Giovedì 01 Ottobre 2020 | 23:51

NEWS DALLA SEZIONE

I dati
Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

 
I contagi
Potenza, sindacati denuncia contagi sei operatori sanitari a Villa d'Agri

Potenza, sindacati denuncia contagi sei operatori sanitari a Villa d'Agri

 
Industria
Balvano, Ferrero raddoppia dopo il successo Nutella Biscuits

Balvano, Ferrero raddoppia dopo il successo Nutella Biscuits

 
Il virus
Covid in Basilicata, 16 nuovi contagi in casa di riposo a Marsicotevere

Covid in Basilicata, 16 nuovi contagi in casa di riposo a Marsicovetere

 
Nel Potentino
Basilicata, cerca di vendere sui social un pappagallo australiano: denunciato

Basilicata, cerca di vendere sui social un pappagallo australiano: denunciato

 
Nel Potentino
Mancano le vocazioni: le ultime due suore lasciano Pescopagano

Mancano le vocazioni: le ultime due suore lasciano Pescopagano

 
Paura nel Potentino
Fca, i contagi salgono a quota 16: vaccini antinfluenzali per tutti

Fca, i contagi salgono a quota 16: vaccini antinfluenzali per tutti

 
In ospedale
Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

 
Nel Potentino
Lavello, rapina in casa: condanna nulla in Cassazione, il sospettato ha un fratello che gli somiglia troppo

Lavello, rapina in casa: condanna nulla in Cassazione, il sospettato ha un fratello che gli somiglia troppo

 
Il virus
Coronavirus in Basilicata, 4 nuovi positivi a Potenza: tutti della stessa famiglia

Coronavirus in Basilicata, 4 nuovi positivi a Potenza: tutti della stessa famiglia

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIL processo
Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

 
PotenzaI dati
Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

 
TarantoTaranto
Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

 
LecceNel Salento
Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

 
BatIl virus
Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

 
Foggiatra carapelle e orta nova
Frontale fra due auto nel Foggiano: 7 feriti, alcuni in gravi condizioni

Frontale fra due auto nel Foggiano: 8 feriti, alcuni in gravi condizioni

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

dietro le sbarre

Melfi, parlamentari FdI chiedono atti ispezione nel carcere

Fu disposta dall’ex capo del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria (Dap), Francesco Basentin

Melfi, parlamentari FdI chiedono atti ispezione nel carcere

POTENZA - I parlamentari di Fratelli d’Italia in Commissione antimafia Wanda Ferro, Antonio Iannone e Luca Ciriani, «chiedono di conoscere l’esito dell’ispezione nel carcere di Melfi, disposta dell’ex capo del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria (Dap), Francesco Basentini».

In particolare, si sono rivolti al presidente della Commissione Antimafia, Nicola Morra, «chiedendo - è sottolineato in una nota - l’acquisizione degli atti dopo l’ispezione seguita alle denunce del sindacato autonomo di Polizia penitenziaria Osapp sulle criticità legate alla 'gestione del personale in servizio presso la Casa circondariale di Melfi in cui ci si permette di contravvenire a qualsiasi tipo di norma vigente pattizià».

«Il sindacato - hanno aggiunto Ferro, Iannone e Cirani - ha denunciato una 'irrazionale distribuzione del lavoro straordinariò, una 'ingiustificata e non concordata movimentazione interna fra i vari ufficì; una 'contraddittoria effettuazione di lavoro straordinario da parte di personalè, una 'cattiva gestione del personale ruolo degli ispettori e dei sovrintendentì. Inoltre sarebbe stato affidato un doppio incarico di responsabilità (area segretaria e ufficio comando) ad un unico ispettore da pochi mesi arrivato a Melfi, che, peraltro, per motivi di lavoro legati ad una sua attribuzione in seno al Dap, risulterebbe spesso assente».

Inoltre «i sindacati di categoria Osapp-Uilpa, Uspp e Sinappe - hanno evidenziato gli esponenti di Fdi - hanno poi denunciato la gravissima situazione che 'vede l’attuale comandante del reparto nominato Commissario a seguito dell’ultimo concorso interno per 80 posti da commissario e per i quali il bando di concorso espressamente prevedeva un netto divieto a poter ricoprire incarichi di comandante del reparto, ciò nonostante, non solo non è stato rispettato ciò che era previsto dal bando di concorso, ma cosa ancor più grave è la doppia posizione ricoperta da quest’ultimo, quella di comandante del reparto e importante rappresentante sindacale di una nota siglà». Si tratta - secondo i parlamentari Fdi, che si tratta di «una situazione che si riverbera negativamente sul buon andamento della struttura stessa, visto che la maggior parte del personale vive la circostanza con il timore di possibili negative ripercussioni di carattere personale e vede negli atti posti in essere dalla Direzione avvallati dal comandante del reparto delle gravi disparità di trattamento e delle violazioni di tutte quelle norme, ivi comprese le norme contenute nello statuto dei lavoratori, che espressamente prevedono che non è possibile concentrare nella medesima persona la figura di datore di lavoro e rappresentante sindacale. Stando così le cose - hanno concluso - ad oggi ogni regola di trasparenza, parità trattamentale e buon andamento all’interno della Casa Circondariale di Melfi risulta essere violata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie