Venerdì 14 Maggio 2021 | 16:21

NEWS DALLA SEZIONE

Occupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
Covid
Basilicata, continua a calare il numero di positivi

Basilicata, continua a calare il numero di positivi - LE FOTO

 
La condanna
Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

 
La decisione
Basilicata gialla ma 4 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

Basilicata gialla ma 5 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

 
L'annuncio
Vaccini, parola di Bardi: «In Basilicata 12 mila dosi Pfizer in più»

Vaccini, parola di Bardi: «In Basilicata 12 mila dosi Pfizer in più»

 
L'appuntamento
Luci e street art: a Potenza la Parata dei Turchi cambia forma

Luci e street art: a Potenza la Parata dei Turchi cambia forma

 
Covid
Basilicata, in calo i numeri dell'emergenza

Basilicata, in calo i numeri dell'emergenza

 
lavoro
Cantieri edili irregolari, controlli a Potenza e Matera

Cantieri edili irregolari, controlli a Potenza e Matera

 
Covid
Basilicata, in arrivo nuove forniture Pfizer

Basilicata, in arrivo nuove forniture Pfizer

 

Il Biancorosso

L'intervista
Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTurismo
Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

 
FoggiaL'emergenza
Foggia, prima visita di un familiare a paziente Covid

Foggia, prima visita di un familiare a paziente Covid

 
TarantoL'iniziativa
Taranto, raddoppiano gli spazi all'aperto per bar e ristoranti

Taranto, raddoppiano gli spazi all'aperto per bar e ristoranti

 
Brindisila denuncia
Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

 
PotenzaOccupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
HomeEmergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 

i più letti

Il caso

Basilicata, classi in quarantena ma le maestre no perché già vaccinate

Eppure la scienza dice altro

Bitritto, dipendente di una scuola positivo: istituto annulla attività in presenza

Cinque persone vaccinate, di cui due con il richiamo, sono ricoverate all’ospedale San Carlo di Potenza perché contagiate dal Covid. Il vaccino - come più volte spiegato dagli esperti - non mette al riparo dal virus, ma evita che la «bestia» prenda il sopravvento sull’organismo al punto da catapultarci in ospedale. Per questi cinque cittadini non è stato così. Perché? Il direttore generale del San Carlo, Giuseppe Spera, parla di una questione puramente statistica: «Purtroppo - dice - la comunità scientifica parla di un 10 per cento di persone che, pur vaccinato, potrebbe non sviluppare anticorpi». È possibile contrarre l’infezione - sottolineano gli esperti - anche dopo la vaccinazione, in particolare se è stata somministrata solo la prima dose di vaccino o se la seconda dose è stata somministrata solo da poco tempo. La protezione completa fornita dal vaccino viene raggiunta 14 giorni dopo la somministrazione della seconda dose. Se al dato statistico aggiungiamo la tempistica relativa alla piena efficacia del vaccino, le incertezze sulla capacità di trasmissione del virus, le variabili contro cui non sappiamo ancora se funzionano Pfizer, Moderna, Astrazeneca & C., ecco che emerge una riflessione su tutte: anche se vaccinati occorre essere prudenti. Ne sanno qualcosa i degenti di una casa di riposo nella valle grigione del Reno, in Svizzera, dove è stato riscontrato un focolaio di casi di coronavirus. All’interno della struttura tutti avevano ricevuto la seconda dose di vaccino già nel mese di febbraio.

L’invito alla prudenza, però, non trova sponde in alcune scuole lucane, alle prese con intere classi in quarantena (al momento, in Basilicata, se ne contano 24). Laddove è stato deciso di lasciare a casa gli studenti per la presenza di un positivo nella stessa classe, agli insegnanti è stato chiesto comunque di presentarsi al lavoro. Motivo? Sono vaccinati. Capita anche nelle scuole elementari, dove il rapporto tra insegnante e alunno è necessariamente più stretto, tenuto conto che si sta insieme anche a mensa e, soprattutto, che i bambini vanno seguiti più da vicino. Ritenere che una maestra - seppur vaccinata - che è stata a contatto con un alunno risultato positivo possa essere al riparo dal contagio è un errore. Come dimostrano i casi citati e come testimonia la comunità scientifica internazionale. Anche perché, lo ribadiamo, ancora oggi nessuno è in grado di dirci esattamente se il vaccino annulli la capacità di trasmissione del virus. Questo significa che, quant’anche l’insegnante risultasse immune, potenzialmente è ancora un vettore del Covid e, quindi, può infettare colleghi e alunni. La prudenza, insomma, non è mai troppa, soprattutto in piena pandemia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie