Venerdì 15 Novembre 2019 | 06:31

NEWS DALLA SEZIONE

La città che cambia
Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

 
Petrolio lucano
Bardi: «Con Eni piena condivisione su rinnovo, aiuterà città colpite da maltempo»

Bardi: «Con Eni piena condivisione su rinnovo, aiuterà città colpite da maltempo»

 
Soccorso in Basilicata
Potenza, acquistate 57 ambulanze per 118, consegnate 25: le prime 14 assegnate dopo il collaudo

Potenza, acquistate 57 ambulanze per 118, consegnate 25: le prime 14 assegnate solo dopo il collaudo

 
L'inchiesta su corruzione
Potenza, 17 misure per corruzione su autorizzazioni edilizie: bufera su Regione e Comune Venosa

Venosa, pratiche edilizie agli «amici» e bandi su misura: 17 ordinanze, in manette ex sindaco

 
la visita
Ministro Lamorgese a Potenza: «Reati diminuiti, ma vigiliamo»

Ministro Lamorgese a Potenza: «Reati diminuiti, ma vigiliamo»

 
il rapporto
Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

 
sos ambiente
In Basilicata nove «bombe ecologiche»: ecco quali sono

In Basilicata nove «bombe ecologiche»: ecco quali sono

 
Il provvedimento
Potenza, ok a piano per le antenne. Vicesindaco: fondamentale la mappa

Potenza, ok a piano per le antenne. Vicesindaco: fondamentale la mappa

 
In Prefettura
Sicurezza, ministro Lamorgese martedì a Potenza per firma protocollo

Sicurezza, ministro Lamorgese martedì a Potenza per firma protocollo

 
UN 41enne
Era ai domiciliari, sorpreso a 40 chilometri da casa nel Potentino: in cella

Era ai domiciliari, sorpreso a 40 chilometri da casa nel Potentino: in cella

 
Dai Cc
Lauria, minaccia genitori con coltello e vetri bottiglia: arrestato

Lauria, minaccia genitori con coltello e vetri bottiglia: arrestato

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'indagine del 2015
Minacce a testimoni, condannati due ex pm di Trani Ruggiero e Pesce

Minacce a testimoni, condannati due ex pm di Trani Ruggiero e Pesce

 
MateraIl ritrovamento
Metaponto, cc scoprono discarica a cielo aperto: messa in sicurezza

Metaponto, cc scoprono discarica a cielo aperto: messa in sicurezza

 
TarantoLa polemica
Ex Ilva, bufera sulla Bellanova e il quadro abbandonato a Taranto: «Un errore»

Ex Ilva, bufera sulla Bellanova e il quadro abbandonato a Taranto: «Un errore»

 
LecceIl caso
Galatina, imprenditore agricolo spara a operaio e lo ferisce al volto

Galatina, imprenditore agricolo spara a operaio e lo ferisce al volto

 
BariLa sentenza
Santeramo, anziana uccisa e derubata, ribaltone in appello: condannata la badante

Santeramo, anziana uccisa e derubata, ribaltone in appello: condannata a 21 anni la badante

 
FoggiaA poggio imperiale
Foggia, anziani picchiati con mazze e rapinati in casa per 200 euro

Foggia, anziani picchiati con mazze e rapinati in casa per 200 euro

 
BrindisiAgricoltura
Brindisi, nasce la Banca della Terra per i giovani che vogliono fare i contadini

Brindisi, nasce la Banca della Terra per i giovani che vogliono fare i contadini

 
PotenzaLa città che cambia
Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

 

i più letti

sos ambiente

In Basilicata nove «bombe ecologiche»: ecco quali sono

Un elenco di aziende considerate pericolose dal Ministero dell'Ambiente: ci sono entrambi i Centri oli

In Basilicata nove «bombe ecologiche»: ecco quali sono

Nove «bombe ecologiche» nel territorio lucano. Stabilimenti industriali che costituiscono un potenziale pericolo per l’ambiente e per la popolazione. Non è la denuncia dell’ambientalista di turno, ma l’allarme contenuto in un elenco di aziende, stilato dal Ministero dell’Ambiente, considerate «ad elevato rischio di crisi ambientale». Complessivamente sono 1.100 gli insediamenti italiani censiti tra quelli «pericolosi». In questa «lista nera» ci sono nove siti lucani, suddivisi in sotto-categorie, in cui spicca la presenza di due centri oli Eni e Total. Ma analizziamo, nel dettaglio, la mappa. Alla soglia superiore, cioé a più alto rischio, appartengono Sip Sud Italia Poliuretani di Matera (fabbricazione di plastica e gomma), Blue Cub Chemicals Italy di Pisticci (sostanze chimiche), Centro oli Tempa Rossa della Total a Corleto Perticara e a Guardia Perticara (petrolio e stoccaggio Gpl), Commer Tgs di Melfi (plastica e gomma), Centro oli Val d’Agri dell’Eni a Viggiano (petrolio). Nella soglia inferiore di rischio rientrano, invece, Mazzola Gas Srl di Potenza (stoccaggio Gpl), Compass Spa di Vaglio di Basilicata (stoccaggio Gpl) e Autogas Jonica Srl di Viggiano (stoccaggio Gpl). L’elenco del Ministero è aggiornato semestralmente e viene pubblicato a conclusione delle verifiche effettuate dall’Ispra. La materia, lo ricordiamo, è regolata dalla direttiva comunitaria chiamata «Seveso III», emanata a seguito dell’incidente del 1976, che impone agli stati dell’Unione europea una politica di prevenzione dai grandi rischi industriali e il censimento degli stabilimenti che lavorano sostanze pericolose.

Si tratta di uno scenario inquietante che, per quanto riguarda la Basilicata, non è completo. Sì, perché l’elenco non comprende il centro Enea di Rotondella (dove si trovano le famose barre di uranio americane). Attenzione, non significa che non sia pericoloso: la sua assenza è dovuta semplicemente al fatto che non si tratta di un sito industriale.
Il quadro generale impone una seria riflessione ad ampio raggio su cosa fare per garantire un tempestivo intervento e per sanare situazioni del passato. Un passato che in Basilicata è stato «marchiato» sul fronte dell’inquinamento dall’ex Liquichimica di Tito e dai veleni della Valbasento.

Da anni si parla della necessità di sanare ciò che è stato creando le condizioni di sicurezza e salvaguardia ambientale-territoriale con un occhio rivolto al presente e al futuro. Ma, come insegnano le lungaggini legate alla bonifica dei siti di interesse nazionale Tito scalo e Valbasento, spesso le parole e gli impegni finiscono nel dimenticatoio. Così come le denunce. L’ex boss dei Casalesi, Carmine Schiavone, anni fa parlò di un traffico di rifiuti in tutto il Sud. Rivelazioni che giacciono in un cassetto della Direzione nazionale antimafia. La Basilicata, per la verità, non è citata espressamente in questo dossier, ma non può chiamarsi fuori dal rischio di essere uno dei terminali del ciclo illegale dell’immondizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie