Venerdì 23 Aprile 2021 | 10:55

NEWS DALLA SEZIONE

il provvedimento
Potenza, condannati dopo indagini della Dda su omicidio Cassotta: tre arresti

Potenza, condannati dopo indagini della Dda su omicidio Cassotta: tre arresti

 
L'emergenza
Potenza, dal 26 aprile 75% studenti superiori in presenza

Potenza, dal 26 aprile 75% studenti superiori in presenza

 
Tragedia sfiorata
Melfi, ispettore Polizia penitenziaria aggredito e percosso da un detenuto

Melfi, ispettore Polizia penitenziaria aggredito e percosso da un detenuto

 
Sicurezza
Potenza, Tempa Rossa: presentato lo studio di affidabilità degli impianti

Potenza, Tempa Rossa: presentato lo studio di affidabilità degli impianti

 
La crisi
Basilicata, in un anno cig aumentata dell'800%

Basilicata, in un anno cig aumentata dell'800%

 
Nel Potentino
Forenza sotto choc: aggrediti e feriti in casa parroco e una maestra. Solidarietà di Bardi

Forenza sotto choc: aggrediti e feriti in casa parroco e una maestra. Solidarietà di Bardi

 
Petrolio
Viggiano, Centro Olio Val d'Agri si ferma per 50 giorni per manutenzione

Viggiano, Centro Olio Val d'Agri si ferma per 50 giorni per manutenzione

 
La decisione
Nuove zone rosse in Basilicata, l'ordinanza di Bardi per 3 comuni

Nuove zone rosse in Basilicata, l'ordinanza di Bardi per 3 comuni

 
Covid
Domani la visita del generale Figliuolo in Basilicata

Domani la visita del generale Figliuolo in Basilicata

 

Il Biancorosso

Serie C
Turris e Bari a confronto

Turris e Bari a confronto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzail provvedimento
Potenza, condannati dopo indagini della Dda su omicidio Cassotta: tre arresti

Potenza, condannati dopo indagini della Dda su omicidio Cassotta: tre arresti

 
BrindisiIl caso
S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

 
Leccetrasporti
Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

 
MateraLavori pubblici
Matera, cambia volto il teatro Quaroni

Matera, cambia volto il teatro Quaroni

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

 
GdM MultimediaCultura
Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

 
FoggiaTragedia sfiorata
Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

 

i più letti

il provvedimento

Palazzo San Gervasio, fu trovata coca nel negozio di frutta: sequestrati beni per 548mila euro

Gli sviluppi dell’inchiesta «It’s business». Secondo il tribunale di Potenza «sono frutto delle attività delittuose dell'associazione criminale»

Palazzo San Gervasio, fu trovata coca nel negozio di frutta: sequestrati beni per 548mila euro

Due immobili uso abitazione e uno adibito ad attività commerciale, tutti a Palazzo San Gervasio, due terreni seminativi in agro di Banzi, due autovetture (una Suzuki Vitara e una Clio) e oltre 268 mila ero (268.300) in banconote di vario taglio. Sono questi i beni posti sotto sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, dai Carabinieri del Nucleo Operativo e radiomobile della Compagnia di Acerenza nell’ambito dell’indagine denominata «It’s Business” coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza - Direzione Distrettuale Antimafia.

L’operazione porto lo scorso 10 marzo al sequestro di oltre 3 chilogrammi di cocaina e 6 chilogrammi di marijuana oltre che al fermo di cinque persone, ritenuti responsabili di associazione finalizzata al traffico e detenzione ai fini di spaccio in concorso, nonché all’arresto in flagranza di altre due persone. Il provvedimento di sequestro è stato disposto poiché i beni in questione sono ritenuti, si legge nel dispositivo «profitto, prodotto o cose che servirono o furono destinate a commettere il reato, già sequestrati con finalità probatorie, all’esito delle perquisizioni, eseguite durante il citato provvedimento di fermo a carico degli indagati, ed il cui valore è stato stimato a circa 548 mila euro».

Una decisione conseguenza delle investigazioni, iniziate nel gennaio del 2020, che hanno consentito di svelare le attività, delineandone la struttura di un gruppo criminale che aveva base operativa a palazzo San Gervasio, in grado di approvvigionare di sostanze stupefacenti anche i comuni limitrofi pugliesi e lucani.

Le indagini infatti, hanno permesso di evidenziare l’esistenza di una stabile organizzazione a carattere familiare con al vertice i fratelli Fabio e Umberto De Nigris, due dei sottoposti a fermo, nonchè il padre degli stessi, anche lui tra i fermati, Giuseppe De Nigris, che aveva la sua sede logistica ed organizzativa nell’esercizio commerciale di vendita di frutta e verdura, intestato alla mamma dei fratelli De Nigris.

Nel locale commerciale si legge nel dispositivo del Tribunale di Potenza «la droga veniva pesata e confezionata per poi essere smerciata, sia all’interno dello stesso ed a volte pagata con la Carta del Reddito di Cittadinanza, sia in altri luoghi isolati fuoiri dal paese». [s.m.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie