Sabato 19 Gennaio 2019 | 11:39

NEWS DALLA SEZIONE

Vandali al Vanoni
Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

 
Padre, madre e 2 figli
Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

 
Nel Leccese
Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

 
A Torre San Giovanni
Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

 
Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 
Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il festival
Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

 
All'ospedale Vito Fazzi
ospedale Vito Fazzi di Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
Parla Vincenzo Zara
Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

 
Lontano almeno 300 metri
Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: mi tradisce

Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: «Mi tradisce»

 
nel Leccese
Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

 

Originario di Squinzano (Le)

Caso Cucchi, il magistrato della svolta è il salentino Musarò

Il sostituto procuratore ha rivelato giovedì in aula le ammissioni del carabiniere

Caso Cucchi, il magistrato della svolta è il salentino Musarò

È salentino il magistrato della svolta del caso della morte di Stefano Cucchi. Si tratta di Giovanni Musarò, originario di Squinzano e in servizio presso la Procura di Roma. Giovedì, durante l’udienza nel processo-bis davanti alla Corte d’Assise del Tribunale della capitale, il sostituto procuratore ha rivelato che Francesco Tedesco, uno dei cinque carabinieri finiti a processo per la morte del 31enne romano, ha confessato quello che è accaduto durante e dopo l’arresto, chiamando in causa - come autori del pestaggio - i due colleghi Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro.
Dopo il secondo processo d’appello, che si è concluso con l’assoluzione dei cinque medici accusati della morte di Cucchi, nel settembre del 2015 la Procura di Roma, su richiesta dei familiari del 31enne, ha riaperto il caso, affidandolo proprio al sostituto procuratore salentino. È toccato a Musarò, dunque, il delicato compito di riprendere in mano le indagini, che si sono concentrate in particolar modo sui carabinieri presenti nelle due caserme romane - l’Appia e quella di Tor Sapienza - in cui è avvenuta l’identificazione e la custodia in camera di sicurezza del giovane, tra il 15 e il 16 ottobre del 2009.
Il 17 gennaio dello scorso anno, concluse le indagini preliminari, è stato chiesto il rinvio a giudizio, con le accuse di omicidio preterintenzionale e abuso di autorità, per i carabinieri Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro e Francesco Tedesco. Inoltre, Tedesco e i colleghi Vincenzo Nicolardi e Roberto Mandolini sono stati accusati di falso e calunnia. Il 10 luglio 2017 i cinque militari sono stati rinviati a giudizio. E l’11 ottobre, dopo oltre un anno dal rinvio a giudizio, il pm Musarò ha riportato in aula la rivelazione che, a distanza di nove anni esatti dalla morte del giovane, ha consentito di dare una svolta al caso. Francesco Tedesco, originario di Brindisi, il 9 luglio ha dichiarato di aver assistito al pestaggio di Stefano Cucchi, ma di non avervi partecipato. Il sostituto procuratore salentino, nella sua ricostruzione, ha anche parlato di una segnalazione che lo stesso Tedesco avrebbe inviato alla stazione dei carabinieri Appia il giorno della morte di Cucchi. Segnalazione misteriosamente scomparsa. È proprio questa la ragione per cui, il 20 giugno scorso, il carabiniere ha presentato una denuncia, che ha fatto aprire il procedimento contro ignoti nel corso del quale ha reso le dichiarazioni poi riportate in aula dal sostituto procuratore Giovanni Musarò. Dopo la denuncia, il carabiniere è stato ascoltato tre volte dai magistrati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400