Sabato 18 Settembre 2021 | 15:37

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Dorsale adriatica

Matera e Bari più vicine: terminati i lavori sulle statali 96 e 99

Ma resta il nodo dei trasporti ferroviari

Matera e Bari più vicine: terminati i lavori sulle statali 96 e 99

MATERA - Lavori di adeguamento per migliorare la percorribilità. È una frase nota per chi da Matera si deve muovere utilizzando i mezzi pubblici che viaggiano su gomma e sui binari.
A questo proposito, bisogna dire che nelle scorse ore sono terminati i lavori sulle strade statali 96 e 99 di Matera. Opere che hanno consentito l'ampliamento da due a quattro corsie del percorso, con la realizzazione dei relativi svincoli. L'investimento complessivo di Anas è di circa 35 milioni di euro. L'apertura al traffico riguarda la statale 96 tra il chilometro 81,3 e il chilometro 83,7 e per la statale 99 dal chilometro 0 al chilometro 2,7. Per quest'ultima sono incluse anche rampe, rotatorie e svincoli.

A cantiere chiuso, la strada consentirà di migliorare definitivamente la viabilità e la connessione intermodale con i nodi ferroviari ed aeroportuali dell’area metropolitana di Bari e l’accessibilità al territorio di Matera, Capitale Europea della Cultura 2019. L’apertura consentirà anche il completamento delle opere complementari e di finitura previste sulla viabilità secondaria sino ad oggi interessata dalle deviazioni del traffico, per il completamento e la definitiva conclusione dei lavori. Come informazione di servizio l’Anas informa, inoltre, che prima della rotatoria in corso di dismissione sulla sulla statale 99 in esercizio (lavori già aggiudicati ed in fase di consegna) è previsto un restringimento di carreggiata da due ad una corsia con limite di velocità di 40 chilometri orari.

Insomma, quanto al capitolo viabilità e mobilità su gomma, dopo decenni di attesi, e non poche vittime di incidenti strali, il collegamento di Matera con la dorsale adriatica si è effettivamente accorciato. Non si può dire certo la stessa cosa, non ancora, per i collegamenti su ferro. È magari il caso di ricordare quanto più volte annunciato dal presidente di Ferrovie Appulo Lucane, Rosario Almiento. «Il raggiungimento dell’obiettivo che ci siamo prefissato è quello di: completare i lavori di potenziamento e raddoppio della linea ferroviaria Bari Matera entro i tempi previsti dal nostro crono programma». Ovvero, «sulla base del programma di interventi stabiliti, realizzeremo 22 chilometri di raddoppio entro il 2019 e 30 entro il 2022 per diminuire i tempi di percorrenza tra Bari e Matera, portandoli ad 1 ora».

Chissà quante volte è stato detto, ma meglio ripeterlo. È il sogno di intere generazioni di pendolari, soprattutto quelli che hanno frequentato e che continueranno a scegliere per i loro studi l’ateneo barese. Ridurre a un’ora il tempo di percorrenza di una cinquantina di chilometri per i quali da Matera oggi s’impiegano un paio di ore è però ancora un traguardo non a portata di mano. Nell’arco della giornata, tra andata e ritorno, sono quattro le ore che bisogna dedicare al viaggio in treno. Troppe e non certo paragonabili alle esigenze di un territorio, come detto, per diverse ragioni e da sempre legato al versante adriatico. Una linea più sicura e veloce, gli utenti Fal del Materano non hanno alcuna difficoltà ad ammettere quali sono le loro reali aspettative. Non desiderano altro da decenni, si è detto. Anche perché di delusioni ne hanno collezionate ormai troppe e di altre attese a vuoto non sanno davvero cosa farsene. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie