Sabato 15 Agosto 2020 | 06:40

NEWS DALLA SEZIONE

Il fenomeno
Nonni senza nipoti e sposano la politica

Nonni lucani lasciati senza nipoti, sposano la politica

 
Il caso
A Potenza città 2 assessori col Bonus Inps

A Potenza 2 assessori col bonus Inps: maggioranza in imbarazzo

 
Il caso
Obbligo di soggiorno a Canosa, ma è a Lavello in Basilicata: arrestato

Obbligo di soggiorno a Canosa, ma è a Lavello in Basilicata: arrestato

 
Il virus
Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

 
L'ESTATE DEL COVID
Matera, aperti per ferie: così i negozi cercano di rifarsi

Basilicata, aperti per ferie: così i negozi cercano di rifarsi

 
IL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
POLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
l'iniziativa del comune
Offerta ai turisti del Pollino. Dormi 2 notti, ne paghi una

Rotonda, offerta ai turisti nel Pollino: dormi 2 notti, ne paghi una

 
LA TRAGEDIA nel potentino
Donna muore a Rionero investita dal suo furgone

Donna muore a Rionero in Vulture investita dal suo furgone

 
Contagi
Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

 
Il caso
Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoa lido azzurro
Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

 
Brindisil'evento
Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

 
Foggiaestate
Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

 
Barimobilità
Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

 
Batdipendente amiu
Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

 
Materaa 38 anni
Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

 
PotenzaIl fenomeno
Nonni senza nipoti e sposano la politica

Nonni lucani lasciati senza nipoti, sposano la politica

 
LecceIl fatto
Nardò: «Augurate la morte ai profughi, vergogna»

Nardò, il parroco tuona: «Augurate la morte ai bimbi profughi, vergogna»

 

i più letti

solidarietà

Apre a Potenza
studio medico gratuito
per gli immigrati

migranti

di FRANCESCO RUSSO

POTENZA - Garantire l’assistenza sanitaria ai lavoratori stranieri privi o in attesa di permesso di soggiorno. Da martedì prossimo a Potenza sarà possibile, grazie all’iniziativa del Centro studi e ricerche sulle realtà meridionali (Cestrim) e di un gruppo di operatori sanitari, tutti volontari. Oggi pomeriggio - intorno alle 16.30 - ci sarà la presentazione del progetto nella sede del Cestrim. Dal 4 aprile, per due giorni alla settimana, medici ed infermieri si metteranno a disposizione degli irregolari che necessitino di visite o di cure mediche. «Spesso la società ci vuole far credere che non abbiamo nessun potere sul mondo che ci circonda: ma non è vero, nel nostro piccolo qualcosa possiamo farla, ognuno nel proprio campo di competenza», dice Edoardo Pennacchio, operatore sanitario in Medicina d’urgenza e Pronto soccorso all’ospedale San Carlo di Potenza, uno dei promotori del progetto di solidarietà.

«L’idea - racconta - ci è venuta insieme a don Marcello Cozzi, del Cestrim. Abbiamo pensato di mettere su uno studio medico per migranti irregolari, privi di permesso di soggiorno o con il documento scaduto. Si tratta di persone che sono garantite da una legislazione a loro dedicata e lungimirante, che considera il diritto alla salute inalienabile e che parte dal presupposto che la clandestinità sanitaria non sia utile a nessuno. La legge - evidenzia il dottor Pennacchio - prevede che tale tipo di assistenza possa essere erogata anche da organismi di volontariato, in uno spirito di collaborazione reale, naturalmente, con il servizio sanitario. Tutto questo per garantire anche agli irregolari il sacrosanto diritto all’assistenza sanitaria. In quanti saremo? All’iniziativa - evidenzia - hanno aderito spontaneamente 40 operatori sanitari e altrettanti infermieri: per noi è stata una bellissima sorpresa, anche perché nessuno di loro aderiva ad associazioni. Come abbiamo reclutato il personale volontario? Lo abbiamo fatto rivolgendoci agli Ordini dei Medici e degli Infermieri, ma è stato altrettanto importante il passaparola».

Il laboratorio - ospitato in alcuni locali messi a disposizione dal Cestrim, nella sede di via Sinni (traversa di via Acerenza) - sarà a disposizione degli irregolari il martedì dalle 11 alle 13 e il venerdì pomeriggio dalle 17 alle 19. Ci si chiede, a questo punto, se non esista il rischio che non si presenti nessuno, per paura magari di segnalazioni. «In realtà - puntualizza Pennacchio - è proprio questo il motivo per cui quelle persone non cercano solitamente i canali tradizionali. Magari martedì non verrà nessuno, ma non crediamo che sarà così.
A chi si rivolgerà al laboratorio verrà assegnato un codice, simile a quello sanitario attribuito a tutti noi, che non comporta la segnalazione all’autorità giudiziaria. Non dimentichiamo - prosegue l’operatore sanitario - che non stiamo parlando di persone che hanno commesso reati. Siamo di fronte a donne e uomini che stanno aspettando il permesso di soggiorno o che hanno lo status di rifugiati. Che tipo di servizi verranno erogati? Sarà un ambulatorio di tipo generalista, ma ci saranno anche specialisti. Avremo ad esempio un infettivologo, un dermatologo, un odontoiatra, ma ci saranno anche altre figure».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie