Mercoledì 23 Settembre 2020 | 08:44

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Potentino
A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

 
maltrattamenti in famiglia
Barile, blocca in casa convivente e figlio: arrestato 27enne romeno

Barile, blocca in casa convivente e figlio: arrestato 27enne romeno

 
dati regionali
Coronavirus in Basilicata, 14 tamponi positivi su 577: 11 i pazienti ricoverati

Coronavirus in Basilicata, 14 tamponi positivi su 577: 11 i pazienti ricoverati

 
La curiosità
Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

 
Elezioni 2020
Basilicata, al voto per le Comunali il 66.51% degli elettori: domani lo spoglio

Basilicata, al voto per le Comunali il 66.51% degli elettori: domani lo spoglio

 
i dati regionali
Coronavirus, in Basilicata 7 nuovi positivi: analizzati 409 tamponi durante week end

Coronavirus, in Basilicata 7 nuovi positivi: analizzati 409 tamponi durante week end

 
la tragedia
Schianto mortale con l'auto a Bella: muore 26enne

Bella, schianto mortale con l'auto: muore 26enne

 
Elezioni 2020
Avigliano, entra in cabina e fotografa scheda elettorale: denunciato 47enne

Avigliano, entra in cabina e fotografa scheda elettorale: denunciato 47enne

 
il bilancio
A Potenza e Matera drastico calo entrate per multe e tasse a causa del Covid

A Potenza e Matera drastico calo entrate per multe e tasse a causa del Covid

 
La pena inflitta
Stupro a S. Valentino condannato 36enne di Abriola a 6 anni e 6 mesi

Abriola, stupro di S. Valentino: condannato 36enne a 6 anni e 6 mesi

 
Il caso
Coronavirus Basilicata, presidente positiva durante l'istituzione del seggio a Potenza

Coronavirus Basilicata, presidente si insedia nel seggio a Potenza ma scopre di essere positiva: locali sanificati FT

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

 
TarantoContagi
Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

 
BrindisiIn 60 anni
Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

 
PotenzaNel Potentino
A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 
FoggiaCovid
S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

 
BatLavori pubblici
Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

 
LecceViaggi della speranza
Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

 

i più letti

Il caso

Omofobia in Basilicata: Napoli si scusa, ma la mozione regge l'urto

Il Consiglio comunale della città di Potenza ha approvato una mozione che impegna il sindaco Mario Guarente a manifestare presso il Parlamento della Repubblica Italiana la più ferma opposizione all’approvazione del disegno di legge Zan contro l’omotransfobia e misoginia

Omofobia, Napoli si scusa ma la mozione regge l'urto

POTENZA - Il Consiglio comunale della città di Potenza ha approvato con i voti della maggioranza una mozione che impegna il sindaco Mario Guarente a manifestare presso il Parlamento della Repubblica Italiana la più ferma opposizione all’approvazione del disegno di legge Zan contro l’omotransfobia e misoginia. Mary William ne aveva steso il testo, la proposta risale a due mesi fa, ma solo l’altro ieri è stata portata in Consiglio. Il Consigliere Michele Napoli, di Fratelli d’Italia, intervenuto per illustrare e sostenere la mozione, si è espresso, tra l’altro, in questi termini: «Diciamocelo con chiarezza, così usciamo dagli equivoci: l’omosessualità è contro natura perché contraddice la legge naturale della vita, il diritto naturale, che è un diritto sacrosanto, la differenza tra sessi e la riproduzione della specie».

A queste parole uno tsunami emotivo, in un misto di ideale e di ideologico, si è scatenato nella comunità potentina. Dopo le immediate prese di posizione contro le affermazioni di Napoli, di Morena Rapolla, Presidente Arcigay Basilicata, e di Antonella Giosa, Presidente Agedo, un susseguirsi di interventi di singole persone e di comunicati stampa di associazioni e politici hanno invaso i social, intesi a sottrarre la comunità cittadina al giudizio di omotransfobia. Il consigliere Napoli ha affidato ad un comunicato la sua posizione in merito, né ha voluto aggiungere altro, benché da noi richiesto di farlo, anche in considerazione della netta dissociazione delle forze di maggioranza dalle sue parole. Napoli ha dichiarato che nel corso del suo intervento per illustrare la posizione del gruppo di Fratelli d’Italia e per ribadire quali fossero le ragioni che ci avevano portato a presentare questa proposta contraria alla proposta Zan, ha usato delle espressioni, di cui è detto molto dispiaciuto.

«Mi scuso per aver espresso male alcuni concetti – ha dichiarato - e mi dispiace se le mie parole hanno offeso qualcuno». «Le parole di Napoli - ci ha dichiarato il sindaco Mario Guarente – non sono nel testo della mozione, sono solo sue esternazioni che non condivido. Preciso che sulla legge Zan si sta dibattendo in tutta Italia, e da destra e da sinistra si stanno esprimendo perplessità sul modo in cui è strutturata la legge, perché non garantisce possibilità di esprimere, se non a rischio di sanzioni, il proprio pensiero in difesa della famiglia tradizionale. Non contestiamo le pene su chi fa violenza motivata da orientamenti sessuali diversi, le condividiamo e, anzi, le vorremmo raddoppiate, ma, ribadisco, non è chiaro nella legge cosa si intende per libertà di espressione, oggi, in un tempo in cui si tende a perorare i diritti dei bisessuali, fino ai pansessuali, cosa accadrebbe se in una scuola pubblica o paritaria un insegnante volesse perorare la causa della famiglia tradizionale? Chiediamo, dunque, con la mozione, che continuo a sostenere, che il testo della legge venga migliorato nel senso di offrire maggiori garanzie di rispetto delle idee di tutti.

Io come amministratore e come persona sono favorevole alle unioni civili, sono stato l’unico Consigliere a partecipare alla giornata mondiale contro l’omofobia, ma non posso accettare il rischio che a essere discriminati siano quanti sostengono la famiglia tradizionale. Voglio precisare, per concludere, che le parole di Napoli non sono nella mozione, non lo avremmo consentito, l’amore non è mai contro natura. Capisco che una reazione immediata a queste affermazioni sarebbe stata importante, ma ciò non toglie nulla alla autenticità della mia forte contrarietà ad esse».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie