Martedì 21 Maggio 2019 | 01:00

NEWS DALLA SEZIONE

Il sopralluogo
Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato»

Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato» FT
Ulivi infetti anche nel Tarantino

 
Ambiente
Salento Ecoday: cittadini puliscono 18 aree, da Taranto a Otranto

Salento Ecoday: cittadini puliscono 18 aree, da Taranto a Otranto

 
Verso il voto
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro Identificati 8 presunti autori Salvini: «Vergogna»

 
L'episodio
Leccese accoltellato a Pescara per rivalità calcistiche: sta bene

Leccese accoltellato a Pescara per rivalità calcistiche: sta bene

 
Il giallo
Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

 
La nomina
Lecce, Roberta Altavilla presidente dell'Ordine. «Stop polemiche»

Lecce, Roberta Altavilla presidente dell'Ordine. «Stop polemiche»

 
A Copertino
Accompagnava bulgare in campagna per a prostituirsi: arrestato 46enne rumeno in Salento

Accompagnava bulgare in campagna a prostituirsi: arrestato 46enne in Salento

 
A Lecce
Le tolgono apparato riproduttore, ma non aveva tumore: denuncia

Le tolgono apparato riproduttore, ma non aveva tumore: denuncia

 
Allarme Coldiretti
Salento, il maltempo distrugge le coltivazioni di angurie

Salento, il maltempo distrugge le coltivazioni di angurie

 
La visita del ministro
Bonisoli a Lecce e a Matera: «Nostro compito è evitare fuga ragazzi dal Sud

Bonisoli a Lecce e a Matera: «Nostro compito è evitare fuga ragazzi dal Sud»

 
Il caso
Dj salentino impiccato, riesumata la salma: autopsia in corso

Dj salentino impiccato, riesumata la salma: indagine deve ripartire da zero

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

 
BariL'evento
Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

 
BrindisiL'appello di Adelina
Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
BatSanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 
LecceIl sopralluogo
Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato»

Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato» FT
Ulivi infetti anche nel Tarantino

 
MateraAi domiciliari
Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

 

i più letti

Originario di Squinzano (Le)

Caso Cucchi, il magistrato della svolta è il salentino Musarò

Il sostituto procuratore ha rivelato giovedì in aula le ammissioni del carabiniere

Caso Cucchi, il magistrato della svolta è il salentino Musarò

È salentino il magistrato della svolta del caso della morte di Stefano Cucchi. Si tratta di Giovanni Musarò, originario di Squinzano e in servizio presso la Procura di Roma. Giovedì, durante l’udienza nel processo-bis davanti alla Corte d’Assise del Tribunale della capitale, il sostituto procuratore ha rivelato che Francesco Tedesco, uno dei cinque carabinieri finiti a processo per la morte del 31enne romano, ha confessato quello che è accaduto durante e dopo l’arresto, chiamando in causa - come autori del pestaggio - i due colleghi Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro.
Dopo il secondo processo d’appello, che si è concluso con l’assoluzione dei cinque medici accusati della morte di Cucchi, nel settembre del 2015 la Procura di Roma, su richiesta dei familiari del 31enne, ha riaperto il caso, affidandolo proprio al sostituto procuratore salentino. È toccato a Musarò, dunque, il delicato compito di riprendere in mano le indagini, che si sono concentrate in particolar modo sui carabinieri presenti nelle due caserme romane - l’Appia e quella di Tor Sapienza - in cui è avvenuta l’identificazione e la custodia in camera di sicurezza del giovane, tra il 15 e il 16 ottobre del 2009.
Il 17 gennaio dello scorso anno, concluse le indagini preliminari, è stato chiesto il rinvio a giudizio, con le accuse di omicidio preterintenzionale e abuso di autorità, per i carabinieri Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro e Francesco Tedesco. Inoltre, Tedesco e i colleghi Vincenzo Nicolardi e Roberto Mandolini sono stati accusati di falso e calunnia. Il 10 luglio 2017 i cinque militari sono stati rinviati a giudizio. E l’11 ottobre, dopo oltre un anno dal rinvio a giudizio, il pm Musarò ha riportato in aula la rivelazione che, a distanza di nove anni esatti dalla morte del giovane, ha consentito di dare una svolta al caso. Francesco Tedesco, originario di Brindisi, il 9 luglio ha dichiarato di aver assistito al pestaggio di Stefano Cucchi, ma di non avervi partecipato. Il sostituto procuratore salentino, nella sua ricostruzione, ha anche parlato di una segnalazione che lo stesso Tedesco avrebbe inviato alla stazione dei carabinieri Appia il giorno della morte di Cucchi. Segnalazione misteriosamente scomparsa. È proprio questa la ragione per cui, il 20 giugno scorso, il carabiniere ha presentato una denuncia, che ha fatto aprire il procedimento contro ignoti nel corso del quale ha reso le dichiarazioni poi riportate in aula dal sostituto procuratore Giovanni Musarò. Dopo la denuncia, il carabiniere è stato ascoltato tre volte dai magistrati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400