Sabato 16 Febbraio 2019 | 18:37

NEWS DALLA SEZIONE

Serie B
Foggia, finisce 1-1 con il Padova: sfuma al 90esimo il match salvezza

Foggia, finisce 1-1 con il Padova: sfuma al 90esimo il match salvezza

 
Controlli
Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

 
Incontri d'autore
Ex-Otago ospiti della «Gazzetta del Mezzogiorno»: segui la diretta

Ex-Otago ospiti della «Gazzetta»: rivedi la diretta

 
Il processo
Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

 
L'annuncio
Tolo Tolo, il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

«Tolo Tolo», il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

 
Il caso
Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

 
Controlli Nas e Asl
Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

 
Denunciato
Lecce, «Sono suo nipote» e bidona due notai per prosciugare conti di anziana

Lecce, «Sono suo nipote» e bidona due notai per prosciugare conti di anziana

 
In via Temenide
Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
BariSanità
Medicina «narrativa» Un corso per i medici

Medicina «narrativa» Un corso per i medici

 
TarantoLa manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

indagini di 10 anni fa

Inchiesta Tempa Rossa
«fuori tempo»
i reati sono stati prescritti

Tempa rossa

POTENZA - La Corte d’Appello di Potenza, nel corso dell’udienza che si è svolta oggi, ha dichiarato l'intervenuta prescrizione per i reati di corruzione, turbativa d’asta, falso in atto pubblico, abuso d’ufficio e favoreggiamento, nell’ambito del processo «Totalgate», nato dall’inchiesta coordinata dall’allora pm di Potenza Henry John Woodcock nel 2008 sui lavori di realizzazione del Centro Olio di Tempa Rossa di Corleto Perticara (Potenza) della Total. Dal processo escono quindi gli imprenditori, le società e alcuni ex dirigenti della Total, tra i quali l’ex amministratore delegato e uno dei manager della compagnia petrolifera francese, Lionel Lehva, e Jean Paul Juguet (entrambi condannati a tre anni e sei mesi di reclusione in primo grado).

In base alla decisione della Corte, quindi, il processo di Appello riguarderà solo la vicenda relativa all’esproprio dei terreni per la realizzazione del Centro Olio, e i reati di tentata concussione per quattro imputati: due ex dirigenti locali della Total, Roberto Francini e Roberto Pasi (condannati a sette anni di reclusione ciascuno nel 2016), l’ingegnere Roberto Giliberti e il dirigente dell’ufficio tecnico del Comune di Corleto Perticara, Michele Schiavello (condannati a cinque anni ciascuno in primo grado).
La prescrizione, secondo quanto si è appreso, è quindi intervenuta per l’imprenditore Francesco Rocco Ferrara, per l’ex sindaco di Gorgoglione (Matera), Ignazio Tornetta, per l'imprenditore Nicola Rocco Donnoli e per le imprese coinvolte nel processo. Il Tribunale di Potenza nel 2016 aveva condannato in tutto nove persone, per pene che complessivamente ammontavano a 47 anni e sei mesi di reclusione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400