Lunedì 02 Agosto 2021 | 07:08

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
editoria
Gazzetta, Salvemini: «Preoccupato per il destino di tanti professionisti»

Gazzetta, Salvemini: «Preoccupato per il destino di tanti professionisti»

 
l'episodio
Con mal di denti, aggredisce sanitari che non tolgono molare

Con mal di denti, aggredisce sanitari che non tolgono molare

 
Tragedia sfiorata
Nardò, cade su scogliera di Tore Uluzzo e precipita per tre metri

Nardò, cade su scogliera di Torre Uluzzo e precipita per tre metri

 
Il caso
Lecce, ristoratore invita i no vax a non entrare: insulti sul web e denigrazioni

Lecce, ristoratore invita i no vax a non entrare: insulti sul web e denigrazioni

 
Operazione dei carabinieri
Lecce, la droga conservata nei barattoli di vetro

Lecce, la droga conservata nei barattoli di vetro

 
il caso
Lecce, mura del borgo antico imbrattate con disegno di spermatozoi

Lecce, mura del borgo antico imbrattate con disegno di spermatozoi

 
Serie B
Lecce Calcio, arriva anche il  francese Valentin Gendrey

Lecce Calcio, arriva anche il  francese Valentin Gendrey

 
Il caso
Lecce, zuffa all'hub vaccinale: denunciati due ragazzi

Lecce, zuffa all'hub vaccinale: denunciati due ragazzi

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

La novità

Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

Mons. Seccia: «Ma la questione luminarie non è di mia competenza»

Lecce, per colpa del Covid salta pure Sant'Oronzo

Lecce - La pandemia frena ancora le celebrazioni di Sant’Oronzo. Anche per quest’anno i fedeli dovranno rinunciare alla processione in occasione delle festività dei santi patroni dei prossimi 24, 25 e 26 agosto. Questa la scelta che l’arcivescovo, monsignor Michele Seccia, è orientato a fare, in considerazione di un’emergenza sanitaria non ancora sopita.

L’arcivescovo metropolita spiega che può procedere alle decisioni di competenza della Curia, non di quelle riguardanti i festeggiamenti civili, che competono all’amministrazione comunale. «Non nascondo che abbiamo ricevuto le lamentele dei lavoratori delle luminarie - fa sapere monsignor Seccia - ma, purtroppo, possiamo decidere solo quanto di nostra competenza. Non posso vietare nè consentire alcunchè. Posso però dire con certezza che non si possono fare le processioni. Anche se solo pensassimo al cinquanta per cento dei consueti partecipanti, l’assembramento sarebbe fuori da ogni comportamento consentito».

Dunque, come l’anno scorso, niente processione. «Sto ancora valutando se sarà possibile celebrare la messa in piazza, con le sedie a debita distanza, oppure in chiesa - aggiunge l’arcivescovo - Probabilmente celebreremo solo in chiesa e poi faremo uscire in piazza solo la statua di Sant’Oronzo e dei patroni per una preghiera alla città. Accontentiamoci anche per quest’anno della celebrazione al mattino al santuario del martirio, e poi in cattedrale, per la celebrazione del pontificale».

In questi giorni, il confronto in città sta riguardando anche la sistemazione della statua restaurata di Sant’Oronzo, che, ora, si trova nell’atrio di Palazzo Carafa (dove era stato allestito il laboratorio di restauro), e l’avvio di una raccolta fondi con una sottoscrizione, da parte dei cittadini, per la realizzazione della copia della statua da collocare sulla colonna, nell’omonima piazza.

«Per sostenere le spese di realizzazione della copia e la sistemazione della statua originale - aveva fatto sapere il sindaco Carlo Salvemini qualche giorno addietro - lanceremo con la Curia una pubblica sottoscrizione attraverso lo strumento dell’Art Bonus, che consente di effettuare donazioni in favore di enti pubblici finalizzate alla conservazione dei beni culturali: ciascun cittadino potrà contribuire a questa impresa, avendo la possibilità di legare il proprio nome a quest’opera, con una azione che per moltissimi assumerà un forte valore devozionale».

Da parte sua, l’arcivescovo ritiene che la statua originale restaurata possa rimanere nell’atrio del Comune se, però, sarà possibile trovare la maniera di renderla fruibile ai fedeli ed ai visitatori anche fuori dagli orari d’ufficio, ai quali ora è costretta. Monsignor Seccia condivide anche l’ipotesi, suggerita da più parti, di collocare la statua all’interno del Sedile, nelle immediate vicinanze della colonna.

È scontato che non potrà tornare in cima alla colonna, all’esterno, a causa del deterioramento procurato dagli agenti atmosferici. «Lo vedo pure sulle statue dei patroni che custodiamo al Duomo e che portiamo fuori solo in processione - fa sapere l’arcivescovo - Sulla lamina d’argento ho notato segni di corrosione che sono stati subito bloccati dagli interventi dei restauratori».

La Soprintendenza aveva già comunicato, a tempo debito, che il luogo di musealizzazione dovrà essere concordato e che si riservava di dare indicazioni per garantire la sicurezza, la corretta conservazione e la fruizione del manufatto.

Quanto alla copia, «dovrà essere progettata sulla base di un rilievo fotogrammetrico o laser scanner per garantire la fedeltà all’originale, rispettando pienamente le dimensioni, la volumetria e la resa estetica, valutando con la Soprintendenza la possibilità di non riprodurre tutti i segni lasciati dagli innumerevoli interventi sulla superficie, per evitare di creare un falso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie