Sabato 20 Aprile 2019 | 12:50

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

 
Lite in famiglia
Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

 
Il caso
Parabita, dopo le minacce arriva lo scudo dello Stato

Parabita, dopo le minacce arriva lo scudo dello Stato

 
La decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
Verso il voto
«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

 
Nel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
Nel Leccese
Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

 
A campi Salentina
Intrappolato con auto nel passaggio a livello: paura per anziano

Intrappolato nel passaggio a livello: paura per anziano

 
Giovedì Santo
Lecce, mons. Seccia laverà piedi a detenuti in carcere Lecce

Lecce, mons. Seccia lava i piedi a detenuti in carcere

 
La vertenza
San Cesario, sigilli a Mercatone Uno a vigilia dello sciopero

San Cesario, sigilli a Mercatone Uno a vigilia dello sciopero

 
Preso dai Cc
Matino, minacciava la madre per avere i soldi: in cella 37enne

Matino, minacciava la madre per avere i soldi: in cella 37enne

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl caso
Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

 
HomeIl caso
Metaponto, occupazione abusiva: sequestrato un camping

Metaponto, occupazione abusiva: sequestrato un camping

 
LecceIl caso
Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
BariSgominata banda
Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
TarantoL’edificio è in piazza Ebalia
Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

 
FoggiaContratto di sviluppo
Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

 

Si sono difesi

Arresto pm a Lecce, interrogati i 4 ai domiciliari: «Mai chiesto favori»

Il dg Narracci e i primari arrestati nel capoluogo salentino: «Nessun abuso»

sede tribunale di Lecce

Si sono difesi tutti i professionisti finiti ai domiciliari nell‘ambito dell’inchiesta che la scorsa settimana ha portato in carcere il pubblico ministero della Procura di Lecce, Emilio Arnesano. Le accuse, per le sei persone oggetto delle misure, sono (a vario titolo) di corruzione in atti giudiziari, induzione a dare o promettere utilità a pubblico ufficiale e abuso di ufficio.
Il primo ad entrare nella stanza del gip di Potenza è stato il dottor Giorgio Trianni, primario del reparto di Neurologia dell’ospedale Vito Fazzi. Il professionista è accusato di aver organizzato una battuta di caccia, alla quale partecipò Arnesano, per far sì che quest’ultimo provvedesse al dissequestro della sua piscina abusiva realizzata nella villa di Gallipoli.
Una ricostruzione che il primario ha respinto senza indugi. Alla presenza dei suoi avvocati Luigi Suez e Stefano Chiriatti, Trianni ha spiegato di essere legato ad Arnesano da un rapporto di conoscenza, ma di non aver mai assunto comportamenti compromettenti. Del resto era stato lo stesso Arnesano a disporre il sequestro della piscina, per presunte violazioni edilizie. I legali hanno sottolineato che il successivo disequestro era stato sollecitato sulla base del fatto che la realizzazione della piscina fosse conforme al progetto originario ed a quanto stabilito nel nulla osta regionale.


Dopo di lui è entrato dal giudice il dg della Asl di Lecce, Ottavio Narracci, assistito dall’avvocato Ubaldo Macrì: il dirigente è stato accusato di aver beneficiato dell’atteggiamento «indulgente» di Arnesano in un processo a suo carico per peculato e abuso d’ufficio, conclusosi con un’assoluzione. Episodio che gli inquirenti mettono in stretta correlazione con la vendita di un’imbarcazione al pm da parte del dirigente Asl e amico di Narracci, Carlo Siciliano, ora in carcere: il prezzo di 28mila euro sarebbe stato di molto inferiore a quello di mercato. Narracci ha respinto fermamente ogni tipo di coinvolgimento nell’episodio.
Sulla stessa linea anche il contenuto delle dichiarazioni del dottor Giuseppe Rollo, primario di Ortopedia del «Fazzi» accusato di aver chiesto l’intervento di Arnesano in due procedimenti che lo vedevano coinvolto. Si è difeso con fermezza anche Augusto Conte, indagato a piede libero, vice presidente del collegio di disciplina distrettuale degli avvocati al quale Arnesano si sarebbe rivolto per aiutare una sua amica sottoposta a procedimento disciplinare. Davanti al gip ha parlato anche l‘avvocato Bendetta Martina, ai domiciliari con l’accusa di corruzione. Secondo la ricostruzione dell’accusa, Arnesano avrebbe favorito la posizione di due assistiti della professionista in cambio di prestazioni sessuali. Inoltre il pm avrebbe raccomandato un’amica della Martina che doveva sostenere la prova orale dell’esame per l’abilitazione alla professione forense.


Nel tardo pomeriggio è stato interrogato anche l’avvocato Mario Ciardo, all‘epoca dei fatti membro della commissione esaminatrice per l‘esame di avvocato, colpito da un divieto di dimora nel Comune di Lecce. Il professionista, assistito dagli avvocati Ladislao Massari e Gabriele Valentini, ha sostenuto di non aver concordato le domande da fare alla candidata e di non aver commesso alcun illecito. I legali hanno presentato richiesta di revoca della misura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400