Martedì 19 Marzo 2019 | 00:23

NEWS DALLA SEZIONE

I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 
La denuncia
Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

 
l’altra faccia della disoccupazione
Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Il Piano passa in Giunta

Trasporti, «servizi a chiamata»
per salvare i piccoli comuni

Ora si pensa ai progetti da mettere in campo

Trasporti, «servizi a chiamata»  per salvare i piccoli comuni

di Antonella Inciso

Meno corse ma non certo meno servizi. Meno spese ma non minore efficienza. Il Piano regionale per i trasporti mira a questo: a contenere i costi ma nello stesso tempo a rendere più snello ed efficiente il servizio. Obiettivi ambiziosi che passano anche per uno dei punti strategici della programmazione : quello del servizio a chiamata. Sì, una sorta di «taxi» per corse collettive che consentirà alle comunità dei piccoli paesi della Basilicata di poter prendere i bus quando c’è la necessità. Evitando così le corse vuote e le spese inutili.

Il servizio sarà appunto una delle novità del Piano regionale che la giunta Pittella ha approvato nel primo pomeriggio di ieri. Una programmazione imponente finalizzata a modernizzare ed a razionalizzare il servizio dei trasporti lucani. A cominciare anche dall’idea di un «servizio a chiamata» che la Regione punta a realizzare nei comuni più piccoli. Attraverso pulmini di cui gli utenti possono usufruire per tutte le loro necessità, comprese quelle mediche. Ma non solo. L’idea punta anche a mettere insieme le diverse realtà, realizzando una sorta di percorso tra comuni. Insomma, un servizio che possa toccare non solo anziani, disabili e semplici cittadini ma anche persone di paesi diversi.

Questo come progetto di massima, considerato che per i dettagli si dovrà attendere ancora. Il piano dei trasporti, infatti, detta le linee guida mentre per i dettagli si farà riferimento ai piani di bacino che non sono stati ancora fatti. Piani che riguarderanno ben nove zone della regione, disegnate sulla base delle attuali aree programma. A cui si aggiungeranno le aree legate ai due capoluoghi. E proprio sui piano di bacino saranno stabiliti chilometri e percorsi. Progetti, questi ultimi che, ad esempio, puntano ad aumentare il servizio in alcune aree con il Melfese ed invece a ridurlo in altre come il territorio di Pisticci. Il che lascia presagire non poche discussioni. A cominciare da quelle che si terranno nelle commissioni consiliari regionali. Nonostante il via libera al Piano dato dalla maggioranza dei consiglieri, infatti, è già certa la richiesta di alcune modifiche. Cambiamenti sulla razionalizzazione e sulle strategie che dovranno essere adottate che - in alcuni casi - non potranno non creare tensioni. Tanto che già qualche esponente regionale ha annunciato la necessità di intervenire subito. D’altra parte, tra bus, aerei e ferrovie il lavoro da fare è notevole. Ed in più i tempi sono strettissimi. Perché il Piano regionale per il trasporti deve essere assolutamente approvato dal Consiglio regionale entro il 31 dicembre, per poi entrare in vigore dal primo gennaio. Se la scadenza non venisse rispettata il rischio sarebbe l’ennesima decurtazione dei fondi statali. Una mannaia che la Basilicata non può permettersi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400