Domenica 26 Settembre 2021 | 12:51

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Degrado in città

Matera, vandali in azione: strappate le corde del piano nei Sassi

Lo strumento non suona più: ora è desolatamente muto il Belvedere Guerricchio

pianoforte

MATERA - Perché infierire su uno strumento musicale straordinario come il pianoforte? Come si fa a sfogare le proprie imbelli idiozie su un concentrato di passione e ragione umana capace di comunicare qualsiasi tipo di sentimento attraverso una mirabile composizione di legno metallo e aria vibrante? Invece di essere vandalizzato, cosa chiede di meglio un pianoforte se non far volteggiare una volta di più sulla sua tastiera un'ispirata danza di dita? Niente.

Niente di quello che è accaduto regolarmente per mesi sull'affaccio dedicato a Luigi Guerricchio, dove è stato collocato un piano a disposizione dell’ispirazione di chiunque, bravo o meno bravo non importa. Sono stati ascoltati, non di rado, dialoghi spontanei con il paesaggio dei rioni Sassi e con la visione frontale della mole della Cattedrale. Qui si poteva lasciare qualcosa attraverso un'armonia, un qualunque motivo musicale, magari popolare. In tanti hanno condiviso la propria emozione con quanti di passaggio o ammirati dai tre archi, grazie alle infinite combinazioni del pentagramma, hanno potuto percepire un altro volto del centro storico e portare a casa il ricordo poetico o appassionato di una città capace di alimentare sempre nuove suggestioni.

Appropriata e coinvolgente questa iniziativa. Un piano per tutti, ma non per chi ha deciso chissà - nottetempo? - di fare a pezzi i meccanismi interni, strappando corde e martelletti resi tristemente muti. Il poveretto o gli stupidi che hanno fatto una cosa simile non meritano molte parole, sarebbe un inutile spreco di tempo. Una cosa è certa, però, non riusciranno mai a comprendere che in un piccolo spazio possono riuscire a convivere tasti bianchi e neri per una ragione speciale: suonare come un milione di colori nella mente di chiunque, fuorché nelle teste vuote in cui c’è solo silenzio e buio che distrugge.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie