Giovedì 28 Gennaio 2021 | 06:53

NEWS DALLA SEZIONE

L'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
L'iniziativa
Bari, dai biscotti al tiramisù: un laboratorio di pasticceria per 40 ragazzi del Redentore

Bari, dai biscotti al tiramisù: un laboratorio di pasticceria per 40 ragazzi del Redentore

 
Il caso
Bari, bimbo morto asfissiato, il Garante: «Il cell non può sostituire i genitori». La psicologa: «Responsabilizzare gli adulti

Bari, bimbo morto asfissiato, il Garante: «Il cell non può sostituire i genitori». La psicologa: «Responsabilizzare gli adulti»

 
Amici a 4 zampe
Locorotondo, niente Tari da pagare per chi adotta un cane

Locorotondo, niente Tari da pagare per chi adotta un cane

 
SHOAH
Giornata della Memoria, l’orrore dei lager rivive nel video inedito della Springer

Giornata della Memoria, l’orrore dei lager rivive nel video inedito della Springer

 
La curiosità
Bitetto, baby genio della storia dell’arte: a 11 anni sa già tutto di Leonardo

Bitetto, baby genio della storia dell’arte: a 11 anni sa già tutto di Leonardo

 
Il personaggio
Una potentina prima segretaria all’Ambasciata di Pechino

Una potentina prima segretaria all’Ambasciata di Pechino

 
La novità
Basilicata, il boom dei «Nutella Biscuits: Ferrero investe su Balvano

Basilicata, il boom dei «Nutella Biscuits: Ferrero investe su Balvano

 
Il personaggio
Michele Salomone: «Con il microfono sconfissi la balbuzie e divenni la voce del Bari»

Michele Salomone: «Con il microfono sconfissi la balbuzie e divenni la voce del Bari»

 
la polemica
Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

Il progetto

Un lucano in Bulgaria sta realizzando una mascherina a prova di Covid

Parla l'esperto Domenico Lovallo, da Potenza alla Bulgaria

Un lucano in Bulgaria sta realizzando una mascherina a prova di Covid

Un’idea rivoluzionaria in fatto di dispositivi di sicurezza nella lotta al Covid-19 arriva direttamente da Varna in Bulgaria. Al lavoro, nel suo laboratorio di chimica, uno dei tanti e mai scontati cervelli in fuga dal nostro Belpaese. Il dottor Domenico Lovallo è un chimico lucano di Potenza, esperto di modificazioni di superfici anti-Covid e antibatteriche e in forza dal 2019 alla Plastchim-T Bulgaria (Gomma & Plastica) come direttore di produzione. In poche parole, uno scienziato dalle mille risorse a cui la Basilicata seppe dare il benservito nel 2017, anno in cui Lovallo vinse il «Bando Esperti Giunta regionale “Categoria E – esperto sviluppo - innovazione - finanziamenti ed incentivi», senza ricevere alcuna nomina. Ma questa al momento è un’altra storia di cui ci occuperemo in tempi di ordinaria... normalità.

Andiamo al dramma dei nostri giorni. «Il Covid 19 è da considerarsi la peste del 21esimo secolo. Da esperto, lo dico con estrema franchezza – sussulta il chimico interpellato dalla Gazzetta al telefono -. Per curare il Covid 19 sarà necessario comprenderne a fondo i meccanismi. Sarà molto difficile sviluppare un vaccino definitivo proprio perché il virus sembrerebbe poter essere mutageno».


Parole forti che non lasciano scampo a tentennamenti di sorta o lassismi governativi, specie in Basilicata dove “mastichiamo” un indice di contagiosità superiore a tutte le altre regioni italiane.
Secondo lo scienziato lucano, tra i maggiori esperti europei nel campo delle modificazioni superficiali e di bulk dei materiali «una efficiente idea scientifica di prevenzione da Covid-19 non potrebbe esulare dalla conoscenza della struttura molecolare del virus e dalla comprensione dei meccanismi di ancoraggio e permeazione del Covid 19 attraverso i materiali. Parliamo tanto, forse anche a dismisura di questo virus, ma in realtà non lo conosciamo a fondo».

E allora ce lo spieghi. Ci dica di cosa è fatto il Covid-19?
«È composto da una matrice acquosa polare/idrofila al 60% circa, cellula che ingloba una componente idrofoba/organica - oleaosa. Ovvero è dotato sia di componente idrofila che di una componente idrofoba».

Basta una mascherina a fermarlo?
«Partendo da quello che vi ho appena detto, si capisce perché il Covid-19 passa agevolmente attraverso le mascherine di carta o di stoffa. Siccome sia la carta che la stoffa si lasciano scrivere dagli inchiostri e si bagnano sia con con l’acqua che con l’olio, il Covid 19 li attraverserà agevolmente o con la sua componente idrofila o con la sua componente idrofoba».

Partendo da tutte queste premesse ci chiediamo se è possibile creare un materiale anti-covid efficace?
«La risposta scientifica è probabilmente sì. Infatti studiando i comportamenti dei materiale si intuisce una semplice cosa, sarebbe necessario mettere a punto materiali che abbiano una tensione superficiale prossima allo zero dyne/cm o il minore possibile per non consentire al virus di legare la sua superficie. In natura se analizziamo tutti i materiali, quello che più si avvicina è il vetro perché composto da una particolare struttura chimico-fisica. È stato pensato di laminare 2 materiali con uno speciale adesivo che in particolari condizioni abbia micro-fori inferiori a 30 micron e quindi capace di bloccare le eventuali molecola che in qualche modo sarebbero non filtrate dall’1% di inefficiente superficie. Questo laminato, in fase sperimentale, potrebbe pertanto bloccare virus e batteri fino al 99.9%».

In attesa del vaccino e di una cura, dunque, occorre che la scienza concentri l’attenzione su come realizzare validi dispositivi di sicurezza...
«In sostanza anche la scienza del materiali può fare molto per permettere alle persone di proteggersi nel migliore dei modo dal Covid-19 in attesa di farmaci e vaccini efficaci».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie