Martedì 14 Luglio 2020 | 18:43

NEWS DALLA SEZIONE

in basilicata
Bella, bolletta Tim di 15 euro, la battaglia legale finisce in Cassazione

Per pagare la bolletta si spendono 15 euro: la battaglia legale di Bella finisce in Cassazione

 
trasporti
Il Basilicata, il lavoro corre sui binari che collegano Nord-Sud

Basilicata, il lavoro corre sui binari che collegano Nord-Sud: parla il sottosegretario Margiotta

 
Tragedia sfiorata
Potenza, si ribalta autoarticolato carico di legname: conducente salvo per miracolo

Potenza, si ribalta autoarticolato carico di legname: conducente salvo per miracolo

 
nel Potentino
Venosa, carabinieri smantellano piazza di spaccio: 4 arresti

Venosa, carabinieri smantellano piazza di spaccio: 4 arresti. Pusher anche davanti alle scuole

 
Centro storico
Potenza, tavoli e locali all’aperto . La piazza rivive causa Covid

Potenza, tavoli e locali all’aperto. La piazza rivive dopo il Covid

 
Istruzione
Basilicata, Medicina: manca solo la firma, dal 2021 qui 60 matricole

Basilicata, Medicina: manca solo la firma, dal 2021 qui 60 matricole

 
Il virus
Coronavirus in Basilicata, un nuovo caso positivo di rientro

Coronavirus in Basilicata, un nuovo caso positivo di rientro

 
Ambiente
Viggiano, una fiammata al centro olio e via ai controlli

Viggiano, una fiammata al centro olio e via ai controlli

 
nel Potentino
Cerca di dare fuoco a sede Cisl Melfi: arrestato 51enne

Cerca di dare fuoco a sede Cisl Melfi: arrestato 51enne

 
Il caso
Potenza, violenza sessuale: confermata condanna a farmacista «spione»

Potenza, violenza sessuale: confermata condanna a farmacista «spione»

 
Economia
Basilicata, la Regione chiede 80 centesimi, Eni ne offre 20 a barile: scontro sul rinnovo

Basilicata, la Regione chiede 80 centesimi, Eni ne offre 20 a barile: scontro sul rinnovo

 

Il Biancorosso

calcio
Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'operazione dei cc
Taranto, bloccano strade con transenna per ripulire bancomat: il colpo fallisce

Taranto, bloccano strade con transenna per ripulire bancomat: il colpo fallisce

 
LecceIl caso
Lecce, «mio figlio positivo al Coronavirus»: caos al tribunale

Lecce, «mio figlio positivo al Coronavirus»: caos al tribunale

 
BrindisiIl caso
Brindisi, la denuncia della Lega: «In arrivo 100 migranti positivi al Covid»

Brindisi, la denuncia della Lega: «In arrivo 100 migranti, tra loro anche positivi al Covid»

 
Potenzain basilicata
Bella, bolletta Tim di 15 euro, la battaglia legale finisce in Cassazione

Per pagare la bolletta si spendono 15 euro: la battaglia legale di Bella finisce in Cassazione

 
Bariil sopralluogo
Bari, Decaro: «Entro fine anno ex caserma Rossani sarà biblioteca più grande del Sud»

Bari, Decaro: «Entro fine anno ex caserma Rossani sarà biblioteca più grande del Sud»

 
Foggiamedicina
Foggia, ai «Riuniti» primo intervento su un paziente sveglio

Foggia, al «Riuniti» primo intervento su un paziente sveglio in Neurochirurgia

 
Materain zona san pardo
Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

 

i più letti

L'inchiesta

L’eolico in Basilicata nelle mani della mafia siciliana: sequestrati 2 impianti

La dia di Caltanissetta sequestra terreni e impianti di proprietà di un imprenditore di Gela

parco eolico

POTENZA - Sconfina in Basilicata un’operazione della Dia di Caltanissetta che ha sequestrato beni per 2,5 milioni di euro all’imprenditore ortofrutticolo Santo Valenti, 57 anni, di Gela, ritenuto contiguo al clan mafioso Rinzivillo, facente capo a Cosa nostra gelese.

Pare che Valenti - sottoposto all’obbligo di dimora - stesse coltivando interessi nel campo dell’eolico proprio in Basilicata. Tra i beni sottoposti a sequestro, infatti, ci sono anche un terreno con impianto eolico a Potenza (località Montocchio) e un terreno con impianto eolico ad Avigliano (località Serra Ventaruli). Lo spessore criminale dell’indagato è stato evidenziato nell’ambito delle operazioni «Extra fines» e «Druso», che nell’ottobre del 2017 culminarono con il suo arresto. Gli investigatori hanno accertato una serie di estorsioni, aggravate dal «metodo mafioso», consumate dal 57enne, in alcuni casi insieme al boss Salvatore Rinzivillo, ai danni di imprenditori del settore ortofrutticolo operanti nei mercati generali di Roma.

Gli accertamenti effettuati dalla Dia di Caltanissetta, sotto la direzione e il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia, hanno messo in evidenza «l’anomalo» incremento di ricchezza dell’indagato, rispetto alla dichiarata posizione reddituale, che è risultata sproporzionata in rapporto al consistente patrimonio finanziario ed immobiliare da lui accumulato negli ultimi decenni. Il provvedimento di sequestro ha riguardato due società di capitali; due ditte individuali; una partecipazione societaria; un terreno con impianto eolico a Civitacampomarano (Cb); un terreno con impianto eolico ad Avigliano; un terreno con impianto eolico a Potenza; un fabbricato adibito ad impianto eolico sempre a Potenza; 12 terreni a Gela (Cl); 15 fabbricati a Gela (Cl); 20 rapporti bancari; quattro mezzi.

L’operazione della Dia di Caltanissetta riaccende i riflettori sull’eolico in Basilicata, settore su cui aleggia il sospetto di possibili infiltrazioni criminali provenienti da altre regioni confinanti. L’allarme è contenuto anche all’interno del rapporto sulle Ecomafie 2019 di Legambiente da cui, però, emerge che dietro ai reati contro l’ambiente non si cela solo il volto della criminalità organizzata ma quello, per certi versi più subdolo e inquietante, delle grandi imprese. Manager in doppio petto che attraverso i crimini ambientali «perseguono l’obiettivo di un illecito arricchimento».

Ma torniamo all’eolico. È un settore in forte espansione sul territorio lucano. Non senza polemiche. L’utilizzo di energie rinnovabili - secondo le associazioni ambientaliste - è sacrosanto ma a patto che non ci sia speculazione. Purtroppo in moltissime aree della Basilicata, così come del Sud Italia, si sta assistendo a una proliferazione incontrollata di impianti eolici che deturpano il territorio, rendendo la vita impossibile alle popolazioni locali, e rispondendo solo alla logica dell’interesse economico delle multinazionali interessate dai progetti. La Basilicata assiste a una vera e propria offensiva da parte delle «imprese del vento». Negli ultimi due anni, infatti, sono stati presentati progetti di parchi eolici da diciotto società per un totale di 178 nuove torri eoliche e un incremento di 541,1 megawatt. Aumento che porterebbe nei prossimi anni a raddoppiare il fabbisogno di potenza installata per la fonte eolica in Basilicata: 1.744 megawatt a fronte di 981 megawatt previsti per il 2020 dal Piano regionale di indirizzo energetico ambientale. Ciò conferma come la Basilicata sia interessata da una corsa al vento, con un’infrastrutturazione eolica da parte delle multinazionali dell’energia che sta avvenendo in sordina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie