Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 05:52

NEWS DALLA SEZIONE

Sfilate milanesi
Il Frankenstein più chic con Prada parla d'amore

Il Frankenstein più chic con Prada parla d'amore

 
Collezione per il prossimo inverno
Le proposte Missoni per il prossimo inverno

Moda, Missoni firma l'eleganza artistica

 

i più visti della sezione

Moda

Tod's No_Code, nasce la Shoeker, dal matrimonio tra shoe+sneaker

Il brand Made in Italy continua a essere sinonimo di eccellenza

Tod's No_Code, nasce la Shoeker, dal matrimonio tra shoe+sneaker

Milano. Un talk/brain storming, negli spazi un tempo sede delle Officine Meccaniche Riva&Calzoni, per presentare l’evoluzione del progetto Tod’s No_Code voluto da Diego Della Valle, Presidente e AD del Gruppo Tod’s.
Una vera e propria filosofia di vita destinata a cambiare i codici del mondo del lusso, illustrata dalle parole di autorevoli designer internazionali.
Moderato dal giornalista Michele Lupi, già direttore di testate quali GQ, Rolling Stone, Icon e Icon Design, che dal 1° dicembre 2018 assumerà l’incarico di Men’s Collection Visionary del brand marchigiano sinonimo di eccellenza artigianale Made in Italy, il talk annuncia una nuova categoria di calzature: la Shoeker, nata dal matrimonio tra shoe+sneaker, quindi tra la massima qualità artigianale e l’innovazione tecnologica delle calzature della maison. Una terza via mediante cui Tod’s rivoluziona il modo di muoversi nel mondo.


A capo del progetto No_Code Shoeker/02 il designer coreano Yong Bae Seok, primo progettista della nuova categoria di footwear chiamato a interpretare la filosofia dei prodotti No_Code. La Shoeker/02 ha una suola in gomma reticolata espansa, speciale miscela che stabilizza il passo, la leggerezza di tomaie in pelle e neoprene o intersecate da maglie speciali firmate dall’iconica allacciatura. 
Tod's No_Code è un laboratorio d’innovazione dedicato agli sperimentatori che si muove velocemente spaziando senza codici tra le stagioni come racconta il video presentato a Milano nella serata del 14 novembre, in cui la filosofia del progetto viene spiegata anche attraverso gli interventi di visionari le cui esperienze corrispondono al pensiero No_Code. 
Un’intervista a Chris Bangle, per vent'anni Chief Designer del Gruppo BMV, e un colloquio con la Design Curator Angela Rui, nel 2017 regista della Biennale di Design di Lubiana, mettono a fuoco i cambiamenti della società rappresentando al meglio il progetto No_Code e la sua ideologia che corre verso il futuro, in un universo ibrido e fluido, dando vita a una nuova era.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400