Mercoledì 17 Luglio 2019 | 04:17

NEWS DALLA SEZIONE

Dai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 
Il caso
Potenza, falso avvocato andava in udienza e depositava atti: arrestato

Potenza, falso avvocato andava in udienza e depositava atti: arrestato

 
Imprenditoria
Moda, la lingerie «made in Basilicata» alla conquista del mondo

Moda, la lingerie «made in Basilicata» alla conquista del mondo

 
Giustizia e minori
Fuori dal tunnel della droga, da 2 anni non vedono i tre figli: la storia nel Potentino

Fuori dal tunnel della droga, da 2 anni non vedono i tre figli: la storia nel Potentino

 
aree rurali
A Potenza contrade rurali a secco: «Senz'acqua per colpa degli abusivi»

A Potenza contrade rurali a secco: «Senz'acqua per colpa degli abusivi»

 
Il caso
Tito, ore di apprensione per un 23enne, scomparso in Germania

Tito, ore di apprensione per un 23enne, scomparso in Germania

 
Trapianti
Ospedale Potenza: si spegne a 70 anni, fegato donato a un 60enne in Lazio

Ospedale Potenza: si spegne a 70 anni, fegato donato a un 60enne in Lazio

 
Il terremoto
Trema la terra tra Potenza e Salerno: scossa di magnitudo 3.2 nella notte

Trema la terra tra Potenza e Salerno: scossa di magnitudo 3.2 nella notte

 
La sentenza
Potenza, maltrattò alunno disabile: condannata maestra di sostegno

Potenza, maltrattò alunno disabile: condannata maestra di sostegno

 
La scoperta
Curare cancro al seno senza mastectomia: team Università Basilicata sintetizza nuova molecola

Curare cancro al seno senza chirurgia: team Unibas sintetizza nuova molecola

 
Potenza
Tempa Rossa, Consiglio Basilicata approva mozione su intesa Regione-Total

Tempa Rossa, Consiglio Basilicata approva mozione su intesa Regione-Total

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
TarantoMorti bianche
Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

 
BatRifiuti
Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

 
BrindisiUn mistero di 2000 anni fa
Brindisi, dalla Germania archeologi setacciano il mare a caccia del disco di Nebra

Brindisi, dalla Germania archeologi in mare a caccia del disco di Nebra

 
MateraL'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
BariIl caso
Bari, dress code alle corsiste: al via interrogatorio dell'ex giudice Bellomo

Bari, dress code alle corsiste: dopo 9 ore di interrogatorio Bellomo nega tutto

 
LecceOrganizzato da Prog On
«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 

i più letti

Il caso

Potenza, truffa con azioni banca Apulia-Veneto: 39 indagati, tra loro anche i vertici

Denuncia di 103 risparmiatori del Potentino, persi 5,3 milioni

Bancapulia, «Fuori dal decreto salva-banche»

POTENZA - Quattro funzionari del gruppo Banca Apulia-Veneto Banca sono stati sospesi oggi dalle funzioni a conclusione di un’inchiesta della Procura della Repubblica di Potenza in cui si ipotizza il reato di truffa aggravata e continuata ai danni di 103 clienti.

I risparmiatori, tutti residenti in provincia di Potenza, furono indotti ad acquistare azioni Veneto Banca al costo di 40 euro ciascuna: alla fine, il loro valore era sceso a 0,10 centesimi di euro ciascuna. La truffa ammonta a oltre cinque milioni e 326 mila euro. Secondo la Procura e la Guardia di Finanza - e all’esito di «una consulenza tecnica svolta da esperti della Banca d’Italia» - ci fu una «macroscopica ed indiscutibile sopravvalutazione» delle azioni della Veneto Banca. I clienti, convinti di «mettere al sicuro i risparmi di una vita», furono indotti ad acquistarle «con artifizi e raggiri» e grazie al fatto che erano «del tutto a digiuno delle più elementari cognizioni economico-finanziarie». 

Sono complessivamente 39 gli indagati, tra i quali anche alcuni componenti del cda del gruppo Banca Apulia-Veneto Banca, nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Potenza: secondo gli investigatori, dirigenti e funzionari avrebbero prospettato a ignari clienti, piccoli risparmiatori del Potentino, profitti alti e sicuri, mentre in realtà le obbligazioni erano sopravvalutate e offerte in una situazione già di crisi dell’assetto bancario.

I particolari dell’inchiesta sono stati illustrati stamani, a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, dal Procuratore Francesco Curcio, dalla pm Sarah Masecchia, e dal comandante del nucleo di polizia economico-finanziaria di Potenza della Guardia di Finanza, il tenente colonnello Costantino Russo. Nel corso dei controlli - secondo quanto spiegato dal Procuratore - è anche emerso che la moglie di uno dei vertici di Veneto Banca avrebbe acquistato le obbligazioni convertibili per un valore di circa 200 mila euro: quando la posizione finanziaria del gruppo è peggiorata, le obbligazioni sarebbero poi state ricollocate in Puglia, ad altri ignari risparmiatori.

Si tratta di una vicenda «dalla gravità eccezionale - ha detto Curcio - portata avanti con condotte scorrettissime, in riferimento alle regole bancarie: tra gli indagati ci sono componenti del cda del gruppo e funzionari, che avrebbero dovuto illustrare la situazione reale ai risparmiatori, che invece avrebbero firmato moduli senza ricevere spiegazioni. Il tutto si è svolto quindi con cinismo e consapevolezza della truffa, privandoli quindi dei risparmi di una vita». Le indagini hanno riguardato atti dell’ultimo quinquennio, e anche su questo aspetto Curcio ha evidenziato il rischio della prescrizione, di sette anni e mezzo, e quindi di «una difficile corsa a ostacoli" per la giustizia. Il Procuratore ha infine ricordato che «anche sulle pene c'è una situazione paradossale, in quanto il reato ipotizzabile è quello della truffa, e la pena è inferiore al furto di un motorino: auspichiamo che su questi aspetti possa presto intervenire il legislatore». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie