Sabato 27 Febbraio 2021 | 23:26

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
Il caso
Stalking, lesioni all'ex moglie: obbligo di dimora a Matera

Stalking, lesioni all'ex moglie: obbligo di dimora a Matera

 
La polemica
Matera, addetto stampa al Comune: Odg e Assostampa contro scelta «selettiva»

Matera, addetto stampa al Comune: Odg e Assostampa contro scelta «selettiva»

 
Gli episodi andavano avanti dal 2016
Impediva alla compagna di uscire di casa e la picchiava: arrestato a Matera

Impediva alla compagna di uscire di casa e la picchiava: arrestato a Matera

 
GdF
Matera, ha fatto fallire 5 società: arrestato imprenditore

Matera, ha fatto fallire 5 società: arrestato imprenditore

 
Il virus
Covid 19, virus dilaga a Montescaglioso: coprifuoco anticipato alle 20

Covid 19, virus dilaga a Montescaglioso: coprifuoco anticipato alle 20

 
indagini dei CC
Matera, spaccio di droga tra minorenni e studenti: nei guai 8 baby pusher

Matera, spaccio di droga tra minorenni e studenti: nei guai 8 baby pusher

 
Contagi
Coronavirus, a Matera positivo collaboratore vescovo, chiusi uffici

Coronavirus, a Matera positivo collaboratore vescovo, chiusi uffici

 
Il virus
Covid 19, il sindaco di Matera: «Aumento casi dovuto a imprudenza»

Covid 19, il sindaco di Matera: «Aumento casi dovuto a imprudenza»

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaTragedia sfiorata
Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: due persone ferite

Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: 2 persone ferite

 
Leccel'aggressione
Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

 
PotenzaCoronavirus
«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

 
TarantoIl caso
Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

L'intervista

Matera, prefetto Argentieri: «La percezione sociale porta la gente a stupirsi anche per un furto»

«Ma ora più reati nelle famiglie»

Matera, prefetto Argentieri: «La percezione sociale porta la gente a stupirsi anche per un furto»

Un anno fa, o poco più, il prefetto Rinaldo Argentieri si insediava ufficialmente quale rappresentante del Governo in città. Era l’8 gennaio 2020 quando, incontrando i giornalisti, sintetizzò i suoi obiettivi affermando che la Prefettura di Matera avrebbe continuato nel suo impegno “volto a preservare, in comunione d'intenti con gli enti locali e le Istituzioni del territorio, i livelli elevati di legalità e sicurezza che improntano la vostra, la nostra comunità”. Nulla faceva presagire l’annus horribilis che avremmo tutti affrontato, e che ancora esercita tutto il suo nefasto peso con la pandemia in atto. Soprattutto per l’impegno che avrebbe richiesto la gestione della situazione sul piano della sicurezza in senso lato. Specie nelle ripercussioni sociali.
«Mentalmente, l’anno che ci siamo da poco lasciati alle spalle , mi passa come tante fotografie – spiega il prefetto Argentieri –. Sono immagini che parlano di situazioni difficili e disagio, sofferenza e limitazioni del nostro agire quotidiano. Un anno che ci ha cambiato molto nel nostro modo di vivere».
Si dice, però, soddisfatto nel riconoscere l’impegno delle forze di polizia, che sono state «vigili e hanno accompagnato la evoluzione della pandemia nei suoi risvolti sociali, facendolo con attenzione e fermezza ma comprendendo che la collettività era alle prese con un fattore dirompente del tutto nuovo e inatteso».

Più volte, la provincia di Matera è risultata tra le più sicure d’Italia. Una situazione che ancora oggi è reale dal punto di visto della incidenza della criminalità?
«Isole felici non esistono. Senza etichette, mettiamola così: io ho sempre avvertito dal primo giorno la forte responsabilità di contribuire a far sì che i livelli di sicurezza di questa città e della sua provincia, che sono elevati, si potessero mantenere e, possibilmente, anche incrementare. Ma partiamo da una considerazione della realtà, di quella criminalità che è più invasiva nella vita delle persone, cioè quella cosiddetta predatoria, con furti e rapine. Qui, se c’è una rapina la gente, giustamente, si chiede cosa stia succedendo. È una percezione sociale di sicurezza, quella che porta a stupirsi, ad esempio, di fronte a un furto in abitazione. Ciò significa che c’è una sensazione di sicurezza che viene messa in crisi dall’unico furto o dai pochi reati che avvengono. Ecco perché sento forte la responsabilità di contribuire a che questi livelli di sicurezza vengano mantenuti e migliorati».

A modo suo, il lockdown, ha fatto calare i reati in generale.
«Sì, e le statistiche parlano chiaro: a Matera, come in tutta Italia, si è assistito a una drastica riduzione della criminalità, nel suo insieme. Vorremmo mantenere questi livelli non solo perché la gente e, quindi, anche i malintenzionati, sono costretti a stare a casa. È, ad ogni modo, un dato di fatto».
In controtendenza, invece, «destano in me molta preoccupazione e sofferenza, i reati che si consumano dentro le famiglie, i maltrattamenti, le violenze domestiche – aggiunge –. Ci interroghiamo spesso su cosa fare, c’è una legge nuova che sta dando i suoi frutti, ma c’è una questione con risvolti culturali molto forti su cui intervenire. È massima l’attenzione sotto l’aspetto della tutela e della protezione delle parti deboli, normalmente donne».

Si guarda al 2021 e alla agenda degli impegni. Su tutti, l’annunciato G20 dei ministri degli Esteri, che la città dovrebbe ospitare a giugno. Covid permettendo.
«Io avrei un desiderio – confida il prefetto –. Mi piacerebbe che per questo evento si possa rivivere lo stesso clima dell’anno di Matera 2019. Io non l’ho vissuto, se non indirettamente visionando i filmati e ascoltandone il racconto. Chissà che non si possano far rivivere i fasti in occasione del G20. Ad ora non sappiamo se l’evento si svolgerà in presenza o meno. Il pensiero mi induce all’ottimismo e alla serenità della nostra città, ma non solo ovviamente. Stiamo lavorando per l’evento, ma l’incognita, ribadisco, è forte e quello che si potrebbe fare realisticamente, in uno scenario qual è quello che stiamo vivendo in questo momento, è di certo molto limitato. Però, non ci precludiamo degli scenari un po' più favorevoli. Io sono un ottimista di temperamento, poi c’è tutto il realismo che gli eventi ci impongono. Sarebbe veramente un bel momento, quello di rivedere Matera ancora una volta con gli occhi del mondo addosso, sotto i riflettori della comunità internazionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie