Venerdì 05 Marzo 2021 | 09:17

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
Lotta al virus
Matera, dall'8 marzo via alla campagna vaccinale nel carcere

Matera, dall'8 marzo via alla campagna vaccinale nel carcere

 
La decisione
Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

 
Fronte del no
Basilicata, ricorso al Tar contro la zona rossa: l'iniziativa di un gruppo di avvocati

Basilicata, ricorso al Tar contro la zona rossa: l'iniziativa di un gruppo di avvocati. L'appello a Speranza

 
Il video
Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

 
«Missing»
Bernalda, Angelo e Michele scomparsi nel nulla: ripartono per due giornate le ricerche

Bernalda, Angelo e Michele scomparsi nel nulla: ripartono per due giornate le ricerche

 
Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
Il caso
Stalking, lesioni all'ex moglie: obbligo di dimora a Matera

Stalking, lesioni all'ex moglie: obbligo di dimora a Matera

 
La polemica
Matera, addetto stampa al Comune: Odg e Assostampa contro scelta «selettiva»

Matera, addetto stampa al Comune: Odg e Assostampa contro scelta «selettiva»

 

Il Biancorosso

Serie C
Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiala minaccia
San Severo, busta con proiettili recapitata al sindaco: «Non mi lascio intimidire»

San Severo, busta con proiettili recapitata al sindaco: «Non mi lascio intimidire»

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 10 ordinanze

 
TarantoOperazione Taros
Taranto, operazione «Taros» dei carabinieri contro la Scu: 16 arresti

Mafia, droga e voto di scambio: blitz dei Cc a Taranto, 16 arresti

 
LecceLa cattura
Mafia, arrestato in Salento il boss Notaro, latitante della Scu

Mafia, arrestato in Salento il boss Notaro, latitante della Scu

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini anti covid, Asl Bari: «Sedute per gli over 80 riprogrammate al PalaCarbonara»

Vaccini anti covid, Asl Bari: «Sedute per gli over 80 riprogrammate al PalaCarbonara»

 
PotenzaIl virus
Vaccini in Basilicata, l'assessore: «Ritardi per colpa delle aziende»

Vaccini in Basilicata, l'assessore: «Ritardi per colpa delle aziende»

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

La decisione

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

Raffaello Ripoli ha emanato l'ordinanza per i possibili pericoli socio-sanitari e ambientali

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

No al 5G nel territorio di Scanzano Jonico. Lo ha deciso il sindaco della ridente cittadina, Raffaello Ripoli, il quale ha reso un’ordinanza, la numero 93-19, con la quale ha vietato tanto la sperimentazione, quanto l’installazione della nuova tecnologia. Perché? Lo ha spiegato lo stesso primo cittadino. «Nella veste di ufficiale di Governo e massima autorità sanitaria locale ho emanato l’ordinanza essendoci evidenze scientifiche, meglio elencate nella ridetta ordinanza, dalle quali emerge il possibile pericolo socio-sanitario ed ambientale derivante dall’attivazione dello stesso. Fino a quando non ci saranno dati scientifici attendibili, certi e indipendenti da legami con l’industria che, ovviamente, per ragioni economiche ha tutto l’interesse a diffondere detto nuovo sistema, che escludano categoricamente conseguenze pericolose per la salute umana, in applicazione del principio di precauzione sancito dall’Unione Europea, il divieto del 5G permarrà sul territorio comunale».

Insomma, per Ripoli «la salute viene prima di tutto». Il principio di precauzione è stato, così, per la prima volta applicato in Basilicata in merito al 5G. Negli ultimi anni sono state numerose le associazioni che ne hanno chiesto l’applicazione in svariati casi, praticamente mai assecondate dai vari sindaci lucani. Ma, tornando a Ripoli, il primo cittadino di Scanzano Jonico ha voluto «ringraziare le associazioni ambientaliste Mediterraneo No Triv, Mamme Libere, Cova Contro, Medici per l’Ambiente Isde e No Scorie Trisaia, perché, grazie a un incontro tenutosi alcuni giorni addietro nella sede comunale, hanno saputo fornire dettagliate informazioni, utili ad aprire gli occhi sulla questione». Ma cosa è il cosiddetto 5G? Una piattaforma che apre nuove opportunità di sviluppo, essendo una tecnologia per reti mobili di quinta generazione abilitante per servizi innovativi, che, si dice, cambieranno profondamente il modo di vivere e di spostarsi dei cittadini o il modo stesso di produrre da parte delle imprese.

È una tecnologia in forte discontinuità con il passato, sia per quanto riguarda la velocità (20 Gigabit al secondo in download) che il tempo di latenza (4 millisecondi), con enormi potenzialità sul fronte dei servizi che potranno essere sviluppati e volano di crescita per il sistema produttivo. La nuova tecnologia, dicono coloro che sono favorevoli, potrà avere ambiti di applicazione molteplici, dall’Internet delle cose (IoT) con i suoi oggetti connessi alla sanità, all’energia (contatori e lampioni intelligenti), all’automotive, fino a Industry 4.0 (automazione industriale high tech al massimo livello). Insomma, dovrebbe trattarsi di una vera e propria rivoluzione che cambierà il modo di produrre, così come quello di navigare. La nuova tecnologia sarà disponibile ai più dal 2020: con la sperimentazione del 5G nelle città italiane si punta a riportare l’Italia nel gruppo di testa dei Paesi europei e a creare nuove opportunità nella tecnologia per reti mobili. Ripoli ne ha fatto anche una questione di privacy. «Leggiamo da più parti che con la nuova tecnologia aumenterebbe il controllo su tutti quanti noi. Sarebbero molteplici, infatti, i ripetitori necessari per implementare la tecnologia, con la conseguenza che la nostra privacy, già pesantemente messa in dubbio, ne risulterebbe ancor più violata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie