Giovedì 21 Febbraio 2019 | 12:42

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

 
TarantoNel Tarantino
Tentò di uccidere due persone a S.Giorgio Jonico, pregiudicato si consegna ai cc

Tentò di uccidere 2 persone a S.Giorgio Jonico, 68enne si consegna ai cc

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BariPremiato a Rimini
Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

 
Brindisil'emergenza
Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

 
FoggiaLa decisione
Foggia, dopo 14 anni chiude Unieuro, in 18 a casa

Foggia, dopo 14 anni chiude Unieuro, in 18 a casa

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

Motivazioni del Riesame

Inchiesta petrolio a Potenza
«Dai dipendenti dell'Eni
un'attività criminosa»

Inchiesta petrolio, Riesame vicino L'Eni vuol ricominciare a produrre

POTENZA - «La condotta» dei cinque dipendenti del Centro Oli di Viggiano (Potenza) dell’Eni - agli arresti domiciliari dallo scorso 31 marzo nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Potenza sulle estrazioni petrolifere in Basilicata - non è «affatto episodica» ma «denota una pervicace attività criminosa» che «si è protratta per lungo tempo, coinvolgendo un notevolissimo numero di persone».

Sono alcuni dei passaggi delle motivazioni con cui il Tribunale del Riesame di Potenza ha respinto il ricorso presentato dai legali dei cinque indagati - Nicola Allegro, Roberta Angelini, Luca Bagatti, Antonio Cirelli e Vincenzo Lisandrelli - per la revoca delle misure cautelari: secondo i giudici del Riesame, inoltre, ognuno di loro ha «contribuito consapevolmente all’azione criminosa, apportando un proprio contributo causale e avendo la consapevolezza del contributo causale degli altri».

Il Tribunale fa particolare riferimento «all’alterazione dei dati» sui parametri delle sostanze inquinanti e sui codici di classificazione dei rifiuti: «Ciò che appare particolarmente significativo - è scritto nelle motivazioni - è che i 'datì, ovvero i risultati delle analisi, devono combaciare, a costo di artificiose sistemazioni, così denotando una ferma volontà di rappresentare agli organi di controllo una situazione formalmente corretta, senza tenere conto della effettiva realtà». Dalle intercettazioni, infine, emerge «chiaramente come gli indagati abbiamo una sistematica propensione alla mistificazione della realtà».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400