Sabato 18 Settembre 2021 | 19:59

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

L'appello

Matera, i sindacati: «Indici di rischio mutati ora servono più uomini»

Con Matera 2019 alle porte viene rinnovano l’appello per potenziare il Comando

vigili del fuoco

MATERA - Tornano a chiedere il potenziamento delle unità in forza al Comando provinciale le organizzazioni sindacali dei Vigili del fuoco. Una richiesta che già lo scorso luglio era stata avanzata in una nota congiunta da Cgil, Conapo, Usb e Confsal in prospettiva dell’apertura del distaccamento nel centro storico nei locali concessi in comodato gratuito dall’Amministrazione provinciale in vista di Matera 2019. Da allora, tuttavia, non ci sono state novità sull’istanza che avrebbe voluto una ventina di unità a partire già dallo scorso settembre. «Ormai – dichiara Andrea Trombetta, segretario provinciale del Conapo – è quasi un anno che chiediamo il potenziamento delle unità per il Comando provinciale in virtù del considerevole aumento dei flussi turistici, ma anche della crescita delle attività turistico-ricettive che necessitano di adeguare il dispositivo di soccorso tecnico urgente del Corpo Nazionale».

Lo scenario, del resto, è totalmente mutato in città rispetto a 10-15 anni fa. «Le stime fanno riferimento a migliaia di turisti che quotidianamente visitano i Sassi, il centro storico oppure effettuano escursioni sull’altipiano della Murgia. È chiaro – prosegue Trombetta – che l’indice di rischio è accresciuto e, di conseguenza il dispositivo va aggiornato. Senza contare che gli antichi rioni tra strutture ricettive e residenti sono da considerare una città nella città. Matera 2019 è soltanto un punto di partenza».

È indispensabile rafforzare l’organico. «Chiediamo 16-20 unità in più in modo da fronteggiare il lavoro quotidiano, vigili del fuoco che sarebbero da supporto al presidio del centro storico e ad una unità mobile che invece verrebbe dislocata a Sant’Agostino nel Sasso Caveoso. Al momento disponiamo di una sola squadra per ogni turno ed una partenza da 3-4 unità».
Tra le richieste di Conapo, oltre al potenziamento del personale, anche quella di dotare i Sassi, da via Buozzi a Sant’Agostino della rete degli idranti, alcuni dei quali da ripristinare altri da attivare ex novo. Peraltro sulla questione nei giorni scorsi si è tenuto un incontro in Prefettura alla presenza del comandante provinciale dei Vigili del fuoco, ingegner Salvatore Tafaro, dei funzionari di Acquedotto Lucano e dell’Amministrazione comunale. Sulla questione del rafforzamento delle unità da sssegnare al Comando provinciale erano intervenuti anche i senatori del Movimento 5 Stelle Saverio De Bonis ed Agnese Gallicchio con una interrogazione urgente presentata il 6 novembre. Il comandante Tafaro in una nota aveva ringraziato i due parlamentari per l’attenzione alla vicenda, evidenziando di seguire la problematica sin dal suo insediamento a Matera insieme direttore regionale dei Vigili del fuoco, Eros Mannino.

«Nei mesi scorsi – dice Trombetta – i sindacati hanno rivolto un appello al sottosegretario con delega ai Vigili del Fuoco senatore Stefano Candiani . «Al sottosegretario rinnoviamo la nostra richiesta e lo invitiamo quanto prima a venire a visitare il nostro Comando provinciale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie