Martedì 22 Gennaio 2019 | 02:56

NEWS DALLA SEZIONE

Allarme analfabetismo digitale
Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

 
A Lauria
In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

 
Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 
La decisione del Tribunale
Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

 
Giustizia e ambiente
Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

 
Allerta meteo
Maltempo in Basilicata: domani scuole chiuse a Potenza

Migliora il maltempo in Basilicata: revocato divieto mezzi pesanti

 
Emergenza maltempo
Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

 

La richiesta

Annessione di Taranto in Basilicata: raccolte 16.600 firme

Domani la consegna ufficiale della petizione alla Provincia

Taranto città vecchia

POTENZA - Fanno sul serio. Sono partiti tra lo scetticismo con l’etichetta di visionari. Ma la loro idea sta prendendo sempre più corpo. Ha la «consistenza» di 16.600 firme, cittadini che hanno sposato il progetto dell’associazione «Taranto futura», quello di annettere la provincia di Taranto alla Basilicata. Domani, alle 17, la petizione popolare, che ha ormai raggiunto il tetto previsto, sarà formalmente consegnata alla segreteria della Provincia di Taranto. A seguire ci sarà un incontro dei promotori coordinati dall’avvocato Nicola Russo. Sarà presente anche l’ex sindaco di Potenza Gaetano Fierro che da anni «spinge» per la nascita di una Grande Lucania allargando i confini regionali al Cilento.

L’obiettivo è quello di un referendum per chiamare in causa tutti i cittadini a cui chiedere se davvero ritengono opportuno «staccarsi» dal Tarantino per annettersi alla Basilicata. Obiettivo che sembra a portata di mano soprattutto dopo la decisione della Corte di Cassazione di dare il via libera al referendum per il passaggio della provincia del Verbano-Cusio-Ossola dalla regione Piemonte alla Lombardia. Un pronunciamento che legittima anche le aspirazioni della provincia di Taranto. «La sentenza – sottolinea Fierro - ci consente di proseguire nella nostra attività che vorrebbe non solo la provincia di Taranto annessa alla Basilicata, ma anche il Cilento. La pronuncia della Suprema Corte, dunque, è di estrema importanza, così come credo sia importante ricordare i motivi che sono alla base della volontà di Taranto di unirsi alla Basilicata. «I motivi per cui chiediamo l’annessione al territorio lucano – ricorda l’avvocato Nicola Russo, presidente di «Taranto Futura» e promotore della raccolta di firme - sono molteplici e si traducono in indiscutibili vantaggi per il nostro territorio. Da tempo ci interroghiamo sul futuro della nostra città e, dopo molte riflessioni, abbiamo individuato cinque opportunità: porto, aeroporto, università, turismo e sanità. Taranto, con circa 200mila abitanti, è l’unica città d’Italia a non avere una sua Università, mentre circa 12mila giovani tarantini studiano in altri atenei. Entrando in Basilicata si potrebbe creare la seconda Università dopo quella di Potenza, unitamente al Politecnico e al polo di Medicina.

Tutte opportunità che non avremo mai rimanendo in Puglia per varie ragioni, comprensibili o meno». Le ragioni del referendum, dunque, sarebbero ascrivibili a motivazioni di natura economica, nonché demografica, anche perché sia il Tarantino che la Basilicata «vivono un pauroso decremento demografico, tanto da minarne l’identità, che, di contro, sotto certi aspetti, verrebbe economicamente rigenerata con l’equa distribuzione delle infrastrutture, con conseguente beneficio per tutti». Insomma, un matrimonio di... interessi che, tra l’altro, s’inserirebbe nel solco tracciato dalla nascente «Zes» (zona economica speciale) che unisce sotto la bandiera degli sgravi fiscali Taranto e una larga fetta di Basilicata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400