Martedì 19 Gennaio 2021 | 23:51

NEWS DALLA SEZIONE

questa mattina
Corato, straniero dà in escandescenza in pieno centro: intervengono due militari dell'Esercito e lo bloccano

Corato, straniero dà in escandescenza in pieno centro: intervengono due militari dell'Esercito e lo bloccano

 
L'iniziativa
Foggia, i militari dell'Artiglieria dell'Esercito donano 320 chili di alimenti a mensa dei poveri

Foggia, i militari dell'Artiglieria dell'Esercito donano 320 chili di alimenti a mensa dei poveri

 
solidarietà
Foggia, Esercito impegnato nel sociale: gli artiglieri donano 320 kg di generi di prima necessità ai poveri

Foggia, Esercito impegnato nel sociale: artiglieri donano 320 kg di generi di prima necessità ai poveri

 
La novità
Aeronautica, a Galatina arrivano i primi due velivoli T-345A

Aeronautica, a Galatina arrivano i primi due velivoli T-345A

 
La cerimonia
Taranto, ecco i nuovi 24 sommergibilisti della Marina Militare

Taranto, ecco i nuovi 24 sommergibilisti della Marina Militare

 
la missione
Marina Militare, i cacciatori di pirati sono tornati in Puglia

Marina Militare, i cacciatori di pirati sono tornati in Puglia

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

 
BatLa disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

 
PotenzaIl virus
Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

 
BariIl caso
Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

 
Foggiaparto record
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 

i più letti

Il caso

Quel precedente poco illustre dello «Stealth» abbattuto dai serbi

Nella guerra del Kosovo, doccia fredda sul Pentagono. Soccorsi da Brindisi

Quel precedente poco illustre dello «Stealth» abbattuto dai serbi

«Vega 31» è una sigla che ancora oggi fa fare brutti sogni a generali in servizio e veterani dell’aviazione militare sotto l’«ombrello» Usa-Nato. È infatti il nome in codice dell’identificativo radio dell’unico jet da combattimento «stealth» (invisibile ai radar, ma solo in teoria come poi dimostrarono i fatti) abbattuto finora nella storia militare mondiale.
«Vega 31» era un bombardiere F-117 (velivolo utilizzato solo dall’Usaf, l’aviazione militare statunitense) pilotato dal tenente colonnello Darrell Patrick "Dale" Zelko e decollato da Aviano (Friuli) la sera del 27 marzo 1999.

Poco dopo aver sganciato le sue due bombe nei pressi di Novi Sad (serbia settentrionale, circa 100 chilometri a ovest di Belgrado) in quella che per lui, veterano della Guerra del Golfo, doveva essere una missione di routine, sulla rotta di ritorno in Italia, nell’area di Budanovci, sempre in Serbia, visse un’esperienza che la «garanzia - stealth» avrebbe dovuto evitargli. I radar della 250ª Brigata missili anti aerei dell’esercito yugoslavo intercettarono il suo F-117, facendo così partire istantaneamente un gruppo di missili S-125 «Neva» (Sa-3 Goa nei codici Nato). Non ci fu scampo. Zelko dovette azionare il sistema di espulsione del suo seggiolino e riuscì giusto a inviare alle forze alleate un «sos» con la sua radio portatile mentre nella notte scendeva appeso al paracadute nelle campagne di Ruma. Ungheria a nord o Romania ad est erano distanti almeno 130 chilometri e l’«impresa» che fino ad allora era ritenuta impossibile da chi aveva progettato il F-117, realizzata dai tenenti colonnello Zoltan Dani e Dorde Anicic, scatenò in brevissimo tempo la caccia all’uomo con gruppi di soldati, cani da fiuto e cellule fotoelettriche montate sui camion dell’esercito yugoslavo.

Furono quelli (la «Allied Force», nome in codice della guerra per il Kosovo, durò dal 24 marzo al 10 giugno) per l’Italia mesi di guerra, con gli spazi aerei chiusi per le operazioni militari e reparti della Nato dislocati su tutta la costa est della Penisola (ricordiamo i missili antiaerei piazzati all’aeroporto di Bari - Palese). Tutte le basi militari pugliesi erano in prima linea e a Brindisi operava la «Joint Special Operations Task Force 2» americana con gli equipaggi da ricerca e soccorso («combat sar») a bordo degli elicotteri MH-53 e MH-60. Tre elicotteri con i loro team già a bordo erano già stati inviati in preallerta, nel tardo pomeriggio, sulla base aerea di Tuzla (Bosnia Erzegovina). Da lì i tre «commando», agli ordini del tenente colonnello Stephan J. Laushine, volarono a bassissima quota nella notte fino a Ruma (i piloti erano equipaggiati con i visori notturni ed evitarono per un soffio l’impatto con cavi di alta tensione delle linee elettriche) e riuscirono a recuperare e riportare a Tuzla il pilota abbattuto, poco prima che le pattuglie serbe riuscissero a catturarlo.

Zelko fu poi rimpatriato da Aviano e i pezzi del suo F-117 non più «invisibile» suddivisi fra russi e cinesi per carpire alle industrie belliche statunitensi i «segreti» della tecnologia «stealth».
La notte del 7 maggio successivo un bombardiere «stealth» B-2 bombardò «per errore» l’ambasciata della Cina a Belgrado (9 le vittime), il F-117 è stato radiato dai reparti dell’Usaf nel 2008, e l’ex comandante serbo Dani oggigiorno fa il panettiere. Con il «suo» pilota abbattuto si sono incontrati a guerra finita per una «rimpatriata» fra ex nemici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie