Giovedì 18 Luglio 2019 | 20:01

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Porti Taranto, il Tar di Lecce dà il via libera a concessione Ylport

Porti Taranto, il Tar di Lecce dà il via libera a concessione Ylport

 
All'asta
Il Castello di Caprarica del Capo è in vendita a 4,2 milioni di euro

Il Castello di Caprarica del Capo è in vendita a 4,2 milioni di euro

 
In piazza Luigi di Savoia
Bari, anziana investita da un'auto guidata da 80enne: muore in ospedale

Bari, anziana investita da un'auto guidata da 80enne: muore in ospedale

 
Valido dal 1 gennaio 2019
Inps, ecco il bonus Sud per chi assume a tempo indeterminato under 35

Inps, ecco il bonus Sud per chi assume a tempo indeterminato under 35

 
Bari
Stadio S.Nicola, commissione dice sì alla gestione quinquennale della SSC Bari

Stadio S.Nicola, commissione dice sì alla gestione quinquennale della SSC Bari

 
La tragedia a Triggiano
Domatore sbranato, Lav denuncia: «Le 8 tigri ancora in una gabbia di 20mq»

Domatore sbranato, Lav denuncia: «Le 8 tigri ancora in una gabbia di 20mq»

 
L'intervista
Fitto: «La Von der Leyen? Persa una occasione per spezzare l’asse franco-tedesco»

Fitto: «La Von der Leyen? Persa una occasione per spezzare l’asse franco-tedesco»

 
Le dichiarazioni
Lecce calcio, La Mantia: «Concorrenza in attacco? Uno stimolo»

Lecce calcio, La Mantia: «Concorrenza in attacco? Uno stimolo»

 
L'inchiesta
Magistrati arrestati a Trani, Scimè: «Mai truccato i processi»

Magistrati arrestati a Trani, Scimè: «Mai truccato i processi»

 
È ai domiciliari
Bellomo, aperta inchiesta a Milano: chiesta archiviazione

Bellomo, aperta inchiesta a Milano: chiesta archiviazione

 
Blitz polizia
Droga, operazione anti-spaccio a Livorno: 10 misure cautelari anche a Lecce

Droga, operazione anti-spaccio a Livorno: 10 misure cautelari anche a Lecce

 

Il Biancorosso

L'AMICHEVOLE
Tanti sperimenti, poche emozioniIl Bari pareggia con la Fiorentina

Tanti esperimenti, poche emozioni
Il Bari pareggia con la Fiorentina

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tappa barese
Commercialisti a Bari, più vigilanza e controllo dell’Organo di revisione

Convegno commercialisti Bari: più controllo dell’Organo di revisione Enti Locali

 
TarantoIl caso
Porti Taranto, il Tar di Lecce dà il via libera a concessione Ylport

Porti Taranto, il Tar di Lecce dà il via libera a concessione Ylport

 
LecceAll'asta
Il Castello di Caprarica del Capo è in vendita a 4,2 milioni di euro

Il Castello di Caprarica del Capo è in vendita a 4,2 milioni di euro

 
PotenzaDegrado in città
Rifiuti, scatta la tolleranza zero a Potenza: «multe salatissime»

Rifiuti, scatta la tolleranza zero a Potenza: «multe salatissime»

 
MateraNel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
BrindisiNel Brindisino
Ruba 6 quintali di meloni in un'azienda, pizzicato al posto di blocco: arrestato 35enne

Ruba 6 quintali di meloni in un'azienda, pizzicato al posto di blocco: arrestato 35enne

 
BatIl rogo
Bisceglie, fiamme in un locale della movida: indagini in corso

Bisceglie, fiamme in un locale della movida: indagini in corso

 
FoggiaEmergenza abitativa
Foggia, da 14 anni vivono in container invasi da topi e blatte: la protesta delle mamme

Foggia, da 14 anni in container invasi da topi e blatte: secondo giorno di protesta delle mamme

 

i più letti

Cinque arresti a Roma

Operazione antiterrorismo
perquisizioni a Matera

Arresti riconducibili alla rete di Anis Amri, il tunisino autore della strage al mercatino di Natale di Berlino, ucciso a Sesto San Giovanni (Milano) il 23 dicembre del 2016.

Anis Amri ucciso a Milano

Anis Amri ucciso a Milano

ROMA - Vasta operazione antiterrorismo della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione e delle Digos di Roma e Latina. Eseguite cinque ordinanze di custodia cautelare emesse dal GIP del Tribunale della Capitale, Costantino De Robbio, nell’ambito di un’indagine coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma, Sergio Colaiocco. In corso una serie di perquisizioni nelle province di Latina, Roma, Caserta, Napoli, Matera e Viterbo. 
Gli uomini dell’Ucigos assieme a quelli delle Digos di Roma e Latina hanno arrestato diverse persone riconducibili alla rete di Anis Amri, il tunisino autore della strage al mercatino di Natale di Berlino, ucciso a Sesto San Giovanni (Milano) il 23 dicembre del 2016.

Tra i cinque arrestati tra Roma e Latina c'è anche un tunisino che avrebbe dovuto procurare i falsi documenti ad Anis Amri per permettergli di lasciare l'Italia. Gli altri quattro arrestati, anch’essi tunisini, sono accusati di aver fatto entrare illegalmente in Italia un centinaio di migranti clandestini a cui fornivano i documenti falsi per poter proseguire verso altri paesi europei. 

«PREPARAVANO ATTENTATI» - «Si è evitato che dalla fase di radicalizzazione si sfociasse in una attività terroristica. Non c'è alcun elemento concreto che facesse pensare alla preparazione di un attentato specifico ma ci sono elementi che fanno pensare che si stessero preparando a questo». Lo ha detto il pm Sergio Colaiocco nel corso di una conferenza stampa in Procura a Roma sull'operazione che ha portato oggi all’arresto di cinque persone, una delle quali accusati di autoaddestramento con finalità di terrorismo.

Sono in totale 20 le persone indagate dalla Procura di Roma nell’inchiesta che ha portato oggi all’arresto di quattro tunisini e un sedicente palestinese. I soggetti, che gravitano tutti nel territorio del Lazio e in particolare Latina, sono stati monitorati dopo l’attentato di Berlino e l’uccisione, a Sesto San Giovanni, Anis Amri. Nel corso di una conferenza stampa, a cui hanno partecipato i vertici della Digos di Roma e Latina oltre al procuratore aggiunto Francesco Caporale, è stato spiegato che gli indagati «avevano diversi livelli di radicalizzazione» ma, secondo quanto accertato dagli inquirenti, «frequentavano gli stessi ambienti». «Abbiamo individuato tutte le pedine - hanno spiegato gli investigatori - che si trovavano nel Lazio che avevano un collegamento con Amri, anche se non diretti. Non siamo in presenza di lupi solitari ma tra di loro c'erano diversi radicalizzati». Contestualmente agli arresti sono state svolte una serie di perquisizioni presso le abitazioni degli indagati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie