Giovedì 24 Settembre 2020 | 00:42

NEWS DALLA SEZIONE

l'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 
Il fatto
Bernalda, pensione, da 30 anni rivendica adeguamento

Bernalda, storia di ordinaria burocrazia: da 30 anni rivendica adeguamento pensione

 
maltrattamenti in famiglia
Matera, picchia la moglie e le distrugge il telefonino: arrestato 45enne violento

Matera, picchia la moglie e le distrugge il telefonino: arrestato 45enne violento

 
Tutela consumatori
Matera, cresce prezzo pane: Coldiretti chiede incontro con panificatori

Matera, cresce prezzo pane: Coldiretti chiede incontro con panificatori

 
Nuovi talenti
Giovane biologa tra i finalisti al premio «Giovedì scienza»

Matera, giovane biologa tra i finalisti al premio «Giovedì scienza»

 
Elezioni 2020
In Puglia e Basilicata si è votato in 71 Comuni: dalle 9 lo spoglioMatera exit poll: vantaggio di Sassone

Comunali, a Trani è Bottaro bis. Ballottaggio a Modugno, Corato, Andria e nella città dei Sassi. Matera, sfida Sassone-Bennardi

 
controlli della ps
Policoro, era ai domiciliari e spacciava in casa eroina e cocaina: 30enne in carcere

Policoro, era ai domiciliari e spacciava in casa eroina e cocaina: 30enne in carcere

 
Vendita fasulla
Montalbano Jonico, acquista online play station ma era una truffa: denunciata donna campana

Montalbano Jonico, acquista online play station ma era una truffa: denunciata donna campana

 
Il caso
Elezioni, fotografano schede votate: 2 denunciati a Matera

Elezioni, fotografano schede votate: 2 denunciati a Matera

 
Ritorno a scuola
Le lezioni nel palazzetto per lavori antisismici

Policoro: le lezioni nel palazzetto per i lavori antisismici

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

Batpost voto
Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

 
Tarantola vertenza
Miattal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»

Mittal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»
«Nessun licenziato in Ilva As»

 
Foggiaemergenza contagi
Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

 
Brindisiil provvedimento
Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

 
Potenzala sentenza
Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

 
Leccela svolta
Lecce, duplice omicidio, sospettato in Procura: è un 37enne di Aradeo

Lecce, duplice omicidio, interrogato sospettato: la Procura smentisce
Autopsia: «Ferocia omicida su donna»

 
BariAvvio anno scolastico
Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 

i più letti

migranti

Ferrandina, viaggio in barcone per rivedere il padre: ora li separa la quarantena

Il giovane nordafricano è tra i cento migranti ospitati nel centro di accoglienza situato nel motel Old West nei pressi della stazione di Ferrandina

Ferrandina, Viaggio in barcone per rivedere il padre

Foto Genovese

Ferrandina - Rami (nome di fantasia) è uno dei tanti giovani di età tra i venti e i trenta anni che negli ultimi mesi ha deciso di lasciare la Tunisia, provata dalla crisi economica e politica e minacciata negli ultimi mesi anche dalla pandemia del Covid-19, per cercare un approdo in Europa. Il giovane nordafricano è tra i cento migranti ospitati nel centro di accoglienza situato nel motel Old West nei pressi della stazione di Ferrandina giunti sabato scorso su disposizione della Prefettura di Matera.

Migranti, quelli tunisini, alla ricerca di un approdo migliore dopo le nubi che si addensano su un Paese fino a qualche anno fa preso a modello di emancipazione, sviluppo culturale e turistico nel continente africano. E invece la situazione politica precipitata in poco tempo ha spinto molti giovani a lasciare la Tunisia. Di qui gli sbarchi sempre in aumento verso la Sicilia e l’isola di Lampedusa in particolare.
Appena arrivato in Basilicata dopo il lungo viaggio da Porto Empedocle, dove i migranti erano stati sottoposti alla prova del tampone al quale erano risultati negativi, Rami è stato protagonista di un evento non privo di emozione. «Suo padre - dichiara Anastasio Pane della cooperativa sociale Filef che gestisce il centro di accoglienza allocato nel motel Old West - vive e lavora ormai da diversi anni a Torino. Nel capoluogo piemontese, infatti, ha avviato con successo una piccola attività imprenditoriale.

Abbiamo messo in contatto telefonicamente Rami con il genitore poche ore che era giunto qui a Ferrandina. Il giovane, che era visibilmente provato per le tante fatiche vissute nelle ultime settimane, non ha nascosto l’emozione ed è scoppiato in lacrime, raccontando al padre per il viaggio lungo e pieno di insidie. Una volta terminata l’osservazione del periodo di quarantena padre e figlio potranno finalmente riabbracciarsi e, chissà, per questo ragazzo tunisino - dice Pane - potrà finalmente ricominciare un futuro più sereno qui in Italia».

Storie e destini che si intrecciano lungo le rotte del Mediterraneo, con traversate cariche di drammi personali, illusioni, speranze.

A volte il futuro migliore può essere rappresentato anche da una dignitosa assistenza sanitaria. È il caso di un altro giovane tunisino che ha seri problemi ad un piede. L’uomo, visibilmente dolorante, è stato curato al suo arrivo e gli è stato fasciato l’arto ed è stato fornito delle stampelle. È una delle situazioni che hanno preso maggiormente a cuore gli operatori della Filef che, proprio allo scopo di assicurare cure adeguate agli ospiti dell’Old West hanno chiesto ed ottenuto il supporto di alcuni medici ed infermieri provenienti da Potenza. Le esigenze, tuttavia, è facile immaginare che per un numero così elevato di persone sono molteplici. Per questo è fondamentale che tutte le istituzioni sul territorio garantiscano adeguato supporto dal punto di vista socio-sanitario.

Tra gli ospiti ci sono anche 7 minori accompagnati e 3 lattanti con i genitori di 3 mesi, 9 mesi e un anno e mezzo. Quanto alla nazionalità dei migranti tunisini, egiziani, maliani, bengalesi, siriani, marocchini ed pakistani. Dopo l’arrivo alcuni ospiti erano stati condotti all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera perché bisognosi di cure, altri erano invece stati condotti nel locale distretto sanitario di Ferrandina.

Dopo l’ultima fuga di nove tunisini che nella notte tra giovedì e venerdì avevano abbandonato la struttura posta nei pressi della stazione ferroviaria di Ferrandina, la strada statale 407 Basentana a ridosso del centro di accoglienza, resta una direttrici maggiormente monitorate dalle Forze dell’Ordine per prevenire eventuali allontanamenti delle persone che proprio nel centro di accoglienza basentano devono osservare la quarantena.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie