Venerdì 23 Agosto 2019 | 08:34

NEWS DALLA SEZIONE

Inquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
San Carlo
Potenza, medici malati e infortunati: chiuso reparto neonatale, disposta inchiesta

Potenza, medici malati e infortunati: chiuso reparto neonatale, disposta inchiesta

 
I controlli
Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

 
Il caso
Melfi, Comune condizionato dalla criminalità, si insedia commissione

Melfi, Comune condizionato dalla criminalità, si insedia commissione

 
Il caso
Regione Basilicata, il «concorsone» scompare dopo dieci anni di attesa

Regione Basilicata, il «concorsone» scompare dopo dieci anni di attesa

 
Al San Carlo
Potenza, ricoveri sospesi a Neonatologia: i piccoli saranno trasferiti

Potenza, ricoveri sospesi a Neonatologia: non ci sono medici, bimbi trasferiti

 
Il recupero
Potenza, abbandonati in un sacco e gettati in canalone: la polizia salva 9 cuccioli

Potenza, abbandonati in un sacco e gettati in canalone: la polizia salva 9 cuccioli

 
Operazione della Gdf
Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

 
a «La vita in diretta»
La Gazzetta e il pensionato che all’Inps risultava deceduto : la storia va in tv

La Gazzetta e il pensionato che all’Inps risultava deceduto: la storia va in tv

 
Treni
Potenza-Bari querelle tra Regioni: il trasporto diretto non piace ai pugliesi

Potenza-Bari querelle tra Regioni: il trasporto diretto non piace ai pugliesi

 
Il caso
Riforma poli museali, la Basilicata è contraria a «sposare» la Puglia

Riforma poli museali, la Basilicata è contraria a «sposare» la Puglia

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoInquinamento
Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

 
PotenzaInquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
FoggiaLa condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
BrindisiIl provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
LecceSalento e movida
Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

 
MateraDalla Gdf
Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

 

i più letti

Incidente diplomatico

Marsicovetere, sponsor troppo hard per festa Santo Patrono

Sul manifesto per la festa di San Giuseppe Lavoratore spunta il sostegno di un sexy shop: il parroco lo fa cancellare

Marsicovetere, sponsor troppo hard per festa Santo Patrono

La festa c’è stata, gli onora al santo come da tradizione e quest’anno pure la penitenza: ai componenti del Comitato feste è toccato armarsi di pennarello e fare il giro di bar e muri del paese e dei centri vicini per cancellare quello sponsor dello scandalo: un sexy shop a sostegno delle celebrazioni del patrono difronte al quale don Peppino, il parroco della locale chiesa ha posto l’out out: o lui o la festa.
Contestualizziamo: San Giuseppe Lavoratore, patrono della frazione di Barricelle, un gruppo di case in territorio di Marsicovetere dove vivono poco meno di 250 persone. Il comitato feste è composto da sette, diciamolo, coraggiosi che si fanno carico di tutto: dalle pratiche burocratiche all’organizzazione dei momenti di svago, dalla tipografia al finanziamento. Già il finanziamento. Perché per quei due giorni di festa, il 30 aprile e il primo maggio, che rendono la frazione «centrale» nella valle del petrolio con due serate musicali e gli immancabili fuochi d’artificio, oltre alle donazioni dei sostenitori, i volontari raccolgono degli sponsor che in cambio di un quadratino sul manifesto e la menzione del presentatore degli spettacoli danno cifre variabili dai 50 ai 100 euro. Ventiquattro quelli sul manifesto dell’edizione 2019 e che fatica metterli insieme.

Al punto che al buon Mauro Curcio, uno dei «motori» del comitato feste, non è parso vero quando si è recato al locale supermercato che gli si facesse avanti un signore che gli chiedeva se era possibile mettere anche un altro sponsor. «Gli ho detto di sì - racconta Mauro a telefono - non mi sembrava niente di male. Non è una grossa somma, ma ci faceva comodo. Così mi sono fatto mandare il logo e l’ho girato alla tipografia che lo ha sistemato con tutti gli altri, alla fine io stesso ho ricontrollato, come sempre, che non fosse sfuggito nessuno e ho dato l’ok alla stampa».
Manifesti pronti e via alla distribuzione come sempre avviene in questi casi. Bar ristoranti e punti strategici della zona per farsi notare. E il risultato è stato raggiunto al punto che qualcuno ha notato anche quel quadratino nero di circa 4 centimetri in seconda fila in cui fa bella mostra di sé la silhouette rossa di una donna il cui décolleté appare francamente esagerato e sfiora le leggi della gravità, completato dalla eloquente scritta: «Perversioni».


Così, mai fu più giusto dirlo, apriti cielo e da quello squarcio celeste non si sono manifestate presenze divine, ma un inferocito don Peppino che non ha accettato mediazioni: senza cancellare il logo niente festa. E se a telefono, prima di sbattere due volte la cornetta invitando ora a raggiungerlo di persona e poi dicendo che non ne parlerebbe mai, lo definisce «un piccolo equivoco», chi ne ha subitole conseguenze lo descrive come «inferocito».
Fatto sta che i componenti del comitato festa, dopo che i manifesti erano affissi da un paio di giorni, hanno dovuto rifare il giro armati di pennarello e ricoprire di nero anche quell’immagine rossa scabrosa e la relativa scritta, mentre a uno è toccato andare a restituire i 50 euro ricevuti come contributo alla signora Elena, titolare dello «scabroso» negozio di Atena Lucana. La quale Elena sembra la più divertita da tutta questa vicenda. «Ma quale è il problema? - chiede ridendo vistosamente - Dove c’è il sacro c’è anche il profano, anche i preti e i fedeli hanno una loro sessualità, e la sponsorizzazione l’avevamo fatta perché ci era stata richiesta e specificano che si trattava di un’attività particolare e ci risposero che non c’erano problemi. Ma come non c’è stato problema farla non abbiamo avuto problemi a ritirarla. Certo - aggiunge con un’altra risata - ora lo “sfizio” c’è, per cui se qualche altro comitato festa patronale ha bisogno di uno sponsor si faccia avanti, che sicuramente siamo disponibili» assicura dicendo di aver ricevuto in passato richieste dal territorio salernitano, ma di averle ignorate preferendo puntare sul mercato lucano per sviluppare il proprio lavoro. Un lavoro per il quale, però, dovrà trovarsi un altro Santo...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie