Domenica 17 Gennaio 2021 | 00:28

NEWS DALLA SEZIONE

zona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
dati regionali
Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2%

Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2% e trend in aumento

 
L'emergenza
Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al Piano regionale. Coldiretti: «C'è altro da fare»

 
sanità
Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

 
L'emergenza
Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%)

Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%). Anci: «Nessuno conosce il piano»

 
la «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Difesa ambiente
No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

 
Il caso
Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

 
migranti
Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

 
acqua, soldi e lavoro
Basilicata, dopo la grave siccità dighe piene: 84 milioni di metri cubi in più rispetto all'anno scorso

Basilicata, dopo la grave siccità dighe piene: 84 milioni di metri cubi in più rispetto all'anno scorso

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

Lavoro

Potenza, bar cerca personale ma non si presenta nessuno

Il titolare: «La paga è fino a 1300 euro, ma ai giovani non interessa»

Potenza, bar cerca personale ma non si presenta nessuno

Se a Matera si denunciano situazioni di camerieri e barman sottopagati, a Potenza serpeggia un altro fenomeno nel settore della ristorazione e della ricettività: il rifiuto del posto di lavoro. Niente a che vedere con situazioni di sfruttamento, stipendi da fame, approcci che rasentano lo schiavismo. Anzi, a Potenza si arriva a rifiutare un dignitoso stipendio di 1.000-1.300 euro per 40 ore settimanali dietro al bancone di un bar. Accade al Main Street di via del Gallitello, locale tra i più «gettonati» della movida potentina. A segnalare il caso è la proprietaria, Mara Basentini, che non si dà pace per l’enorme difficoltà nel reperire personale: «Ho urgenza di una persona in caffetteria a cui farei un regolare contratto a tempo determinato previsto per i pubblici esercizi. Ci sono - spiega Basentini - particolari facilitazioni per il datore di lavoro e lo stesso lavoratore grazie ai recenti accordi sugli stagionali. Ma non riesco a trovare un giovane disposto a venire qui».

Una situazione inspiegabile in un territorio, la Basilicata, in cui da sempre si dice che l’offerta occupazionale sia carente: «È una leggenda metropolitana - taglia corto Basentini -. Nel mio settore, come confermerebbero anche i colleghi di altri locali, siamo alla perenne ricerca di personale». Le ragioni del rifiuto ad accettare proposte di lavoro? Forse gioca un ruolo anche il timore di essere sfruttati e sottopagati, così come denunciato dalla Nidil Cgil a Matera: «Può essere - aggiunge Basentini - ma io non darei mai solo 500 euro a un ragazzo per lavorare tutto il giorno. I dipendenti sono importanti, mandano avanti l’attività e sono decisivi nel fare la differenza tra la tua azienda e i competitor. Se a Matera davvero non vogliono pagare, io invece voglio pagare, ma non trovo nessuno nonostante offra un contratto full time con una paga base di buon livello». L’offerta è rivolta a chi sa già operare in questo campo. Per i neofiti? «Saremmo disposti - sottolinea Basentini - anche a fare formazione, ma è chiaro che in questo caso proporremmo un contratto di tirocinio».

Accanto al mancato incontro tra domanda e offerta di lavoro, con i ruoli «tradizionali» invertiti, Basentini segnala anche il tema della «fuga»: «In due anni nel mio locale hanno lavorato 53 persone, molte delle quali giovanissime. Ragazzini che - spiega - hanno deciso di andarsene sulla riviera romagnola o in grandi città come Roma, Milano e Torino, prendendo gli stessi soldi che garantivo io. Con un particolare non irrilevante: per vivere fuori casa spendono molto di più». L’altro aspetto che inquieta è legato alla cosiddetta «tendenza al parassitismo»: «C’è chi non ha voluto 1.200 euro al mese - conclude Basentini - rispondendomi che preferiva prenderne 800 di disoccupazione e starsene a casa». Atteggiamento che rischia di amplificarsi a vari livelli con l’introduzione del reddito di cittadinanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie