Lunedì 14 Ottobre 2019 | 09:43

NEWS DALLA SEZIONE

nel Potentino
Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

 
terza e quarta età
Basilicata, poche case di riposo: mancano i posti letto per gli anziani

Basilicata, poche case di riposo: mancano i posti letto per gli anziani

 
La decisione
Potenza, truffe Inps: Riesame revoca 5 arresti domiciliari

Potenza, truffe Inps: Riesame revoca 5 arresti domiciliari

 
l'indagine
Basilicata, minori maltrattati: dato in calo rispetto al 2017

Basilicata, minori maltrattati: dato in calo rispetto al 2017

 
L'inchiesta
Da Torino a Potenza, chiuse indagini su Pasquaretta, ex portavoce sindaco Appendino

Da Torino a Potenza, chiuse indagini su Pasquaretta, ex portavoce sindaco Appendino

 
Furbetti
Fisco, benzinaio evasore totale per 1,3 mln nel Lagonegrese

Fisco, benzinaio evasore totale per 1,3 mln nel Lagonegrese

 
Petrolio lucano
Viggiano, perdite al Cova: si va a processo. Ipotizzato disastro ambientale

Viggiano, perdite al Cova: si va a processo. Ipotizzato disastro ambientale

 
L'inchiesta
L’eolico in Basilicata nelle mani della mafia siciliana: sequestrati 2 impianti

L’eolico in Basilicata nelle mani della mafia siciliana: sequestrati 2 impianti

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato nel Potentino, sfruttavano braccianti nei campi: smantellata organizzazione

Caporalato nel Potentino, sfruttavano braccianti nei campi: sgominata banda di 6 persone VD

 
Il caso
Potenza, presa a pugni e violentata il giorno del suo compleanno

Potenza, violentata il giorno del suo compleanno dal suo migliore amico e da un complice

 
Petrolio
Basilicata, gas gratis in 13 comuni grazie a nuova intesa Total

Basilicata, gas gratis in 13 comuni grazie a nuova intesa Total

 

Il Biancorosso

Bari Ternana 2-0
Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili

Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili  Foto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel Foggiano
Carapelle, incendio in centro raccolta rifiuti: bruciano 3 compattatori

Carapelle, incendio in centro raccolta rifiuti: bruciano 3 compattatori

 
Batnel Nordbarese
Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

 
Potenzanel Potentino
Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

 
Lecceil caso
Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

 
Tarantole polemiche
Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

 
MateraIl caso
Sparatoria nella notte a Policoro, due feriti: scatta un fermo

Mafia: duplice tentato omicidio a Policoro, fermato 49enne

 

i più letti

Il caso

Potenza, truffa con azioni banca Apulia-Veneto: 39 indagati, tra loro anche i vertici

Denuncia di 103 risparmiatori del Potentino, persi 5,3 milioni

Bancapulia, «Fuori dal decreto salva-banche»

POTENZA - Quattro funzionari del gruppo Banca Apulia-Veneto Banca sono stati sospesi oggi dalle funzioni a conclusione di un’inchiesta della Procura della Repubblica di Potenza in cui si ipotizza il reato di truffa aggravata e continuata ai danni di 103 clienti.

I risparmiatori, tutti residenti in provincia di Potenza, furono indotti ad acquistare azioni Veneto Banca al costo di 40 euro ciascuna: alla fine, il loro valore era sceso a 0,10 centesimi di euro ciascuna. La truffa ammonta a oltre cinque milioni e 326 mila euro. Secondo la Procura e la Guardia di Finanza - e all’esito di «una consulenza tecnica svolta da esperti della Banca d’Italia» - ci fu una «macroscopica ed indiscutibile sopravvalutazione» delle azioni della Veneto Banca. I clienti, convinti di «mettere al sicuro i risparmi di una vita», furono indotti ad acquistarle «con artifizi e raggiri» e grazie al fatto che erano «del tutto a digiuno delle più elementari cognizioni economico-finanziarie». 

Sono complessivamente 39 gli indagati, tra i quali anche alcuni componenti del cda del gruppo Banca Apulia-Veneto Banca, nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Potenza: secondo gli investigatori, dirigenti e funzionari avrebbero prospettato a ignari clienti, piccoli risparmiatori del Potentino, profitti alti e sicuri, mentre in realtà le obbligazioni erano sopravvalutate e offerte in una situazione già di crisi dell’assetto bancario.

I particolari dell’inchiesta sono stati illustrati stamani, a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, dal Procuratore Francesco Curcio, dalla pm Sarah Masecchia, e dal comandante del nucleo di polizia economico-finanziaria di Potenza della Guardia di Finanza, il tenente colonnello Costantino Russo. Nel corso dei controlli - secondo quanto spiegato dal Procuratore - è anche emerso che la moglie di uno dei vertici di Veneto Banca avrebbe acquistato le obbligazioni convertibili per un valore di circa 200 mila euro: quando la posizione finanziaria del gruppo è peggiorata, le obbligazioni sarebbero poi state ricollocate in Puglia, ad altri ignari risparmiatori.

Si tratta di una vicenda «dalla gravità eccezionale - ha detto Curcio - portata avanti con condotte scorrettissime, in riferimento alle regole bancarie: tra gli indagati ci sono componenti del cda del gruppo e funzionari, che avrebbero dovuto illustrare la situazione reale ai risparmiatori, che invece avrebbero firmato moduli senza ricevere spiegazioni. Il tutto si è svolto quindi con cinismo e consapevolezza della truffa, privandoli quindi dei risparmi di una vita». Le indagini hanno riguardato atti dell’ultimo quinquennio, e anche su questo aspetto Curcio ha evidenziato il rischio della prescrizione, di sette anni e mezzo, e quindi di «una difficile corsa a ostacoli" per la giustizia. Il Procuratore ha infine ricordato che «anche sulle pene c'è una situazione paradossale, in quanto il reato ipotizzabile è quello della truffa, e la pena è inferiore al furto di un motorino: auspichiamo che su questi aspetti possa presto intervenire il legislatore». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie