Mercoledì 22 Maggio 2019 | 04:40

NEWS DALLA SEZIONE

Comando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
A ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne

 
Il caso
Potenza, rapina in ufficio postale con taglierino: arrestato

Potenza, rapina in ufficio postale con taglierino: arrestato

 
Il caso
Potenza, contro l’eolico selvaggio: cittadini in corteo da Bardi

Potenza, contro l’eolico selvaggio: cittadini in corteo da Bardi

 
Minacce
Testa d'agnello mozzata nell'androne del palazzo di un medico: un arresto a Senise

Testa d'agnello mozzata nell'androne del palazzo di un medico: un arresto a Senise

 
lavoro
Basilicata, la Regione può assumere: 70 posti su cui decidere

Basilicata, la Regione può assumere: 70 posti su cui decidere

 
La lettera
Maltempo, Pd scrive a Conte «Date stato di calamità per area jonica»

Maltempo, Pd scrive a Conte «Date stato di calamità per area jonica»

 
Sanità
Potenza, stop liste d'attesa: al San Carlo ambulatori aperti anche di sabato

Potenza, stop liste d'attesa: al San Carlo ambulatori aperti anche di sabato

 
ENERGIA
Svolta «green» in Val d’Agri: l’Eni punta sulle rinnovabili

Svolta «green» in Val d’Agri: l’Eni punta sulle rinnovabili

 
IN REGIONE
Basilicata, Bardi: «Riorganizzazione macchina era in programma»

Basilicata, Bardi: «Riorganizzazione macchina era in programma»

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIngenti danni
Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

 
MateraL'incidente
Montescaglioso, contro tra auto e moto: un morto

Montescaglioso, scontro tra auto e moto: muore un 30enne

 
HomeLa decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
TarantoI tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
BrindisiIl comizio
Ostuni, botta e risposta tra Salvini e i contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

Ostuni, botta e risposta tra Salvini e contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 

i più letti

Incidente diplomatico

Marsicovetere, sponsor troppo hard per festa Santo Patrono

Sul manifesto per la festa di San Giuseppe Lavoratore spunta il sostegno di un sexy shop: il parroco lo fa cancellare

Marsicovetere, sponsor troppo hard per festa Santo Patrono

La festa c’è stata, gli onora al santo come da tradizione e quest’anno pure la penitenza: ai componenti del Comitato feste è toccato armarsi di pennarello e fare il giro di bar e muri del paese e dei centri vicini per cancellare quello sponsor dello scandalo: un sexy shop a sostegno delle celebrazioni del patrono difronte al quale don Peppino, il parroco della locale chiesa ha posto l’out out: o lui o la festa.
Contestualizziamo: San Giuseppe Lavoratore, patrono della frazione di Barricelle, un gruppo di case in territorio di Marsicovetere dove vivono poco meno di 250 persone. Il comitato feste è composto da sette, diciamolo, coraggiosi che si fanno carico di tutto: dalle pratiche burocratiche all’organizzazione dei momenti di svago, dalla tipografia al finanziamento. Già il finanziamento. Perché per quei due giorni di festa, il 30 aprile e il primo maggio, che rendono la frazione «centrale» nella valle del petrolio con due serate musicali e gli immancabili fuochi d’artificio, oltre alle donazioni dei sostenitori, i volontari raccolgono degli sponsor che in cambio di un quadratino sul manifesto e la menzione del presentatore degli spettacoli danno cifre variabili dai 50 ai 100 euro. Ventiquattro quelli sul manifesto dell’edizione 2019 e che fatica metterli insieme.

Al punto che al buon Mauro Curcio, uno dei «motori» del comitato feste, non è parso vero quando si è recato al locale supermercato che gli si facesse avanti un signore che gli chiedeva se era possibile mettere anche un altro sponsor. «Gli ho detto di sì - racconta Mauro a telefono - non mi sembrava niente di male. Non è una grossa somma, ma ci faceva comodo. Così mi sono fatto mandare il logo e l’ho girato alla tipografia che lo ha sistemato con tutti gli altri, alla fine io stesso ho ricontrollato, come sempre, che non fosse sfuggito nessuno e ho dato l’ok alla stampa».
Manifesti pronti e via alla distribuzione come sempre avviene in questi casi. Bar ristoranti e punti strategici della zona per farsi notare. E il risultato è stato raggiunto al punto che qualcuno ha notato anche quel quadratino nero di circa 4 centimetri in seconda fila in cui fa bella mostra di sé la silhouette rossa di una donna il cui décolleté appare francamente esagerato e sfiora le leggi della gravità, completato dalla eloquente scritta: «Perversioni».


Così, mai fu più giusto dirlo, apriti cielo e da quello squarcio celeste non si sono manifestate presenze divine, ma un inferocito don Peppino che non ha accettato mediazioni: senza cancellare il logo niente festa. E se a telefono, prima di sbattere due volte la cornetta invitando ora a raggiungerlo di persona e poi dicendo che non ne parlerebbe mai, lo definisce «un piccolo equivoco», chi ne ha subitole conseguenze lo descrive come «inferocito».
Fatto sta che i componenti del comitato festa, dopo che i manifesti erano affissi da un paio di giorni, hanno dovuto rifare il giro armati di pennarello e ricoprire di nero anche quell’immagine rossa scabrosa e la relativa scritta, mentre a uno è toccato andare a restituire i 50 euro ricevuti come contributo alla signora Elena, titolare dello «scabroso» negozio di Atena Lucana. La quale Elena sembra la più divertita da tutta questa vicenda. «Ma quale è il problema? - chiede ridendo vistosamente - Dove c’è il sacro c’è anche il profano, anche i preti e i fedeli hanno una loro sessualità, e la sponsorizzazione l’avevamo fatta perché ci era stata richiesta e specificano che si trattava di un’attività particolare e ci risposero che non c’erano problemi. Ma come non c’è stato problema farla non abbiamo avuto problemi a ritirarla. Certo - aggiunge con un’altra risata - ora lo “sfizio” c’è, per cui se qualche altro comitato festa patronale ha bisogno di uno sponsor si faccia avanti, che sicuramente siamo disponibili» assicura dicendo di aver ricevuto in passato richieste dal territorio salernitano, ma di averle ignorate preferendo puntare sul mercato lucano per sviluppare il proprio lavoro. Un lavoro per il quale, però, dovrà trovarsi un altro Santo...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400