Venerdì 18 Gennaio 2019 | 13:12

NEWS DALLA SEZIONE

Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 
Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il festival
Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

 
All'ospedale Vito Fazzi
ospedale Vito Fazzi di Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
Parla Vincenzo Zara
Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

 
Lontano almeno 300 metri
Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: mi tradisce

Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: «Mi tradisce»

 
nel Leccese
Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

 
Il progetto non decolla
Monteroni, stop all'università islamica: il Tar dà ragione al comune

Monteroni di Lecce, l'università islamica non si farà: il Tar dà ragione al comune

 
Il gasdotto
Tap, completato project financing per 3,9 miliardi di euro

Tap, completato project financing per 3,9 miliardi di euro

 
La nomina
Lecce, dopo le dimissioni di Salvemini nominato commissario ex prefetto Sodano

Lecce, dopo dimissioni di Salvemini nominato commissario: è l'ex prefetto Sodano

 
12 e 13 gennaio
BlaBlaBla Festival: a Trepuzzi contro le discriminazioni di genere

BlaBlaBla Festival: a Trepuzzi contro le discriminazioni di genere

 

«Intervenga la regione»

Lecce, a rischio 28
lavoratori Alba service

in campo l'ordine nazionale

 Lecce, a rischio 28 lavoratori  Alba service

«La Regione scenda in campo perché non venga disperso il grande patrimonio di esperienze, competenze e professionalità accumulate dai 28 assistenti sociali di Alba service, che rischiano di essere licenziati».

L’appello parte dall’Ordine nazionale e regionale degli assistenti sociali, allarmati dal persistere della gravi incertezze sul futuro dei lavoratori della partecipata della Provincia. Un patrimonio, dicono, che non può sfumare e che in questi anni ha permso di realizzarre interventi fondamentali, come il servizio sociale scolastico, presso la Prefettura di Lecce e il Tribunale dei Minorenni, a supporto dell'attività degli Uffici di Piano, verso gli anziani fragili, nei Centri per l’impiego, nell’area delle tossicodipendenze e della disabilità. «E’ gravissimo aver lasciato che la situazione degenerasse fino a giungere ad un passo dal licenziamento di questi professionisti», sottolineano i presidenti nazionale e regionale dell’Ordine, Giammario Gazzi e Antonio Nappi, secondo cui la Regione Puglia dovrebbe trovare senza ulteriori indugi una soluzione idonea. Ed aggiungono: «La nostra preoccupazione è il rischio di abbandono di ogni intervento verso il sociale e verso le fasce più deboli dei cittadini. Ci chiediamo - continuano - come sarà possibile, ad esempio, gestire la fase di applicazione del Sia - il sostegno per l’inclusione attiva, la misura di contrasto alla povertà varata dal Governo e la cui gestione è demandata agli enti locali. Per realizzare il Sia è previsto che i servizi sociali siano rinforzati proprio attraverso l’utilizzo di figure professionali, fra cui gli assistenti sociali».

A giudizio dell’Ordine degli assistenti sociuali, dunque, «la Regione non può sottrarsi alle sue responsabilità. Ne verrebbe pregiudicata la possibilità di assistere cittadini, famiglie, comunità che una ultradecennale crisi sta sempre più spingendo ai margini del consesso sociale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400