Giovedì 18 Aprile 2019 | 18:16

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
Nel Leccese
Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

 
A campi Salentina
Intrappolato con auto nel passaggio a livello: paura per anziano

Intrappolato nel passaggio a livello: paura per anziano

 
Giovedì Santo
Lecce, mons. Seccia laverà piedi a detenuti in carcere Lecce

Lecce, mons. Seccia laverà piedi a detenuti in carcere

 
La vertenza
San Cesario, sigilli a Mercatone Uno a vigilia dello sciopero

San Cesario, sigilli a Mercatone Uno a vigilia dello sciopero

 
Preso dai Cc
Matino, minacciava la madre per avere i soldi: in cella 37enne

Matino, minacciava la madre per avere i soldi: in cella 37enne

 
Il caso
Parabita, lettera di minacce in Comune nel mirino i tre commissari

Parabita, lettera di minacce in Comune nel mirino i tre commissari

 
L'incidente
Lecce, contro un muro con la Porsche: muore imprenditore 40enne

Lecce, contro un muro con la Porsche: muore imprenditore 40enne

 
Il caso
Omicidio Noemi, fissato al 22 maggio il processo d'appello per fidanzato killer

Omicidio Noemi, fissato al 22 maggio il processo d'appello per fidanzato killer

 
All'Università del Salento
Da Lampedusa alla laurea: storia di Sajjad, neoingegnere

Da Lampedusa alla laurea: storia di Sajjad, neoingegnere

 
Nel leccese
Botte all'anziano zio disabile di cui era tutore: arrestato 63enne a Surbo

Botte all'anziano zio disabile di cui era tutore: arrestato 63enne a Surbo

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

 
TarantoLe dichiarazioni
Ex Ilva, sindaco Taranto: «Esterrefatto da clima di semplificazione, come se problemi fossero risolti»

Ex Ilva, sindaco Taranto: «Esterrefatto da clima di semplificazione, come se problemi fossero risolti»

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

lecce

«Papà mi ha picchiato»
16enne chiede aiuto alla prof

Il ragazzo, studente di un istituto tecnico, è ricoverato al Fazzi. Indaga la polizia

«Papà mi ha picchiato» 16enne chiede aiuto alla prof

Fabiana pacella

«Sono stato picchiato da papà».

È suonato più o meno così il grido d’allarme che uno studente di 16 anni, ha lanciato ieri mattina a una docente e la dirigente dell’Istituto Tecnico De Pace di Lecce, dove frequenta il terzo anno.

Si è presentato a scuola malconcio, con evidenti segni di percosse, spaventato ma pieno di coraggio. Il coraggio di chiedere aiuto e squarciare un velo su una condizione di paura vissuta troppo a lungo tra le mura domestiche.

Questo il suo racconto. Gli agenti della questura di Lecce la verificheranno, parola per parola. E segno per segno. Quelli che lo studente aveva sul corpo.

Anche le tracce ematiche presenti sulla maglia che l’adolescente indossava saranno oggetto d’indagine. Un lavoro complesso e delicato perché c’è di mezzo un minore.

Stando a quanto raccontato dalla presunta vittima, di origini asiatiche ma residente a Lecce col padre, commerciante, i fratelli e la sorellina minore, botte e minacce in casa sono all’ordine del giorno da tempo.

Mercoledì sera, un’altra furibonda lite con l’uomo che dovrebbe proteggerlo e rassicurarlo e la fuga, per evitare di prendere altre botte. Il ragazzo ha vagato a piedi, per alcuni chilometri e si è appisolato in strada, nei pressi del cimitero comunale.

Stremato e terrorizzato ha provato a chiedere aiuto ad una delle persone di cui più si fida al mondo, la sua insegnate, e le ha telefonato. Senza successo.

Erano le 4 del mattino, il cellulare contattato non era acceso, data l’ora.

Da lì l’idea di tornare a casa, nella speranza che gli animi del genitore si fossero placati.

Niente. Di paura in paura, di violenza in violenza. Altre urla, altre botte e nessuno a prendersi cura di lui. La mamma è lontana, nel Paese d’origine, e probabilmente non è a conoscenza dell’incubo vissuto dai figli.

Il ragazzo non si è perso d’animo, ha deciso di presentarsi a scuola in quelle condizioni, con la maglia sporca e i lividi dappertutto. Ha chiesto subito di parlare con la docente cui è affezionato e con la quale si sente al sicuro e con la dirigente.

Ha raccontato la sua storia, tutta d’un fiato. Era a pezzi, scosso da paura e tristezza, tremava come una foglia. I segni di cui parlava erano evidenti e da scuola non hanno perso tempo.

È immediatamente partita la segnalazione a servizi sociali, 113 e 118, volanti e ambulanze sono giunte subito dopo a scuola.

Il 16enne è stato condotto all’ospedale Vito Fazzi dov’è tuttora ricoverato, e sottoposto ad una serie di accertamenti per verificare la gravità delle ferite riportate e le sue generali condizioni di salute., fisica e psichica.

Che fosse stato picchiato era fuori di dubbio, passato lo choc però sarà necessario verificare che ogni sua parola corrisponda a realtà e garantirgli soprattutto che quanto gli è accaduto non si verifichi mai più.

L’indagine coinvolgerà, con ogni probabilità, tanto la procura ordinaria che quella dei minori, la vittima e il padre – almeno fino a quando non sarà fatta completa chiarezza sull’accaduto -, non condivideranno gli stessi spazi.

In forse anche la posizione dei fratelli dell’adolescente. “Papà picchia sempre anche loro “, avrebbe infatti raccontato nel suo lungo sfogo di dolore.

Confortante, eccellente, il lavoro svolto da docenti e dirigenti dell’istituto. In primis nel riuscire a creare finestre di dialogo e fiducia con i loro ragazzi, in un momento storico in cui questo sembra essere sempre più difficile. E poi per la tempestività nel chiedere l’intervento delle forze dell’ordine e chiedere, proprio come l’alunno, aiuto e chiarezza.

Il ragazzino avrebbe raccontato peraltro, di avere problemi di udito proprio a causa delle percosse subite. Anche questo inquietante dettaglio sarà verificato e riscontrato dalle autorità competenti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400