

 
BatDopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mafia, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento a Mattinata

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 

i più letti

LA STORIA

Olimpiadi Città del Messico 1968
Gentile e la medaglia spezzata

I ricordi del triplista a Molfetta per la commemorazione di Giosuè Poli

Olimpiadi Città del Messico 1968Gentile e la medaglia spezzata

Cinquant’anni dopo, di quella medaglia di bronzo vinta alle Olimpiadi di Città del Messico, a lui è rimasta una metà. L’altra l’ha consegnata a Gigi Rosati, il suo allenatore. Una decisione meditata e sofferta. Perché se fosse stata d’oro, la medaglia, l’avrebbe fatta dividere subito: “Lo avevo promesso. Invece era del metallo sbagliato”. Invece, prima di farlo, ci ha pensato 25 anni. Poi ha deciso che non era giusto negare a Gigi la gioia di quel traguardo raggiunto insieme. 
I baffi di Giuseppe Gentile oggi sono sale e pepe. L’altezza è sempre la stessa. C’è solo qualche chilogrammo di troppo. Fisiologico per chi ha 75 anni. Non sfoglia volentieri il libro dei ricordi della più incredibile, emozionante e leggendaria gara di salto triplo della storia.


“La mia vita sportiva è iniziata il 16 ottobre 1968 – dice a Molfetta, per la commemorazione di Giosuè Poli – ed è terminata il giorno dopo”. Gentile nelle qualificazioni stabilisce il record del mondo con un balzo di 17 metri e 10 centimetri. Nella finale, al primo salto, si migliora ancora: m 17,22. Sembra fatta. Invece? Il sovietico Viktor Saneev lo supera per un centimetro. Poi, tocca al brasiliano Nelson Prudencio fermarsi a 17,27 e di nuovo a Saneev con 17,39”.
  “Questa storia della medaglia di bronzo – dice – non l’ho mai metabolizzata. Mandarla giù è difficile, forse impossibile”.  Ha cercato di esorcizzare la sconfitta scrivendo un libro nel quale ha spiegato tutto. Anche le speranze di un mondo che non voleva cambiare. I pugni chiusi nei guanti neri al cielo di Tommie Smith e Juan Carlos, la protesta sociale finita nel sangue dei messicani. “Eventi eclatanti”, li definisce. “La loro protesta plateale, fu la prima nella storia dello sport. Da allora in poi lo sport ha subito la strumentalizzazione dei politici, basti pensare al  boicottaggio dei Giochi di Mosca e di Los Angeles”.
 Ma ritorniamo alla gara maledetta: “Speravo di vincerla e invece sono arrivato terzo. L’altura agevolò nei passi e nella velocità le prestazioni. Come il tartan”.
Gentile saltò con una vistosa fascia alla coscia: “Non influì sulla prestazione e fu il risultato della mia passione per il salto in alto. Mi divertivo a saltare perché a 25 anni pensavo di poter fare tutto. Fino a quando non sentii un dolore alla coscia.”.
Il record del mondo? “Non significava nulla. Tutti pensavano che bastasse per vincere. Tranne io”. I passi, gli appoggi, la sabbia. Il primato dura 20 minuti. E l’atletica di oggi? “Sogno una società in cui si comincia riconoscere non il valore del denaro, ma dell’uomo, Perché l’atletica di oggi  non ha memoria e allora vale la pena far emergere gli aspetti dello sport di ieri”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400