Giovedì 18 Aprile 2019 | 22:18

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
Nel Leccese
Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

 
A campi Salentina
Intrappolato con auto nel passaggio a livello: paura per anziano

Intrappolato nel passaggio a livello: paura per anziano

 
Giovedì Santo
Lecce, mons. Seccia laverà piedi a detenuti in carcere Lecce

Lecce, mons. Seccia lava i piedi a detenuti in carcere

 
La vertenza
San Cesario, sigilli a Mercatone Uno a vigilia dello sciopero

San Cesario, sigilli a Mercatone Uno a vigilia dello sciopero

 
Preso dai Cc
Matino, minacciava la madre per avere i soldi: in cella 37enne

Matino, minacciava la madre per avere i soldi: in cella 37enne

 
Il caso
Parabita, lettera di minacce in Comune nel mirino i tre commissari

Parabita, lettera di minacce in Comune nel mirino i tre commissari

 
L'incidente
Lecce, contro un muro con la Porsche: muore imprenditore 40enne

Lecce, contro un muro con la Porsche: muore imprenditore 40enne

 
Il caso
Omicidio Noemi, fissato al 22 maggio il processo d'appello per fidanzato killer

Omicidio Noemi, fissato al 22 maggio il processo d'appello per fidanzato killer

 
All'Università del Salento
Da Lampedusa alla laurea: storia di Sajjad, neoingegnere

Da Lampedusa alla laurea: storia di Sajjad, neoingegnere

 
Nel leccese
Botte all'anziano zio disabile di cui era tutore: arrestato 63enne a Surbo

Botte all'anziano zio disabile di cui era tutore: arrestato 63enne a Surbo

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

politica

I partiti pensano già alle Europee
e cercano big da mettere in lista

Vitali contro una candidatura di Fitto in FI. Giochi tutti da decifrare nel Pd

I partiti pensano già alle Europee e cercano big da mettere in lista

di Michele De Feudis

BARI - Le grandi manovre per le prossime elezioni europee? Sono già iniziate nei partiti - al netto delle fasi convulse per la formazione del nuovo governo - con inevitabili riflessi anche in Puglia. Si voterà nei giorni tra il 23 e il 26 maggio del 2019 e dal momento che si tratta di una delle campagne elettorali più complesse - con un collegio che ricade in ben cinque regioni meridionali, dall’Abruzzo alla Calabria - si iniziano a delineare liste di papabili candidati. Di sicuro la contesa avrà un respiro differente rispetto al passato, e le famiglie politiche tradizionalmente europeiste - Partito popolare e Partito socialista - dovranno mettere in campo calibri da novanta per arginare la crescente onda populista anti-establishment. Le dinamiche interne, poi, registrano un derby storico tra candidati campani e pugliesi per assicurarsi i seggi in palio.

Forza Italia, con il quasi 20% raccolto nelle politiche, è una lista ambita per andare a Bruxelles. Il coordinatore regionale azzurro, Gino Vitali, ha già però messo i paletti sui possibili candidati, commentando così una indiscrezione che prefigurava un ritorno di Raffaele Fitto, eurodeputato uscente, nel partito berlusconiano: «Nulla di personale, ma politicamente non è possibile che dopo aver prefigurato il fallimento di Forza Italia, ricandidarsi per l’Europa con gli azzurri. Non so se la sta chiedendo a Forza Italia, ma io sono assolutamente contrario». Per Noi con l’Italia lo sbarramento al 4% (dopo il risultato delle politiche al di sotto del 3%) è un ostacolo che porterà inevitabilmente a cercare di gareggiare con liste rassemblement (in Molise tuttavia ha conquistato un seggio alle ultime Regionali). Gli azzurri, in ogni caso, schiereranno l’uscente Barbara Matera e non si esclude anche l’ex senatore barese Massimo Cassano. «I nostri candidati? Saranno espressione di coerenza e territorio. Insomma affidabili e dovranno conquistarsi il seggio con le preferenze», conclude Vitali.

I partiti sovranisti, Lega e Fratelli d’Italia, contano di aumentare i propri consensi e portare almeno un pugliese a Bruxelles: i meloniani potrebbero puntare su Paolo Perrone, ex sindaco di Lecce, o su Erio Congedo, consigliere regionale; il Carroccio su dirigenti cresciuti negli enti locali.

Michele Emiliano o Antonio Decaro? Il Pd, in crisi di consensi nel Mezzogiorno, potrebbe chiedere ad uno dei due leader pugliesi di gareggiare. Entrambi però sarebbero orientati a privilegiare la conquista del secondo mandato (alla Regione nel 2020 e al Comune nel 2019), ma le dinamiche interne ai dem potrebbero generare imprevedibili corto circuiti. Cercherà una conferma l’uscente Elena Gentile, identitaria vicina alla corrente di Matteo Renzi. Sempre a sinistra punta al bis Eleonora Forenza, eurodeputato di Rifondazione comunista e poi dirigente di Potere al Popolo, eletta nella (ormai tramontata) Lista Tsipras.

La Puglia ha già un deputato europeo grillino: è Rosa D’Amato, ecologista tarantina, al primo mandato (quindi ricandidabile). Il risultato plebiscitario del 4 marzo, però, in caso di nuovo exploit, aprirebbe la strada ad un secondo pugliese nel parlamento di Bruxelles.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400