Martedì 22 Gennaio 2019 | 09:06

LETTERE ALLA GAZZETTA

Tutti devono avere le chance per affermarsi

In Italia troppi sono i privilegi di cui godono certe persone, grazie a leggi che molto spesso hanno favorito questo stato di cose. Per esempio, quale politico appena accorto non arrivava a capire, anni fa, che la possibilità concessa ad alcuni di andare in pensione con quindici anni di servizio, presto o tardi, avrebbe provocato danni al sistema? Un Paese moderno che ha a cuore il benessere dei cittadini, ha il dovere morale di eliminare gli ostacoli che non consentono a ciascuno di realizzarsi pienamente perché qualcuno ha deciso che deve star meglio degli altri.
Un Paese civile e democratico è quello che concede a tutti le stesse possibilità di realizzarsi, tracciando una linea unica di partenza. Anzi, se qualche eccezione va fatta è a favore di chi è più svantaggiato. Purtroppo, la realtà è ben diversa. I nobili principi della Costituzione, che ci fa tutti uguali davanti alla legge, sono stati soppiantanti da quella deleteria italica furbizia che ha sotterrato il bene comune.


Lorenzo Grande, Polignano a Mare (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400